Passa ai contenuti principali

COMPITI PER LE VACANZE

Compiti per le vacanze. 

Non i loro, che hanno il solito libricino colorato pieno di giochini che vorrei fare io, tanto mi piacciono, ma i miei compiti per le vacanze, perché così, obbligandomi, spero  di riuscire a godermi un po’ di più, il tempo che passiamo insieme senza che l’estate mi sfugga tra le mani riducendosi a quella manciata di giorni di ferie che riesco a racimolare alla meno peggio e ai quali arrivo sempre più simile a un cencio sporco.

Ho stilato una lista. Obbligatoria.
POCHI IMPEGNI. POCHISSIMI IMPEGNI...anzi meglio, facciamo nessun impegno a meno che non sia qualcosa che abbiamo tutti voglia di fare ma che soprattutto abbiamo deciso. Gli ultimi due mesi li abbiamo passati a rincorrere cene, eventi, feste, cerimonie e momenti organizzati da altri e in cui noi eravamo gli invitati e per carità, è bello partecipare ma non per due mesi di fila.

SOLO FILM E CANZONI DELL'ESTATE ...e già che ci siamo pure i cartoni. Mi ricordo che anni fa il palinsesto televisivo in estate, subiva un tracollo, tante repliche, zero quiz, pochi film e qualche serie televisiva demenziale, tipo "Professione Vacanze". 
Tutti lì a lamentarsi, ma caspita alla fine era estate e son queste le cose che io oggi vorrei vedere. No Il Gladiatore, no il Silenzio degli Innocenti...belli per carità ma un tantino ansiogeni, specialmente se fa caldo e dormi con la finestra aperta. 
E poi i cartoni? Ma vi sembra il momento per mandare in onda "Il Natale di Masha?" ...cantare "una grande festa" di Carboni ecco cosa voglio!

ALLA LARGA DAI QUARAQUAQUA. Quelli che l'inverno si lamentano perché è freddo, e l'estate perché è caldo, quelli che fanno collezione di presunte disgrazie, quelli che sono sempre incazzati, quelli che sono i più sfortunati del mondo ma anche migliori di tutti gli altri, che non li capisce nessuno, che sfiga come la loro non ce n'è, quelli nati stanchi e che la colpa non è mai la loro...ecco quelli lì…quelli che a stargli vicino c'è il rischio che diventi nero anche il sole di ferragosto o la notte di San Lorenzo. La lista è lunga lo so

SPORT, MOVIMENTO, GAMBE IN SPALLA...va beh magari nel mio caso parlare di sport è esagerato, ma oramai dei miei workout non posso più farne a meno e lo so che ai sportivi, quelli veri, questa cosa fa sbellicare ma quell'ora al giorno, a me fa star sempre meglio, fisicamente non lo so, non mi peso e non mi misuro, ma moralmente non c'è dubbio.

RICORDARSI DI GIOCARE. A Scarabeo, a Cluedo, ma anche sugli scivoli, le altalene, qualunque cosa, l’importante è giocare.

BERE UN MOJITO FATTO COME SI DEVE. La ricetta è quasi banale, rum, soda, ghiaccio e menta. Ma se il rum è di scarsa qualità, tanto vale bere alcol etilico, se la soda non è ben dosata puoi ubriacarti con il primo sorso o bere il nulla, se lo zucchero non è di canna meglio lasciar perdere e se la menta non è fresca non sa mica di menta....roba mica da ridere ma non posso arrivare a Cuba per fare un esercizio.

SCORDARMI CHE L'ESTATE DURA SOLO TRE MESI. Perché inizio a fare subito il conto alla rovescia e va a finire che mi perdo il meglio,  il qui e l'ora e poi a furia di contare finisce pure che i compiti non li faccio. 



Commenti

  1. Ti sei data dei compiti bellissimi...però difficili!
    perchè l'estate alla fine vola sempre!
    Io quest'anno mi sono ripromessa di non lamentarmi del caldo (delle zanzare sì, pero'), perchè è da troppo che lo attendevo. Quindi ai commenti altrui, sorrido e passo oltre. Buone vacanze allora e...buon lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione..mi sembra ieri che è finita la scuola ed è già passato un mese...devo darmi una mossa, sono in ritardo con i compiti

      Elimina
  2. Bellissimi questi compiti dell'estate! Penso che stillerò anche io una bella lista citandoti per la brillante idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curiosissima di leggerla...avvertimi quando la fai

      Elimina
  3. Lo sai anche io mi sono data dei compitini, ma non sono stata così brava da farmi una lista!
    Per me quest'anno sarà un'estate lunghissima dopo 4 anni di estati francesi (da inizio luglio a fine agosto!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una lista perché così vedendoli nero su bianco magari mi ricordo che sono obbligatori

      Elimina
  4. Ottimi compiti per le vacanze.
    I miei sono:
    Leggere, leggere, leggere;
    Nuotare al lago;
    Ascoltare molto, parlare pochissimo;
    Mangiare sano e camminare il più possibile che questi due maledetti kg mi stanno appiccicati addosso e non se ne vanno per la loro strada, devo seminarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto Leggere....questa la dovevo mettere ma non mancherò di farlo e poi mi piace "parlare pochissimo" ;-))

      Elimina
  5. Belli questi compiti!
    Io non mi sono posta obiettivi se non quello di arrivare al 27 luglio sana di mente. Al lavoro c'è ancora tanto da fare e sono stanca, Pulcino ha l'ennesima bronchite ed ho voglia di mare e mojito ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure tu Mojito!!!! Se trovi un posto dove lo fanno decente fai un fischio! Io per le ferie dal lavoro devo arrivare a Ferragosto.... ;-(((

      Elimina
  6. Ottimo lavoro! Anch'io una volta mi davo i compiti e riuscivo anche a farli... mentre quest'anno tutto mi scivola via...

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.