Passa ai contenuti principali

UNA STORIA VECCHIA COME IL CUCCO



È una storia vecchia come il cucco, ho letto di tutto e sentito anche di più sull’argomento. 
Tra mamme se ne parla da sempre e tutte siamo d’accordo ...

“Non importa come hai partorito perché non servono ore di travaglio e parti dolorosi per dire di essere una mamma vera. Ognuna ha la sua storia che gli ha portato il proprio bambino tra le braccia. Ognuna è speciale e perfetta così com’è”.

Lo so, l’ho sempre saputo, l’ho detto anche ad altre mamme, a quelle che si sentivano “mamme a metà” per non aver potuto avere un parto naturale, le ho convinte e rincuorate. Perché è così. Ognuno ha il suo parto e la sua nascita, ognuna ha il suo giorno in cui è diventata mamma e che non dimenticherà mai.

Però lei l’ha buttato lì quasi con disattenzione, l’ha detto, sono sicura, senza nemmeno pensarci, non con cattiveria (è un’amica perbacco). 
L’ha detto perché è diventata mamma da qualche mese ed ha ancora vivo il ricordo di quella giornata che ha acceso in lei una luce e una felicità nuova. 
È sempre stata una ragazza felice, allegra e spensierata ma da quando è mamma è al settimo cielo, entusiasta della vita è l’espressione giusta che ora la descrive. Parlare con lei è un piacere, è positiva, combattiva piena di energia e sentirmelo dire proprio così, ha lasciato il segno.

“Piky tu sei mamma dentro, se però avessi partorito naturalmente lo saresti di più, perché se non hai partorito non puoi capire” .

Cosa non posso capire?

Non l’ho chiesto, anzi peggio ho risposto e mi sono pure giustificata, dicendo che io un parto naturale non avrei potuto farlo.

“Si lo so, però solo con un parto naturale capisci di cosa è capace veramente una mamma”.

Non ho risposto nemmeno qui, perché so che non è vero, so che è una grande cavolata, so di cosa sarei capace per i miei figli (e non è neanche bello da raccontare), e so che i miei due parti sono stati e rimarranno i giorni più importanti della mia vita, che mi ricordo ancora oggi, minuto per minuto.

Ecco, io tutto questo lo, e questa storia è vecchia come il cucco, però ancora oggi non mi è passata.

Commenti

  1. sai, io tutto questo gareggiare tra madri non lo capisco
    l'ho vissuto anche io, forse l'ho fatto
    ma se ci penso adesso che mia figlia ha più di 13 anni mi rendo conto che è una cosa senza senso.
    io ho fatto il travaglio, poi c'è stato un problema e ho fatto il cesareo, e le ho invidiate le madri che hanno fatto il parto naturale, perchè non hanno il taglio sulla pancia, non hanno impiegato una settimana a rimettersi in piedi, non avevano le braccia piene di lividi per le flebo
    Però il cesareo ha salvato la vita a me e a mia figlia e quindi bene così
    E sulla lunga distanza non è certo il modo in cui hai partorito che ti fa più o meno madre di un'altra
    E comunque non è mica una gara a chi ha dato/dà di più ai figli, santocielo, anche perchè bisognerebbe vedere se è giusto darsi completamente ai figli con il rischio di annullarsi, o se magari si è madri migliori continuando a coltivarsi anche come persone
    ma qui, sto andando fuori tema, scusa
    in ogni caso non ci pensare, e lo stesso dico anche a me, perchè se ho scritto un commento così lungo forse un po' la cosa mi tocca....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra strano continuare a pensarci anche se sono passati ormai 9 anni

      Elimina
  2. Mamma mia...
    Proprio non capisco questi discorsi. E una mamma adottiva? È meno mamma di chi ha partorito?
    No, non credo in queste affermazioni.
    Una mamma è mamma quando lo sente nel suo cuore e questo non può essere giudicato da nessun altro se non lei stessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo l'abbia detto senza pensiero e senza cattiveria... un'amica, mi fa solo strano che la cosa mi tocca anche se vorrei dire di no

      Elimina
  3. Scusa...io ne ho fatti 4 naturali, senza nemmeno l'epidurale...ma questa sarà pure vecchia come il cucco, ma più che altro mi pare una grande cazzata!!! E allora chi adotta non è nemmeno mamma, fammi capire?!?! Grande grande cazzata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è infatti....anche perché il parto cesareo è un parto, la ginecologa me ne disse di tutti i colori quando le confessai che non volevo fare il corso pre-parto perché avrei fatto un cesareo!

