Passa ai contenuti principali

IL TERREMOTO

Credit by Amanda Cass
È mattina, sono nel letto, non ancora del tutto sveglia, in realtà la notte non è stata molto riposante, ho dormito sempre con i sensi vigili al minimo rumore e al minimo spostamento, non ho lucidità a sufficienza ma lo sento da lontano arrivare, qualcosa che assomiglia a un boato, lo spostamento d'aria, e il tremolio insieme al rumore. E’ l'ennesima scossa, e da giorni ormai va avanti così. 
La frequenza è tale da esserci quasi abituati e non mi coglie nemmeno più di tanto di sorpresa. Mi alzo dal letto normalmente con la stessa lentezza che userei in una situazione non d'emergenza. 
Sento Leo parlottare in cucina con il Principe, si è accorto e chiede conferma, la risposta che riceve non la sento ma di sicuro suo padre starà cercando di rassicurarlo e di minimizzare perché il pensiero più grosso nel vivere un'esperienza del genere è di sicuro per loro.
Viviamo in una zona ad alto rischio sismico, lo sappiamo, ma un terremoto è un'esperienza cui non si è mai preparati, perché è il potere della natura contro il quale non si hanno mezzi se non quello di prepararci bene e costruire coscienziosamente. 


La paura però è un'altra cosa ed è inevitabile, il mio pensiero, fin dalla prima scossa, è stato quello di non tramutarla in panico, per loro, 

ed ho cercato così di rimanere o di mostrarmi, serena. 
Non volevo ignorare il problema, non volevo nasconderglielo e nemmeno sminuire quei sentimenti e quelle sensazioni che non sapevano nemmeno descrivere ma che i loro occhi non tradivano. Loro non sapevano il perché ma sentivano la paura e di questo io ne ero certa e così ne abbiamo parlato un po’, ed ho provato a spiegare nel modo più “scientifico” possibile cosa stesse accadendo perché perseverarli da tutto sono certa avrebbe ingigantito quell'ansia a cui non sapevano dare un nome. 
Ho detto loro che il timore è normale perché sentir tremare tutto è di per se una sensazione strana anche per mamma e papà, che però è un evento della natura sul quale non possiamo far niente. Non succede così di frequente come dicono, e la nostra casa è sicura, costruita con grosse pietre, travi che sorreggono il tetto, e mura molto spesse e anche se all’ultimo piano tutto trema più forte, è più che altro una brutta sensazione e non un imminente e certo pericolo. 
Di sicuro non ho azzerato le loro paure, ho solo cercato di riportarle su un piano più accettabile per loro e in particolar modo per Leo, ho voluto delle spiegazioni vere, del perché la terra trema, del perché non si può prevedere e cosa si può fare quando accade. Lui ci ha messo anche un po’ del suo raccontandoci delle prove di evacuazione che tanto bene avevano fatto la mattina precedente la prima scossa e istruendoci sui passaggi da seguire e sul piano da attivare nel caso ce ne fossero state altre. Ha partecipato a modo suo, trovando riscontro in qualcosa di tangibile che aveva imparato.

L’ondata sismica come sapete sta continuando, la terra trema con una frequenza impressionante, a volte si sente di più altre di meno, cerchiamo di non darle troppo peso, non credo nemmeno di averne il diritto nei confronti e per rispetto di tutte quelle persone che da questo terremoto hanno avuto, oltre alla paura, danni veri, viviamo una quotidianità più o meno normale, anche se le scuole sono chiuse e se qualche soprammobile ogni tanto casca giù in terra. 
Io nel frattempo li bacio e li abbraccio più di quanto già non facessi e sorrido più spesso di prima.

