Passa ai contenuti principali

LIBRI IN VALIGIA

Io sono quella della valigia dell'ultimo minuto, che sia per un week end, una vacanza vera e propria o anche il borsone per la piscina, fino all'ultimo non mi decido. Poi a ridosso della partenza, sbrigo la pratica in quattro e quattr'otto e dimentico sempre qualcosa. Questo succedeva prima da single o comunque da coppia non figliata e questo succede ora che le nostre vacanze, come ho detto altre volte, assomigliano più a dei traslochi. 
Esclusi da questa corsa all'ultimo minuto, sono i libri che decido di portare con me e di cui la mia valigia è sempre piena, perché una vacanza, un week end ma anche una giornata all'aperto, non può essere vero relax se non ho niente da leggere e per questo, sto facendo scorta. Ora vi dico di cosa. 
Non sono recensioni perché non ne ho letto ancora uno ma sono dei titoli da cui trarre ispirazione se anche voi, come me, non potete far a meno di leggere, specialmente in vacanza. 
La carenza di spazio in valigia è una realtà con cui fare i conti e per questo mi sono buttata sul Kindle e su una serie di eBook leggeri, fatti apposta per tenermi compagnia su un lettino sotto l'ombrellone, se mai riuscirò a starci. 

Tema mammitudine, gettonatissimo anche per l'estate: che volete farci non so più distinguere la donna dalla mamma ormai. 
LE MAMME NON METTONO MAI I TACCHI
di Luana Troncanetti alias La staccata. 

Ammetto questo libro l'ho già iniziato, ho sbirciato qua e là e lo sconsiglio fortemente proprio usando le sue parole, "ai musi lunghi... e a chi è convinto di conoscere tutte le risposte e a chi non sorride mai e non sa cosa si perde". 

Mi sposto sul "più serio" con 
IL TEMPO DELLE NUOVE MAMME
dal blog la 27ora del Corriere della Sera
su consiglio di Mamma Avvocato, non un racconto ma una serie di testimonianze raccolte sul campo. Nato dal blogla 27 ora del Corriere della Sera, ne esce un'analisi completa della situazione della donna nel nostro paese. 

E poi c'è la babbitudine con 
NOTTI IN BIANCO E BACI A COLAZIONE
di Matteo Bussola
lui di lavoro fa il papà, poi disegna fumetti e poi scrive. Ci racconta di lui e di cosa ne è della sua vita ora che è padre. Vi sfido a leggere la prefazione (ma basta anche il titolo) e non comprarlo. Sarà il fiore all'occhiello di quest'estate già lo so. 

Ti asmo vi dice qualcosa? C'è qualcuna di voi che non la conosce? Io la leggo e la ringrazierei ogni volta con sonore pacche sulla schiena. Mi piace. Punto. 
LA VERITÀ VI SPIEGO SULL'AMORE 
di Enrica Tesio
è opera sua, ammetto di averne letto già un po’ e credo sarà finito molto prima della partenza. 

Selvaggia Lucarelli è l'autrice di 
CHE CI IMPORTA DEL MONDO 
di Selvaggia Lucarelli
Francamente non sapevo che scrivesse ma ho letto qualche recensione e tutte concordano sul fatto che fa sbellicare dal ridere. Protagonista del romanzo anche qui una mamma, single, che non solo sopravvive in questa veste, ma s’innamora pure. Un'eroina in pratica. 

Come fai a non portarti Simona in vacanza? Non mi sono persa nessuno dei suoi romanzi e in verità la leggerei anche se decidesse di scrivere il bugiardino della tachipirina. 
PARIGI MON AMOUR 
di Simona Fruzzetti
è il seguito di MI PIACI TI SPOSO, non potevo non prenderlo, ed ho aspettato l'estate per farlo.

Impegnatissimo anzi no, impegnativissimo, 
LE STREGHE 
di Lilli Gruber
Una raccolta di testimonianze sulla condizione della donna e sulla sua emancipazione e non, nei diversi ambienti e nei diversi paesi. La donna che lavora, la politica, l'artista, la mamma, la prostituta, le donne in carcere, il tutto arricchito da interessanti interventi delle donne che in Italia possono dire di avercela fatta". Da leggere a piccoli sorsi, per capirlo bene e apprezzarlo fino in fondo. 


E poi c'è lui, l'unico esemplare cartaceo di questa lunga estate, è poggiato lì sul mobile del salotto in attesa del suo posto in valigia, eppure ogni volta che ci passo davanti, mi "prudono le mani" perché 
IL RESTO È OSSIGENO 
di Valentina Stella
parla del coraggio che mi manca per diventare grande e forse questa sarà l'estate buona.

Commenti

  1. Notti in bianco e baci a colazione è già nel mio kindle!
    Mi segno anche la Lucarelli,il resto è ossigeno, la Simo la Tesio e la Staccata le rimando a Settembre...Devo avere un buon motivo per rientrare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Notti in bianco non ho resistito e l'ho iniziato (quasi finito a dire il vero)...un capolavoro!

      Elimina
    2. ho trovato questa mattina in offerta "Il resto è ossigeno"...quando si dice il caso!

      Elimina
  2. Ho letto la Tesio mentre gli altri titoli non ancora. io il libro della Fruzzetti l'ho trovato carino ma pieno di errori e dunque non ho più voglia di leggere nulla di suo. Il blog, invece. Lo seguo volentieri. Mi ispirano soprattutto il terzo e l'ultimo.Buone letture e...buone vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro di Bussola, che nel frattempo ho quasi finito, ti piacerà di certo...e come hai visto uno di quelli che ho preso, è merito tuo!

      Elimina
  3. I tuoi consigli son buoni anche per me che in vacanza sono già stata ma che dei libri non posso fare a meno. Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai qualcos'altro da suggerirmi io sono qua...i consigli tuoi di lettori, sono certa che si trasformerebbero in letture tutte di successo...sotto il profilo libri, credo proprio che tu te ne intenda non poco!!!

      Elimina
  4. Il libro della Lucarelli mi ispira, ma anche "il tempo delle nuove mamme". Grazie per i consigli di lettura! Buone vacanze!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo delle mamme era un allegato del Corriere della Sera. L'ho trovato però in formato eBook su Amazon

      Elimina
  5. La mia vita è totalmnente cambiata da quando leggo in formato e-book. Prima dovevo scegliere ponderare e decidere anche sulla vase della grandezza e del peso dei libri... ora in 75 grammi in formato supermini mi porto anche 10 tomi da 600 pagine ciascuno! E' una cosa fighissima! io sono su un altro genere di letture, e ieri, in netta controdendenza, ho comprato il mio (probabilmente) ultimo libro cartaceo: Harry Potter and the Cursed Child, in lingua originale perché non ho pazienza di aspettare la traduzione, che ho cominiciato e prevedo di finire tipo domani entro ora di pranzo :-) Sono una inguaribile nerd e questo si manifesta anche nelle mie letture! Buone vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ebook e' stata una rivoluzione anche per me, troppo pratico per non cedere pur amando la carta stampata. Sono capace di comprarne decine in pochi attimi, per fortuna costano poco!!! In quanto al genere, Harry Potter mi incuriosisce da tempo, anche se è molto lontano da quel che leggo di solito. Mi piacciono moltissimo anche i noir, adoro Carlotto per dire ed anzi ora che mi ci fai pensare, uno da portare me lo prendo subito...anche per bilanciare un po i generi! Meno rosa fiocchetti e merletti!

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.