Passa ai contenuti principali

IL TEMPO PASSA E TUTTO SI AGGIUSTA (storia di una mezza verità)

Sto facendo lavori socialmente utili: seleziono, ritaglio e incollo disegni di varia natura su cartoncini colorati. Lo faccio per la biblioteca della scuola, ed ho affinato varie tecniche di collage, nel frattempo socializzo con chi ha deciso di dare una mano e sto facendo conoscenza con mamme veramente in gamba, trovando anche ulteriori conferme, ai deliri che ogni tanto mi faccio. 

L'altro giorno il discorso è caduto sul coraggio di fare il secondo figlio, quando il primo ti ha messo duramente alla prova. 
C'era una mamma alla sua seconda gravidanza e lì, ammetto, ho mentito alla grande o meglio ho omesso, non tutto ma quasi. 
Lei m’incalzava con domande precise, sulla gelosia, sulla fatica, sull'organizzazione da rivedere, voleva una panoramica generale ed io ho dribblato fin che ho potuto. 

Avrei potuto dirle che il secondo è una passeggiata, che tutto sarà più facile, che lei sarà già preparata e capace e che il resto verrà da se, si insomma avrei potuto mentire oppure avrei potuto dirle che la seconda maternità per me è stata difficile quanto la prima, anzi forse di più, che non fossi preparata su nulla che non fosse stato cambiare un pannolino, che ho riaffrontato tutti i dubbi e le problematiche della prima volta con la difficoltà di non riuscire a capire perché l'esperienza accumulata con il primo, non mi stesse aiutando con il secondo anzi
che addirittura ho dovuto resettare il cervello perché quelle che allora erano state delle soluzioni, non sortivano più benefici. E poi c'erano le questioni nuove che affrontavo per la prima volta, la gelosia appunto, e la fatica raddoppiata. Il sonno che era sempre più carente e la casa che aveva preso  il sopravvento sul tempo che era sempre di meno. Potevo dirle la verità: non ho fatto né l'uno né l'altro. 
Ho scelto come scappatoia la diplomazia che tanto odio, perché dei diplomatici io non mi fido, e le ho parlato del dopo, e di quello che vivo ora, a distanza di quasi due anni. 
Le ho detto che riesco a fare una doccia in santa pace più spesso di quanto credessi, che mi passo lo smalto tutte le settimane e che posso addirittura dedicarmi alla cena mentre loro “beatamente” giocano insieme. Litigano? Si chiaro ma non è gelosia è solo comune fratellanza e comunque nella maggior parte dei casi se la spicciano da soli senza gravi conseguenze. Faccio con entrambi la spesa, con o senza carrello e spesso mi sono utili per ricordarmi cosa comprare, la piccola poi è l'addetta al cestino, anche se sembra stia trascinando un carrello in miniera.  
"E la tua vita sociale? Che ne è stato di lei?" A seguire i figli e tutte le loro attività, voglia a fare vita sociale! Conosco persone nuove praticamente ogni giorno e se volessi, ogni sabato saremmo a una festa diversa. Se volessi. 
"E il sonno? Che mi dici del sonno?" Ti posso assicurare che nel corso dell'ultimo anno sono state diverse le notti di sonno filato, senza risvegli e incursioni nel lettone e che nei giorni di festa dormiamo addirittura di più.

Leggo libri, non come prima, ma un numero che può comunque considerarsi decente. Vado dall'estetista, non quanto vorrei e spesso nella pausa pranzo, ma con cadenza per lo meno mensile e comunque, prima di uscire, mi trucco ogni mattina. Conto in banca permettendo, faccio shopping ed ho ripreso il controllo sul mio corpo e sulla mia vita, scoprendo che loro non hanno bisogno costante della mia presenza e che anzi spesso se la cavano meglio quando non ci sono. 
Le ho detto questo. Una mezza verità o meglio una verità a metà. Non credo le sarebbe servito sapere com’erano andate veramente le cose, e conoscere i dettagli del primo anno in quattro e comunque non avrei avuto soluzioni da proporle. 
Credo al detto "Ci penserò quando sarà il momento" e comunque, sto per dire una banalità, la storia è sempre quella: il tempo passa e tutto si aggiusta. 

E’ andata via sorridendo. 

Commenti

  1. Secondo me hai fatto bene, è giusto che tu le abbia raccontato di come sei ORA. I primi tempi sono durissimi, ma se il tempo si fermasse lì nessuno farebbe mai secondi figli... e invece crescendo tante cose si sistemano e vedi sempre di più le bellezze anzichè le difficoltà :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi magari quel che è capitato a me non è detta che debba succedere anche a lei!

      Elimina
  2. Anche secondo me hai fatto bene! I primi tempi inevitabilmente sono duri per tutti, con due è tutto più complicato all'inizio ma con il tempo le cose diventano più semplici. O forse noi siamo più brave a gestire i due figli perché abbiamo trovato il nostro equilibrio. Oggi che i miei figli hanno 5emezzo e 4 anni mi diverto un sacco in loro compagnia, ma non posso negare che non è sempre una passeggiata. Ma fa parte del gioco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che con la loro crescita diminuisca la fatica intesa in senso fisico ma comunque sarà sempre un doversi mettere alla prova!

