Passa ai contenuti principali

"IL GIORNO DELLA PACE" (e della carta)

Per molti il bello del Natale è nell'attesa, assaporano il momento che arriverà e lo caricano di aspettative, vivono la trepidazione con gli occhi dei bambini e tornano a sognare anche un po'. Li capisco, e concordo con loro che "se non c'è attesa, non ne vale la pena".
Per altri invece, l'attesa è un'agonia, i preparativi li stressano e l'ansia di dover far tutto li divora, riuscendo a rilassarsi solo il giorno di Natale. L'avvento lo vivono male ma il 25 se lo godono alla grande. Loro oltre che capirli, li ammiro perché a me spesso vengono male entrambe le cose .
Tuttavia nonostante la comprensione, la condivisione e pure la solidarietà, la categoria che sento mia e a cui credo di appartenere di più, è quella dei "sopravvissuti del 26", ovvero quelli che cercano di vivere sì l'attesa, e pure di godersi il momento, ma che alla fine si rilassano solo a cose fatte, forse un po' "asociali", ma io sono di certo una di loro.
Del 26 amo poter svegliarmi tardi, per lo meno più tardi del solito, considerando sempre il fatto che in casa con noi, vivono "quei due" che hanno una sveglia personale che va un po' a casaccio.
Amo poter stare in pigiama fin quando mi pare, che in teoria nessuno dovrebbe venirmi a suonare alla porta. Amo il camino acceso e la musica alla radio e di non essere in ritardo per nessun posto.
Amo montare giochi di varia natura e incavolarmi perché mi sono scordata le pile, amo l'ora di pranzo che arriva quando arriva e che mette in tavola quel che c'è, per poi scoprire che è uno dei pasti più buoni che mi sono fatta nell'ultimo mese (e non dimentichiamoci che il giorno prima era Natale).
Amo il telefono che non squilla e i messaggi che non arrivano perché tutto quello che c'era da dire è già stato detto e gli auguri li ho fatti più o meno a tutti.
Del 26 amo il freddo perché se non fosse così, vivrei di sicuro con il senso di colpa di dover uscire almeno un po', mentre è chiaro che non mi schioderei dal divano e pure guardare film natalizi,  "Una poltrona per due", ad esempio, su qualche canale la scovi sempre.
Amo i giochi da tavola e i miei figli che si godono i doni che il giorno prima hanno solo intravisto.
Amo addirittura dover sistemare casa, perché nonostante la raccomandazione di non esagerare, ho giocattoli al posto delle mattonelle e amo lo spirito natalizio che finalmente mi pervade (il giorno dopo).
Me l'ha detto Wondernonna qualche giorno fa "Il 26 è il giorno della pace", io per quest'anno, aggiungerei "anche quello della carta", e sono d'accordo con lei!

Commenti

  1. Ahahah, inutile dire che condividiamo anche questo, Maria Elena. Non ti ho preceduto, nel dirlo, l'ho semplicemente scritto in un momento che tu hai avuto un po' più tardi, rispetto a me.
    Oddio, sto facendo casino. Quel che volevo dire è che OVVIAMENTE la penso esattamente come te su Santo Stefano. E già lo sapevi!
    Un abbraccio, cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quest'anno in più c'è stato pure il sabato e la domenica di assoluto relax. Oggi no, oggi è lunedì a tutti gli effetti!

      Elimina
  2. Ciao,
    Io sono una fautrice dello spirito del Natale, ma è vero che il giorno dopo è il vero relax. Ti ho nominata Top of the Post sul nostro blog:
    http://www.genitorialmente.com/2014/12/top-of-post-29-dicembre.html
    Ciao
    Flavia

    RispondiElimina
  3. il nostro giorno della pace quest'anno è stato un recupero del 24 e 25, che ci ha visti a casa per questioni di salute e lavorative...il 26 è stato il nostro 25 (per compagnia e cibo) :-)

    RispondiElimina
  4. Per questo non mi piacciono gli inviti e gli appuntamenti a Santo Stefano...
    La penso esattamente come te...

    Maira

    RispondiElimina
  5. anche io di tutte le feste amo il 26! quest'anno è stato particolarmente pigiama day ma va bene così... non ho fatto altro che correre negli ultimi mesi!auguri di cuore Piky cara, nella speranza di qualche altra ora di riposo per te in queste vacanze!

    RispondiElimina
  6. Io il 26 sono ancora in giro per pranzi e cenoni, a fare auguri e scartare regali ( o meglio, a caricare in macchina una marea dei njuovi giochi per lui)...il giorno della pace è solo il solo il 27 quando, come quest'anno, è sabato o domenica e non devo tornare subito al lavoro!

    RispondiElimina
  7. Quest'anno niente ansia...sono andata avanti senza pensieri, incosciente e menefreghista. Ti dirò...mica male come Natale!

    RispondiElimina
  8. Quest'anno tante risate e leggerezza....niente ansia, niente regali obbligati, niente visite di cortesia... se non fosse per la febbre di chicco...sabato e domenica a lavoro...oggi però c'è la neve...

    RispondiElimina
  9. Mi unisco al gruppo dei sopravvissuti, che nel mio caso è quello del 27, perché il 26 sto ancora tentando di finire il giro di tutti i parenti .... :-))

    RispondiElimina
  10. Per me il giorno della pace è il 27 visto che il 26 mia madre festeggia a casa sua e invita sempre tutti i nostri zii e cugini e siamo in tantissimi. Confesso che il vero Natale è proprio Santo Stefano!

    RispondiElimina
  11. per noi uguale...ma parte dal 25 ahahahahahhahha

    RispondiElimina
  12. Belle le feste e bello il post-festa! Buon anno e a presto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.