Passa ai contenuti principali

PANIC ROOM

Credits
Dovreste vederla per capire bene e prima o poi le farò un filmino fatto in casa da mostrarle quando sarà grande. 
Le farò vedere cosa era capace di combinare a nemmeno quattro anni davanti all'armadio aperto della sua camera, o di fronte alla vetrina di un negozio di vestiti o tra gli scaffali e pure dentro un camerino, deve sapere del perché sono invecchiata così precocemente, un cicino in colpa si dovrà sentire. 

Lei, la mia lei, meravigliosa creatura del genere femminile di cui io sono per il cinquanta per cento, orgogliosamente artefice, ha un piccolissimo difetto, una quisquilia, ironicamente parlando, di cui non mi capacito e
davanti a magliette, pantaloni, scarpe, borse e accessori perde il lume della ragione, gli cala il velo e poraccio chi ci si trova in quel momento. In quel momento in genere ci sono sempre io.

La mattina, in ritardo come al solito, combattiamo sempre la stessa guerra, in quella che io oramai chiamo la panic room. 
Inizia dalla lingerie, slip, canottiera e calze, non sono mai scelte a caso perché anche se non si vedono, lei ha le sue preferenze e non la smuovi. Si sta rassegnando alla canottiera bianca, perché l'ho convinta che il fiocco sul davanti la rende la canottiera più bella che c'è,  ma sulle calze mi fa dannare specialmente se quelle di hello kitty sono in lavatrice. In genere me la cavo dando la colpa all'Ipernonna che per un motivo sconosciuto se le sarebbe portate a casa sua. L'altro giorno però stufa di questa appropriazione indebita le ha voluto telefonare sbrontolando a gran voce. 
Questione spinosissima riguarda pantaloni e maglietta. Non so perché ma ha un debole spassionato per le maniche corte e fusex primaverili, che visto l'armadio quattro stagioni, ha proprio lì a portata di mani e da ottobre io mi sgolo ogni volta, lei si impunta, io m'incazzo, lei si offende, litighiamo e ci mettiamo il muso. In genere risolvo con la minaccia, una seria però. 
Non le piacciono le gonne ad eccezione di quando fuori nevica, piove e tira vento di bora. Allora si, una bella minigonna se la metterebbe volentieri, ovviamente se è complicata la questione calze figuratevi quella collant!

Comunque il suo punto debole sono senza dubbio le scarpe. Di fronte ad un nuovo paio è capace di fare qualunque cosa e ne ha volute a tutti i costi un paio con luci annesse che paiono tanto quelle dei cantieri per lavori in corso in superstrada. 

Tralasciando il fegato grosso che mi fa venire ad ogni discussione, potrebbe sembrare la compagna perfetta per lo shopping mamma/figlia ed invece no, niente perché andar per negozi con lei significa che non esiste acquisto che non sia under 12. Per lei tutto per me, anche se volessi, niente.
Ora è una femmina e ci sta, è mia figlia e questo di scerto influisce, anche se io nel mio DNA non ho più da un pezzo un cromosoma fashion, però credetemi lei su questo punto è tanto, troppo per tre anni e poco più, e non credo esista un rimedio…si lo so..i figli dovrebbero vestirsi come dicono i genitori senza tante storie, lo pensavo anch’io prima e forse in qualche parte del mio emisfero quest'idea c'è ancora poi però entro con lei nella panic room e buonanotte al secchio. 

Commenti

  1. Allora mi ritengo estremamente fortunata perchè Giulia si mette quello che preparo. A volte mi chiede la gonna, a volte un vestito e di solito l'accontento ma non fa mai capricci ed è contenta di quello che compro io.... Le scarpe in linea di massima sono una scelta sua ma sempre condivisa. Non voglio certo impormi ma a volte è sopravvivenza e finchè lei non si lamenta accendo un cero in chiesa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fratello è completamente diverso, anzi più può delegare meglio è per lui, anche se ultimamente ha una preferenza per vestiario tema Spiderman e nel caso, decidesse di scegliere da solo, si butterebbe li...però appunto "nel caso decidesse" perché di regola preferisce delegare e con lui sono io a doverlo spronare a far da se e decidere per se

      Elimina
  2. ah ah ah...mi sembra di assistere alle scene di casa mia, anche se io posso risparmiarmi gonne e collant con il ricciolino. Le scarpe...potesse ne avrebbe trenta paia e poi ha una passione per le camicie, che ovviamente tornano da scuola in stato pietoso. E non è solo questione di abbinamenti e colori, per lui, o di stampe, no, è proprio puntiglioso: quella no perchè le maniche sono troppo lunghe, quell'altra no perchè sono troppo corte, quella no perchè l'etichetta mi prude, quella perchè è sempre a lavare è la mia preferita...i jeans sono rigidi, il velluto "fa i pallini e poi sta male mamma!", la tuta "non devo mica fare sport" ecc. ecc. Mi consolo pensando che quando avrà una fidanzata/compagna, lei mi ringrazierà per aver accanto un uomo che adorerà andare a fare shopping!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia qui credimi c'è da fare un filmino, siam capaci di stare davanti al cassetto delle mutande anche dieci minuti fino a che la pazienza se ne va e inizio ad urlare che sembro una matta!

