Passa ai contenuti principali

SEI UNA MAMMA IN ATTESA? (questo ti può interessare) PARTE I°



Nel corso della mia prima gravidanza sono stata una mamma in attesa molto informata, leggevo tanto e altrettanto cercavo di capire. Tutto per me era nuovo e non volevo lasciare niente al caso. Essere consapevole di quello che ci sarebbe successo da quel momento in poi, era per me un partire con il piede giusto. Argomento principe delle mie ricerche, ovvio, era la salute: la mia, ma soprattutto la sua, come preservarla e tutelarla nel migliore dei modi. Metti al mondo una creatura e quello che più desideri è che stia bene, punto, il resto alla fine son solo dettagli
Proprio nel corso di questo mio cercare, mi sono spesso imbattuta in articoli e opuscoli che parlavano della conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale. Non ne sapevo granché e poco di più ne ho saputo dopo aver letto, le informazioni erano frammentate e di sicuro poco chiare, la procedura sembrava difficile e nemmeno la ginecologa che mi seguiva, è stata in grado di spiegarmi, segno inequivocabile della poca conoscenza, risultato della poca diffusione.
Per questo Mamma Piky ha raccolto l’invito da parte di Patrizia di www.cellulestaminalicordoneombelicale.it di ospitare una serie di articoli sull’argomento.
Oggi il primo.
Non sono post scritti da me, è la loro voce a parlare, io gli presto “il palco e il pubblico” con l’unica volontà di far conoscere un argomento che vive un po’ insabbiato, e far si che ogni scelta (qualsiasi essa sia) venga fatta con consapevolezza.

Patrizia, a voi la parola.
Cellule staminali del cordone ombelicale: cosa sono e perché è importante saperlo

A cura di: www.cellulestaminalicordoneombelicale.it

Il termine “cellule staminali” è usato sempre più frequentemente da tv e giornali, spesso per affrontare argomenti complessi che non sempre vengono spiegati, dando per scontate una serie di conoscenze che, in realtà, sono in pochi ad avere. Avviene così che la gran parte della popolazione arrivi ad avere idee sbagliate o confuse su questo argomento. A confermarlo è anche un sondaggio condotto da ISPO Ricerche, dal quale emerge che solo l’11% degli italiani sa davvero di cosa si parla quando si usa il termine cellule staminali ed è informato su donazione e conservazione cordone ombelicale.

La conoscenza su questo argomento, però, è importante, soprattutto per le famiglie in attesa di un bambino. La nascita di un bambino infatti è l’unica occasione che una mamma e un papà hanno per scegliere di raccogliere le cellule staminali del cordone ombelicale ed evitare che queste preziose cellule vengano gettate. Uno spreco che, oggi, avviene nel 97% dei casi. Una volta raccolte le cellule staminali del cordone ombelicale possono essere donate oppure conservate privatamente. Nel primo caso la famiglia rinuncia alla proprietà del campione raccolto e lo mette a disposizione del servizio sanitario pubblico, che lo utilizzerà per il primo richiedente che risulti compatibile. Nel secondo caso, invece, la famiglia sceglie di conservare il campione privatamente, mantenendone la proprietà. In caso di necessità, per il bambino o per un altro membro della famiglia, il campione sarà a loro disposizione e potrà essere utilizzato.

Ma utilizzato per cosa? Cosa sono e a cosa servono le cellule staminali del cordone ombelicale?

Le cellule staminali sono cellule indifferenziate che hanno la capacità di auto rinnovarsi e di dare origine a ogni tipo di cellula del corpo umano. Con il termine "cellule staminali" si indica una popolazione molto ampia di cellule che, a seconda della loro origine, possono essere definite embrionali (cioè prelevate dall’embrione, causandone la distruzione), adulte (le più utilizzate cellule di questo tipo sono quelle del midollo osseo) o cordonali (cioè le cellule staminali presenti nel sangue del cordone ombelicale).

Con una procedura semplice, sicura e indolore, è possibile raccogliere le staminali cordonali al momento della nascita del bambino. Ma perché farlo? Perché a oggi le cellule staminali sono considerate una valida opzione terapeutica per oltre ottanta patologie, che il Ministero della Salute ha elencato nel decreto ministeriale del 18 novembre 2009. Tra queste patologie, già oggi trattabili con cellule staminali del cordone ombelicale, ci sono leucemie, linfomi, anemie e molto altro ancora. Dunque le staminali del cordone già oggi sono uno strumento utile per la medicina. Ma la ricerca non si ferma e non è detto che in futuro la rosa di patologie per cui sarà utile avere a disposizione le cellule staminali del cordone ombelicale non si allarghi sino a comprendere malattie che oggi sono incurabili.

Ecco perché è importante essere informati, ecco perché vale la pena prendere maggiori informazioni sulla possibilità di raccogliere e conservare o donare le cellule staminali al momento della nascita del nostro bambino. Non ci sono rischi e l’utilità di questo gesto è già oggi provata.

 

Per maggiori informazioni: www.cellulestaminalicordoneombelicale.it

Commenti

  1. Io avevo dato il consenso per la donazione del cordone ombelicale di michy ma, avendo partorito di sabato, l'ufficio era chiuso e quindi è stato gettato via.....pensa te che tristezza:-((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che della possibilità di donarlo, nemmeno lo sapevo. Forse è' perché è provincia, ma le informazioni erano molto scarse, ora vedo piano piano qualcosa muoversi. La scelta e' personale e non discutibile, l'importante e' avere gli strumenti per farla.

      Elimina
  2. Informazioni molto interessanti! Ho sentito parlare spesso di questo argomento e molte volte i pareri erano discordanti, forse talvolta dovuti anche alla poca informazione. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si i pareri non sono univoci perché la sperimentazione e la scienza, spesso e paradossalmente, hanno confini sfumati e incerti.

      Elimina
  3. Anche io avevo dato il consenso per la donazione ma al parto mi hanno detto che non era in condizioni utili e comunque, data l'anamnesi familiare non perfetta, non lo avrebbero raccolto. La verità, secondo il mio ginecologo, e' che per l'ospedale e' una difficoltà e non c'è la volontà.
    Quanto alla conservazione per se, il mio ginecologo mi aveva fornito informazioni e spiegazioni, nonché numerosi opuscoli facendo i anche presente, però, che per usare il cordone in caso di necessità avrei dovuto andare all'estero e che i casi al mondo sono pochissimi e praticamente nessuno con uso del proprio cordone. In più, non c 'era alcuna garanzia di affidabilità delle banche di raccolta, dato i periodici scandali e gli studi non abbastanza a lungo termine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'ospedale dove ho partorito io mi hanno detto chiaro e tondo, che non si poteva. Il perché non l'ho capito, di sicuro e' considerata "una bega" che molti preferiscono non avere

      Elimina
  4. E' un argomento interessantissimo! peccato che per donare le cellule ci siano ancora più provini che per entrare nella casa del grande fratello! S me non anno lasciato perché sono anemica, alla mia amica perché fumava in precedenza.. a questo punto non so si siano scuse per non farlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto interessanti le tue osservazioni, chiederò a Patrizia un post dove poter chiarire tutti questi dubbi.

      Elimina
    2. vedo che prima ho mangiato la metà delle lettere... cmq hai capito no? eheh
      Ti ho proposto per un premio! :) ti lascio il link http://mammasononato.blogspot.it/2014/03/un-premio-tutto-per-me.html?m=1#comment-form BACI

      Elimina
  5. Argomento interessante. Purtroppo dalle mie parti non tutte le opzioni erano possiblili...

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.