Commenti

  1. Non sai quanto ho aspettato di leggere questo racconto... Ho avuto paura per voi la prima, la seconda e anche la terza volta. Ti ho mandato un messaggio, la prima volta, ricordi? Ma voi eravate in vacanza, per fortuna. Poi ho cercato tra le persone che su fb comunicavano di stare bene. Ho chiesto di te a Lucia, quando ho visto che loro stavano bene. E anche voi.
    E per fortuna state bene e casa vostra non ha danni. Ma non so pensare alla paura che dà questa incertezza, questo continuo, lancinante tremore. Qui al nord il terremoto si sente poco e quelle volte che l'ho sentito ho sempre pensato "Ora che ho paura, la scossa è passata", ma con questo terremoto non è così, la paura è parte del quotidiano, terribilmente.
    Spero con tutto il cuore che finisca, che vi lasci un po' di pace, un po' di certezze, un riposo sereno. Vi abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto della tua preoccupazione e ti ringrazio per la vicinanza perché in quei momenti sentire il calore di chi hai intorno, da molto sollievo ed in un certo modo ti fa sentire più protetta. Chi abita qui di esperienze di terremoto purtroppo ne ha, perché periodi di totale assenza non ce ne sono, stavolta però è stato un terremoto importante e lungo, la scia sismica e' lunga e con scosse che si avvertono nitide. Nelle zone dell'epicentro molto e' andato distrutto, quello che si vede in TV e' la realtà che c'è qui. Ciò che è restato in piedi e' perché dal 97 si cerca di costruire meglio secondo principi di sicurezza per queste zone ovviamente parlare di totale sicurezza in un terremoto, e' impossibile, ma c'è anche una consapevolezza della popolazione sui comportamenti da tenere. Si sa che nelle zone rosse, dopo la prima scossa si esce di casa e non si rientra perché è molto probabile che ce ne sarà una seconda, nelle scuole e negli asili si fanno tantissime esercitazioni, in linea di massima ognuno sa e ha individuato punti di casa più sicuri di altri, ed è' facile trovare candele e pile, un po' ovunque. Ecco questo è quello che si può fare per convivere con una natura che giustamente fa la sua strada e che è più forte di noi, non c'è verso. Poi con i bambini secondo me, diventa fondamentale, non far prendere il sopravvento al panico, paura e timore si, sarebbe innaturale il contrario, ma tutto nei limiti per mantenere la giusta e possibile serenità, in attesa che passi. Un abbraccio grande Anna!

      Elimina
  2. Vi penso tanto, sai?
    Ho vissuto il terremoto del 2012, seppur marginalmente, ma le scosse mi hanno davvero spaventata, soprattutto quella del 25 maggio, quando allattavo il mio bambino sotto una scrivania dell'ospedale perchè tanto non saremm mai scesi in strada in tempo.
    mi ha lasciato paura. Non per me. Paura per i miei bambini.

    E ti ammiro, come ammiro tutte le famiglie che vivono il terremoto e con saggezza e dignità vanno avanti, educano i loro figli a convivere con il terremoto, non si spezzano.

    Grazie per le tue bellissime parole.
    Mi auguro per tutti voi che finisca al più presto.
    Un abbraccio!
    Silvia

    RispondiElimina
  3. Deve essere una sensazione tremenda. Da noi la terra trema raramente, io l'avrò sentita 3-4 volte in una vita, brevi scosse, riflesso di avvenimenti ben più gravi che stavano avvenendo altrove. Quando capita, nessuno scende in strada e nessuno si agita più di tanto. Ci si guarda un momentino straniti, "l'hai sentito?" e poi tutti si torna alle proprie occupazioni, o a dormire. Non riesco ad immaginare come si possa gestire l'ansia e la paura quando la terra trema davvero, perché davanti alla forza della natura nn c'è niente da fare: siamo moscerini.
    Coraggio mia cara.

    RispondiElimina
  4. e' UNA BRUTTISSIMA SENSAZIONE...io l'ho vissuta solo un paio di volte e scosse leggere...io mi sono sentita impotente e spiazzata...Speriamo che si risolva tutto con meno danni possibili...Coraggio vi abbraccio forte forte!!!