      Elimina
  4. Piky io in cuor mio non accetto di averci provato fino alla fine e oltre e non avercela fatta, con il secondo e con la terza. Felice di aver vissuto il parto naturale almeno una volta, felice che mio marito fosse con me, ma questa e una cosa mia, che mi tengo dentro e che non mi fa sentire più o meno mamma... mamma lo sono nelle loro notti insonni con la febbre, quando torno dal lavoro e corrono ad abbracciarmi, quando arrivo a sera distrutta, quando li guardo dormire, quando vado a fare shopping e compro solo cose per loro e questo è uguale per tutti e 3

    RispondiElimina
  5. Pensa che io oltre ad aver fatto il cesareo una volta mi sono azzardata a dire che con l' allattamento la sanguisuga mi stava prosciugando e stavo cercando di allungare il tempo tra le poppate... e mi sento rispondere "ah no no io ero a completa disposizione di mio figlio" ... ma vaffa... che ci vuoi fare evidentemente alcune proprio non possono capire... lascio alle perfette l'onore di intuire chi si e chi no.

    Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche sull'allattamento ne ho sentite tante....ecco io la fortuna di allattarli per due anni l'ho avuta ma questo perché per me è stato semplice e senza complicazioni (nonostante il cesareo)

      Elimina
  6. Che brutte cose da dire, speriamo siano state dette solo sull'onda dall'euforia di essere diventata mamma.
    Nessuna mamma è meno mamma delle altre perché non ha potuto vivere alcune esperienze. Io mi sono sentita per troppo tempo meno mamma perché non ho mai avuto la possibilità di allattare o perché ho un figlio solo ma poi per fortuna mi sono ricreduta.
    Mi auguro che la tua amica capisca il peso che può avere una frase come questa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si assolutamente sono state dette senza il minimo di cattiveria, non ci sono rimasta male per quello ma sono rimasta stupita per la reazione che hanno avuto su di me, che avrei dovuto dire " ma va la che ti frega" ed invece ci ho rimuginato sopra per giorni...e ci ho pure scritto un post !

      Elimina
  7. Nemmeno io ho partorito per davvero allora, due cesarei programmati. Ma chissenefrega? Cosa Cambia? Questi discorsi si fanno fra chi ha bambini piccoli, poi man mano che crescono e i problemi sono altri quel momento sfuma, non se ne parla più e manco si chiede. Io non mi sento mamma a metà nemmeno un po'. Mi sarò sentita in passato, ma adesso neanche un po'. Non mi manca davvero niente.

    RispondiElimina
  8. Quindi io sono una mamma di merxx, due cesarei non ho allattato perché niente non ne avevo o comunque non abbastanza...
    Sono storie terribili e sentirlo dire da donne giovani è ancje peggio, l'ho sempre detto che la solidarietà femminile non ce la fa a farsi strada un uomo probabilmente avrebbe battuto una pacca sulla spalla dicendo ma che ti frega forse hai sentito meno male...e avrebbero aperto una birra che in teoria fa latte ma se anche non lo fa fa bene all'umore...Tristezza infinita ma come te non riesco a ribattere...

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Eh, Piky, però, però... Mia madre, vecchia scuola, mi ha insegnato che non bisogna mai criticare quello che non si conosce nè tantomeno le persone più avanti di te con gli anni e con l'esperienza (non per darti della vecchia, ma obiettivamente di mammitudine la sai certo più lunga di una neomamma), perchè oltre a rischiare di fare del male si fa anche una pessima figura. Umiltà, questa dimenticata.
    Certo che tu non saprai mai come ci si sente a partorire naturalmente, nè io saprò mai come si vive un cesareo. Io peraltro non saprò mai come si sente una donna che allatta naturalmente, come chi allatta al seno non capirà mai il sacrificio di chi come me ha passato mesi al tiralatte e allo sterilizzatore.
    Quindi? Entrambe però sappiamo cosa significa fare le notti in piedi a cullare un insonne, tirare su rigurgiti pestilenziali, sedare pianti infiniti e capricci, ficcarci un mattoncino lego sulla pianta del piede di notte, predicare ore e ore per far fare compiti, piangere fuori dalla porta della materna con la senzazione di essere una pessima madre che ha abbandonato il pargolo nelle mani di sconosciuti, lavare pavimenti sporchi di pappe, di pipì uscite di straforo dal vasetto, di vomiti notturni da virus intestinali con tanto di cambio di lenzuola plurimo mentre gli occhi li tieni aperti con lo scotch sulle palpebre superiori.
    Ed è solo l'inizio. Sono a quota sedici anni di mammitudine, tante ne ho imparate e tante me ne aspettano ancora, in sbagli, in rimorsi, in gioie da assaporare. Madri non si è arrivate mai ad esserlo al cento per cento se non alla fine dei propri giorni.
    Che il parto dura due ore o tre giorni, ed è diverso per tutte. Ma si capisce cosa significa essere madri e cosa una madre arriva a fare solo dal giorno dopo in poi. E quello si, è uguale per tutte.

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.