      Elimina
  3. Secondo me hai fatto bene, Maria Elena. Anche perché ogni esperienza è personale. Inutile dire le fatiche, gli stress, il sonno che manca, la vita sociale che è sicuramente meno intensa. Io lo vedo con i nipoti. Uno alla volta, sono gestibilissimi, insieme (e son due) paiono 3, a volte anche quattro... Insomma,il primo anno, con due, non è facile, ma ho visto mia figlia adattarsi e superare man mano gli ostacoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i figli uno più uno non fa due ma questo vale anche dal punto di vista dell'amore che riescono a farti provare e che è molto più del doppio

      Elimina
  4. Mentire sarebbe stato sbagliato ma anche soffermarsi troppo sui primi tempi, sarebbe stato come sparare sulla croce rossa, visto che tanto ormai incinta lo è già.
    Io credo che tu abbia fatto bene a parlarle del dopo e non ti nascondo che mi fa piacere sapere che anche per il secondo vale la record a del tunnel dei primi tempi, da cui prima o poi si esce!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno mi aveva raccontato dei primi tempi con il secondo, forse avrebbe frenato anche me mentre invece è stata una delle scelte migliori che possa aver fatto!

      Elimina
  5. Son domande da farsi prima della pancia.... ;)))
    Hai fatto bene, secondo me

    RispondiElimina
  6. I primi tempi co uno, due, tre, n bambini sono devastanti sempre e comunque. Ma c'è una luce in fondo al tunnel ed è quella che dobbiamo guardare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il tunnel in realtà non abbia una fine vera e propria ma il primo tratto è di sicuro il più buio, basta sapere che dura poco anche perché per andare avanti devi comunque passare da lì!

      Elimina
  7. Ogni esperienza è a sè anche se più o meno il periodo è faticoso per tutti. Hai fatto bene a dirle una mezza verità, ora non le sarebbe servito essere angosciata per quel che sarà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi alla fine non c'è nulla di angosciante è solo che se dovevo farle un resoconto pratico ne veniva fuori una tragedia e così non è.

      Elimina
  8. A che serviva metterle l'angoscia per i primi mesi? Hai fatto benissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci siamo passate con primo,vuoi che non ce la caviamo con il secondo? 😄

      Elimina
  9. Anche io credo che hai fatto benissimo, il primo periodo è duro per tutti ma per ciascuno in modo proprio. Angosciare un altro con le difficoltà che potrebbe non avere non è intelligente. Sei stata bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel suo chiedere,lei cercava risposte precise ed io quelle non le ho, non le avevo e credo che non le avrò mai, tanto vale sorvolare e donare conforto!

      Elimina
  10. Piky, hai fatto bene, perchè terrorizzarla o anche semplicemente metterla in ansia? tra l'altro, tutte le esperienze sono diverse tra loro, per cui sarà lei a dover verificare sulla propria pelle come andranno le cose con due bimbi anzichè con uno. Sei stata brava a comunicarle un messaggio che è comunque di ottimismo; tanto le serviva per ricaricarsi e trovare in sè la forza di affrontare la fatica, le notti insonni e la riorganizzazione dell'esistenza per tappe forzate. La stessa forza che abbiamo trovato tutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da considerare sempre che un po di esperienza c'è già e se non è detta che aiuti, comunque serve!

      Elimina
  11. Ho visitato il tuo blog e lo trovo interessante. Se ti va puoi passare a trovarmi, magari ci sono cose che potrebbero interessarti.
    Ciao ciao
    e un saluto ai tuoi bimbi
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ho visto che sei una maestra e tratti molti argomenti interessanti. Ti seguirò con piacere.

      Elimina
  12. Mamma Piky mamma mia che ansia mi ha messo questo tuo post!!!io che sto per affrontare una seconda nascita..speriamo bene..ora scappo dal tuo blog..che non sia contagioso..:-))))
    Buona serata
    Fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciò pensato dopo sai?!?! È che questo diario è per me uno sfogo e mi dimentico sempre più spesso che è pubblico! Ho salvato quella mamma ma con questo post mi sa che ne ho terrorizzate altre. Non ti soffermare sui primi mesi comunque, li conosci già e li hai già vissuti, pensa al dopo che ti assicuro essere di una bellezza inimmaginabile!

      Elimina
  13. infatti, inutile mettere angoscia all'inizio. però...hai ragione!

    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/total-black-outfit-per-la-mia-festa-di-compleanno/
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa vedo? Outfit compleanno? Corro subito a leggere mi sa che mi sono persa qualcosa!

      Elimina
  14. Mi capiti a fagiolo! Ho un bimbo di sette mesi, bravo come il sole.. E sia io che mio marito (entrambi con fratello/sorella con parecchi anni di differenza) volevamo il bis ma senza aspettare troppo. Ovviamente ciò che più ci preoccupa è come gestire le cose dato che siamo senza nonni e parenti vicini (abitano a 140 km di distanza) e temiamo che col secondo/a potrebbe non andarci di lusso.. Che fare????????????

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.