    RispondiElimina
  5. Cara Maria Elena, sono contenta di leggere questo tuo post perché è la conferma che voi state bene, anche se provati dallo stress delle scosse e dalla paura. E' una paura che io conosco poco, perché qui le scosse sentite sono sempre state poche e lievi e non hanno mai provocato danni. Qui noi conosciamo la paura delle alluvioni, che abbiamo vissuto più volte e che fanno andare la gente a controllare i fiumi più volte al giorno, incollati ai tg regionali ed alle radio ogni volta che piove per troppo tempo e in quota non nevica e non fa abbastanza freddo. Credo sia altrettanto terribile, ma più facile da gestire, come paura, perché almeno è prevedibili. Magari lo sai solo poco prima ma lo sai, che sta per uscire, almeno adesso che siamo pronti al peggio. Invece il terremoto non sai mai quando arriverà e non ci sono avvisaglie certe. Ammiro la forza ed il coraggio di tutti i genitori che, in questi giorni, stanno facendo il possibile per mantenere una parvenza di normalità e stare con i propri figli e capisco il tuo sorriso e i tuoi abbracci. A volte le tragedie e la paura ci fanno comprendere di più ciò che conta davvero. Credo sia giusto parlare ai bambini con calma ma senza nascondere la verità, per quanto possibile. Avere paura e non sapere a cosa attribuirla penso sia il peggio, per un bambino come per un adulto. Tienici informata. Io vi abbraccio virtualmente e vi penso.

    RispondiElimina
  6. mi dispiace mariaelena. La mia famiglia è pure coinvolta. Le marche purtroppo sono sotto tiro da tanto. Brutto davvero. Non so come fai a non perdere la calma. Vi abbraccio forte.

    RispondiElimina
  7. Nessuno meglio di me può capirti. Forza Umbria e Forza Marche!! Un abbraccio infinito <3

    RispondiElimina
  8. Non so perchè, ma avevo rimosso voi foste di quelle terre...e ti chiedo scusa. E' stato bello leggere questo post, è stato anche uno schiaffo come per dire "sciocca!". Ora vi penserò più intensamente. Un abbraccio grande a tutti voi!

    RispondiElimina
  9. Anche io vi ho pensato, ho visto su FB che avevi dato conferma di essere sana e salva e però pensavo a come andavano le cose per voi. Qui a Roma si è sentito meno, ma ha spaventato tutti, ieri tromba d'aria che ha fatto due morti in provincia e anche per noi una grande paura, visto che eravamo in un tendone per feste e sembrava poterci crollare tutto in testa da un momento all'altro. Essendo madri sì, il compito è quello di proteggerli senza trasmettergli la paura e sorridere più del solito, pur non minimizzando i rischi...posso solo immaginare :( un abbaraccio, super-mamma!

    RispondiElimina
  10. Carissima Piky...un abbraccio anche da parte mia!
    Io porto dentro di me il ricordo indelebile del terremoto del 23 novembre '80 in Irpinia, vissuto quando ero pochi mesi più grande di Leo tuo, quindi ben comprendo...
    Forza, e aggiornaci poi ancora!

    RispondiElimina
  11. Ci conosciamo da pochissimo grazie allo scambio libri di Natale, ma mi comunque un gran piacere leggere che state bene. Immagino la difficoltà di mantenere la serenità e la tranquillità con i bambini... Un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Non ho mai sentito un terremoto "vero", solo echi di terremoti lontani, anche quelle in Emilia l'ho sentito come un piccolo capogiro. Non posso immaginare la sensazione di terra che trema sotto i piedi, ma posso immaginare la paura di morire, perchè di questo si tratta. Come sai ho degli amici vicino all'epicentro dell'ultimo sisma, posso solo stare a guardare le loro difficoltà, perchè nessuno sa cosa provi, se non chi lo ha provato. Tutti coloro che sono in terre colpite sono per me estremamente coraggiosi, eroi veri, persone che riescono a reagire ad avversità tremende. Vi ammiro molto e vi penso con apprensione. Un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.