      Elimina
    2. Se reggi dieci minuti hai già una buona resistenza! Io al massimo due per capo!

      Elimina
  3. Ohhhhhhh che bello! Benvenuta cara amica! Anche la mia bimba di quattro anni ha lo stesso problema della tua. Io dopo aver passato ore a litigare ho scoperto che il metodo migliore è farle scegliere i vestiti che vuole la sera prima, anticipando il braccio di ferro. Devo dire che ha un senso del gusto davvero spiccato, soprattutto per i colori. Ma poi su certe cose è fissata. L'ultima litigata l'abbiamo avuta per un completo mutandine canottiera. L'ha indossato felice e il giorno dopo è andata in crisi perchè le mutandine non erano abbinate alla canottiera. "Se mi metto quelle pulite anche la canottiera deve essere la sua altrimenti non va bene. Mamma, ma non capisci proprio niente!" Non voglio nemmeno immaginare a sedici anni....

    RispondiElimina
  4. Guarda, la mia ha assorbito tutto il fashion, glamour, tutta la chicchera (a volte discutibile) che non c'erano dentro di me. Eleganza al primo posto! e passi quando vai a scuola, 'che tanto c'è il grembiule (anche se mai e poi mai jeans larghi, sono poco femminili, e niente tuta, se non per l'ora di ginnastica, ma se ci fossero i leggings sarebbe meglio). Quando si esce ci si accoccai a dovere, anche solo per scendere e attraversare la strada, bisogna essere perfette! Help! e pare che stia covando un'altra pupa...... :-|

    RispondiElimina
  5. Piky è una donna... non c'è la notizia! :-D

    RispondiElimina
  6. Io preparo sempre la sera prima i vestiti per tutti che sennò la mattina è un dramma, quindi quando trovano preparato non chiedono, quando mi vedono che preparano azzardano qualche richiesta. In compenso la mia LEI passa il tempo a parlare con la sua immagine riflessa nello specchio e sta cosa al padre fa andare fuori di testa. E scarpe, ovvio, una passione smodata di sbrilluccichi, ballerine e scarpe col tacco che tanto anela, ma che per ora ha solo tra i travestimenti e quindi da usare in casa.
    Io fashion zero, cioè mi piace abbinare, mi piace andare a fare shopping, ma non sono una fan delle cose super femminili. Quando mi vede vestita bene mi dice sempre: mamma ma che bella che sei!!
    Credo che in fondo sia il cromosoma X, ce l'abbiamo tutti, dipende in che percentuale :))

    RispondiElimina
  7. Guarda, son tutte uguali. Le femmine almeno. Stamattina ero da mia figlia e la prima cosa che mi ha detto Isabel è "mi sono vestita da sola", però aveva dimenticato le calze. Nella sua scelta, ha motivato il blu delle calze con un blu che compariva qua e là sulla maglietta, per dire.
    Peggiorerà, cara, purtroppo. Son femmine, non possiamo mica avere solo vantaggi da loro eh.... (un bacione alla piccola!)

    RispondiElimina
  8. Presente all'appello. Gabriele questa mattina mi fa "mamma, non mi puoi mettere questa maglia, non sta bene con i pantaloni e a Natalie non piace".
    .. dove Natalie sarebbe l'attuale morosetta dell'asilo, per capirci.. che fo, lo strozzo!????

    RispondiElimina
  9. Mi ritengo fortunata, allora!
    Polpetta non si fa problemi ed indossa tutto volentieri.
    Pulcino è ancora troppo piccolo per fare storie.
    Ma non so se avrei la pazienza che hai tu con la tua bimba, soprattutto la mattina, quando corriamo tutti un sacco!

    RispondiElimina
  10. Una donnina. Mi sarebbe piaciuto crescerne una.
    Miciomao è selettivo con gli abiti, niente jeans, sono freddi e duri. Un maschio che non mette jeans. A Natale voleva uscire in tuta e non ti dico i pianti per mettere e jeans. Ho dovuto eliminarli e acquistare pantaloni imbottiti morbidi.

    RispondiElimina
  11. ahahah una futura Carrie Bradshaw! TOP! Mi consola sapere che c'è un "lato oscuro" anche delle femminucce! ahahah vorrei tanto vedere il filmino :P

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.