Passa ai contenuti principali

ORDINARIA FOLLIA

Dunque: lui l'ha lasciata ed è felice così. Ora sta meglio, finalmente ha la serenità che si merita, nessuna complicazione e niente più stress, niente arrabbiature e nessuno dei malumori che la scellerata le causava. 
Lui che nella vita non ha mai cercato "rogne", non poteva più accettare una storia così. 
Già lavora tutto il giorno, già ha i suoi ca@@i, vivere anche una storia d'amore che gli dava pensieri "no grazie, preferisco star solo" .... beh in realtà proprio solo non è, perché "lui l'ha lasciata" ma l'ha fatto per un'altra: una ragazza che ha saputo conquistarlo piano piano e che, con la dolcezza e un po’ di sottomissione, lo fa star meglio. 
Ora la coppia è più bilanciata, perché il protagonista è lui, lei pende dalle sue labbra, lo accontenta e non lo contraddice, lo soddisfa e non è una problematica. 
"Insomma è una donna e fa la donna”.
Certo, non è bella e appariscente come l'altra ma è carina e d'altronde si sa, la bellezza non è tutto o comunque non ci puoi basare una storia.
"Chi decide nella coppia voglio essere io"...
lo dice chiaro, limpido e cristallino, come se fosse la cosa più logica e naturale del mondo.
Lo dice ad un altro lui che annuisce e concorda.
Ecco io credo che "la violenza" verso le donne parta da qui, non dall'incapacità dell'uomo di tener testa ad una persona pensante come lui, né da una sua ipotetica debolezza, alla quale personalmente non credo, ma che comunque viene usata spesso come scudo per i più beceri comportamenti, bensì dalla sua supponenza e prepotenza, nel credere di avere la scienza del giusto infusa e di essere "più" di qualcun altro. E se c'è un più, ci deve essere un meno e quel meno sarebbe la compagna che si sceglie per la vita. Una cosa è cercare in una storia d'amore quello che ci fa star bene, quello che ci piace e che ci dà più ricordi felici, un'altra è pretendere che qualcuno a questo si adatti, in un modo o nell'altro. 

Io pretendo di camminare di fianco al Principe, non un passo in avanti ma assolutamente nemmeno un passo indietro, nemmeno mezzo. Di fianco. Punto. 
Il lui in questione cercava invece una che stesse un passo indietro, meglio due, facciamo tre ... perciò ha mollato l'altra. 

Per molti magari questo comportamento non ha nulla di strano, anzi considera il ragionamento pure giusto e sensato, una decisione matura di uno che sa cosa vuole, che non si è fatto incantare da due tette e un culo ben fatto, da uomo vero insomma ma purtroppo  c'è un epilogo a questa tristissima storia, che mostra le cose per quel che sono veramente, che fa cadere un castello di ragionamenti piuttosto instabile e che rivela lui per quello che è, trasformandolo da  ipotetico uomo vero ad arrogante vestito bene, e che ahime ci svela che lui questo modello di ragazza, che lo fa star così bene proprio perché cammina un passo indietro, la tradisce praticamente da subito. Volete sapere con chi? 

Commenti

  1. Sai com'è... è difficile stare al passo di una donna, è più comodo che ti stia dietro. In qualche eccezione è più comodo che ti stia avanti. Nel primo caso perché puoi darle della deficiente incapace o, se sei educato, scuotere la testa con commiserazione. Nel secondo lasci che decida tutto lei così te ne lavi le mani.
    Già, è proprio difficile trovare uno che voglia camminare di fianco a te...

    RispondiElimina
  2. Non è facile camminare affianco sempre dovrebbe essere la maggior parte del tempo nel cammino della coppia ma ci sono periodi e situazioni in cui è necessario che uno o l'altra sia avanti e prenda decisione è viceversa mi sono intortata mi sa. ..buon we!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro si, ci sono periodi in cui può esserci la necessità di appoggiarsi all'altro e magari lasciargli le redini del rapporto ma alla base c'è comunque il rispetto...il camminare indietro di questo "lui" ha base completamente diverse

      Elimina
  3. Ho letto il tuo post due volte ed entrambe le volte non mi è venuto in mente altro che: "Che tristezza!"
    Una pochezza di uomo, questo lui, ed una pochezza di donna, questa lei che arriva dopo e si lascia comandare con sottomissione. Ordinaria follia e' una definizione più che mai azzeccata, purtroppo. Perché, purtroppo, capita troppo spesso e il fatto che molti lo considerino normale, uomini o donne che siano, la dice lunga sul livello di violenza psicologica contro le donne in cui viviamo e sull'arretratezza morale che ci circonda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tristezza e preoccupazione perché molte forme di violenza partono da qui!

      Elimina
  4. Purtroppo tanti sono gli uomini che pretendono di stare un passo avanti.
    Credo che le donne dovrebbero superare le loro paure ed opporsi a relazioni di questo tipo, scappare a gambe levate di fronte a uomini come questi.
    Perché una donna vale, un uomo che non la rispetta no...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo anche imparare che dietro a storie così, non c'è posto per l'amore...quel l'amore che ci fa accettare di stare un passo indietro.

      Elimina
  5. io sono felice per quella donna che si è liberata di un rapporto così sbilanciato. Ora potrà cercare il compagno degno di lei. E mi dispiace per la nuova, che penserà di essere amata, invece è stata scelta solo perchè lui si sempre superiore. Poveretto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh in realtà sono ancora in trappola tutte e due perché è proprio con la prima che lui tradisce la seconda!

      Elimina
  6. Che amarezza...a volte penso che abbiamo dovuto pagare davvero caro la nostra voglia di essere se stesse, ma anche che ne sia valsa la pena. Tanto un uomo così meglio perderlo che trovarlo. Però non ho capito perché la prima vada ancora da lui dopo il tradimento...mi PERPLIME...

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.