Passa ai contenuti principali

10 EBOOK PER L'ESTATE...l'epilogo

Quest'estate ho letto tanto, non sotto l’ombrellone perché non c’è stato modo, ma la mia mezz’ora prima di addormentarmi, l’ho difesa a denti stretti. Quest'estate avevo fatto una discreta scorta di Ebook e molte di voi mi avevano anche suggerito titoli in più. Ora vi racconto com’è andata.

Tra i titoli in lista

MI CHIAMO SARA VUOL DIRE PRINCIPESSA  di Violetta Bellocchio, non l'ho finito. Forse lo farò ma a leggerlo mi annoiavo ed è rimasto a metà.

L'AMORE ADDOSSO di Sara Rattaro invece l'ho terminato in due sere. Avevo detto che non era il mio genere ma che mi fidavo di Homemademamma…ho fatto bene a fidarmi e forse forse, ho anche cambiato idea sul genere.

CHI MANDA LE ONDE di Fabio Genovesi mi ha appassionato molto nella prima parte, poi è diventato un po’ surreale e, per i miei gusti, l’ho trovato troppo lungo. L’epilogo del libro è molto bello ma la storia troppo trascinata.

SIRIA MON AMOUR di Amani El Nasif e Cristina Obber, in un’ora l’avevo terminato. E’ tratto da una storia vera e ho provato rabbia nel leggerlo e al tempo stesso ammirazione per questa ragazza che non si è piegata mai, non ha abbassato mai la testa, ha preteso il rispetto nonostante fosse calpestata anche dalla madre e ha denunciato tutto. Vergogna per tutti gli altri personaggi, non se ne salva quasi nessuno.

Tra i titoli che mi sono stati suggeriti

SE PRIMA ERAVAMO IN DUE di Fausto Brizzi. Parla un neo papà, con una lucidità così ironica, e anche con un pizzico di rassegnazione, che noi mamme non avremo mai. Ci proviamo, ma, sul nostro ruolo di mamme, non sappiamo veramente riderci su e spesso ci perdiamo il bello.

LEGGIMI TRA VENT’ANNI di Lanzilli Giorgia, La riflessione più bella che abbia mai letto sulla maternità. Un diario tenuto da una mamma per i suoi figli, a cui consiglia di “leggerlo tra vent’anni”. Mi sono ritrovata in tutte le sue parole, nelle riflessioni e negli episodi, sia quelli belli sia quelli da dimenticare. Una mamma che parla la mia stessa lingua, un libro che per me è una favola e finalmente qualcuno che torna a dire che essere mamma è si faticoso ma soprattutto è bello!

SMS STORIE MOSTRUOSAMENTE SBAGLIATE di Federica Bosco un libro sugli amori impossibile. Carino, leggero, senza infamia e senza lode.

DIECI PICCOLI INFAMI di Selvaggia Lucarelli, il racconto delle dieci persone che hanno reso la vita dell’autrice peggiore. C’è da sganasciarsi, e credo dovrei prendere spunto e scriverlo anch’io, cercando di fermarmi a dieci come ha fatto lei. Senza dubbio, tra le letture estive, si merita il gradino più alto del podio.

Per arrivare ai dieci che mi ero prefissa, mi rimangono ancora un altro paio di titoli, ma ne ho già altrettanti pronti in carica con destinazione autunno.

Questo post partecipa al Venerdì del Libro di Homemademamma



Commenti

  1. Non ne ho letto nemmeno uno, ma provvederò, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non perderti Brilli e la Lanzilli, sono certa che specialmente quest'ultima, parli la tua stessa lingua! :-)))

      Elimina
  2. Anche io non ne ho letto neppure uno ma almeno quattro di quelli che hai citato mi ispirano molto e li cercherò! Però, scusa, i titoli non sono in parte diversi da quelli del tuo elenco di inizio estate o mi confondo io?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In parte si, gli altri sono titoli che mi sono stati suggeriti poi

      Elimina
  3. Questi tuoi post non devo leggerli...Mi incuriosisce quello della Lucarelli e leggimi tra vent'anni...Brizzi e la Rattaro erano anche nella mia lista della Bosco ho letto tutto e ho già preso quello uscito ieri!Ma prima devo/voglio finire Orgoglio e Pregiudizio... Ci vorrebbe piu' tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quasi pronto il seguito sui 10 libri per l'inverno ;-)))

      Elimina
  4. Ecco, mi hai dato degli spunti di lettura davvero interessanti! Li metto nella lista dei libri da leggere!

    RispondiElimina
  5. Leggimi fra vent'anni è uno dei prossimi che devo leggere, ieri sera poi ho scelto quello di Giada Sundas che mi fa morire dal ridere. Voglio leggere anche quello di Fausto Brizzi visto che è l'ideale seguito di Ho sposato una Vegana che mi ha divertita tantissimo. Mi spiace che Federica Bosco non ti abbia entusiasmata più di tanto, io lo ricordo con piacere anche se in quel momento non era neanche per me la lettura giusta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della Bosco mi piace la scrittura, la trama l'ho trovata un po' scontata. Ora sto leggendo di suo IL PESO SPECIFICO DELL'AMORE e mi sta entusiasmando

      Elimina
  6. Bei suggerimenti,alcuni già letti ma degli altri ho preso nota!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.