Passa ai contenuti principali

COME DONARE IL CORDONE OMBELICALE

Dopo i post di un paio di settimane fa che hanno trattato il tema della conservazione delle cellule staminali, oggi torniamo a parlare di cordone ombelicale e di come sia possibile donarlo.
 
Per farlo al meglio, lascio la parola a chi ne sa molto più di me, affinché spieghi tutto in maniera professionale ma chiara.
 
Come donare il cordone ombelicale: informazioni e procedure
 
Conservazione cordone ombelicale o donazione?

È questa la scelta che sono chiamate a fare le famiglie in attesa di un bambino. Oggi ci occupiamo della donazione, spiegando cosa occorre fare per richiedere di donare, quali sono le procedure da seguire e quali i possibili ostacoli affinché la donazione vada a buon fine.
Scegliere di donare il cordone ombelicale del proprio bambino significa rinunciare alla proprietà delle cellule staminali contenute nel suo sangue cordonale e mettere il campione raccolto a disposizione del sistema sanitario pubblico, che le utilizzerà per il primo richiedente compatibile. In alcuni casi particolari invece, il sistema sanitario pubblico consente la conservazione dedicata: nel caso infatti per il nascituro vi siano rischi di patologie geneticamente determinate, il Ministero della Salute ha predisposto la possibilità di conservare le staminali del cordone del bambino mantenendole a sua disposizione. Sia la donazione che la conservazione dedicata sono gratuite.
In Italia sono 19 le biobanche pubbliche si occupano di conservare i campioni donati e circa trecento gli ospedali presso i quali è possibile donare (la donazione non è possibile presso tutti gli ospedali, alcuni non sono attrezzati).
I dati del Centro Nazionale sangue però dimostrano che il numero di campioni bancati, cioè conservati presso queste biobanche, è ancora molto basso. Questo dipende sicuramente dal fatto che non tutte le famiglie sono al corrente della possibilità di donare o conservare le staminali del cordone, ma anche dal fatto che sono ancora moltissimi gli ospedali e le strutture in cui non è possibile donare e che, anche ove è possibile farlo, spesso il servizio viene sospeso negli orari notturni e nei week end. Anche richiedendo di donare e seguendo la procedura, dunque, non si è certi che il proprio campione potrà essere donato.
Per richiedere di donare le staminali del cordone è necessario compilare e firmare dei documenti in cui si autorizza il personale medico ad effettuare la procedura e sottoporsi agli esami di laboratorio necessari per verificare se la coppia è idonea alla donazione. Nel dettaglio, occorrerà sottoporsi ad un colloquio con il personale medico dell’ospedale, compilare un questionario sulla anamnesi familiare e le condizioni di salute, poi sottoporsi a degli esami del sangue, che dovranno essere ripetuti a sei e dodici mesi dal parto, per confermare l’idoneità del campione da donare.
Come molte mamme che hanno provato a donare le staminali del cordone sanno, la donazione non è un servizio sempre garantito e spesso, a fronte di tanti incoraggiamenti nei confronti della donazione, ci si sente dire che non è possibile donare per svariati motivi. Resta l’importanza dell’informazione, perché sapere che ci sono queste due strade a disposizione delle famiglie, donazione al sistema pubblico e conservazione presso una banca privata, che entrambe sono perfettamente lecite, legali, e di valore è di grande importanza per consentire alle famiglie una scelta consapevole e serena.
Per maggiori informazioni: www.cellulestaminalicordoneombelicale.it

Commenti

  1. Io mi ero informata per donarlo, ma nel mio ospedale non facevano più la donazione perchè essendo un ospedale piccolo erano appoggiati a quello di verona se non sbaglio ma non avevano bisogno di quei pochi cordoni che riuscivano a recuperare, e vista la "complessa" procedura hanno deciso di sospendere. Se ci fosse più conoscenza di questa possibilità forse anche negli ospedali piccoli ci sarebbe la possibilità come in quelli più grandi. <3

    RispondiElimina
  2. Esiste anche la possibilità di chiedere di non recidere il cordone finché pulsa. In questo modo il nostro bambino avrà una super scorta di ferro direttamente dal sangue materno, che lo aiuterà nella crescita.
    :-)

    RispondiElimina
  3. ...che tristezza, non ho potuto donarlo per delle piccole problematiche del maritino di tantissimo tempo fa... vabbhe, la sicurezza prima di tutto ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.