Passa ai contenuti principali

IL GONFIABILE

Odio i gonfiabili. 

Più passa il tempo e più mi convinco che siano una delle peggiori invenzioni nate per complicarci la vita. Fatte apposta per far perdere i capelli a una mamma qualsiasi, anche a una molto "Smart" che non ha avuto l'ansia come souvenir del parto. No, quella mamma non sono io, quindi figuratevi come sto di fronte ad uno di questi mostri giganti ogni volta che i miei figli decidono di salirci, perché ovviamente loro, VOGLIONO salirci ed io non posso "tarpargli le ali"... ma se fosse, per me li bucherei con un ferro  da calza (i gonfiabili s'intende). 

I gonfiabili oramai sono dappertutto li puoi pure, comprare da decathlon e metterli in salotto, io stessa lo scorso anno, in preda alla follia, ne ho noleggiato uno per la festa di compleanno di Cestino, pagandolo addirittura una fortuna. I gonfiabili li trovi alle sagre di paese, al parco giochi sotto casa, nelle piazze della città, pure nelle piscine e spuntano come funghi nelle sale di ristoranti e pizzerie, con le più buone intenzioni. 
Un gonfiabile a pochi passi da te, si pensa che dovrebbe risolverti un bel po' di problemi, di sicuro dovrebbe regalarti momenti di assoluto relax, permetterti di cenare in santa pace e magari scambiare pure qualche parola, senza interruzione, con tuo marito. Il gonfiabile sarebbe, secondo questa visione, una baby sitter protettiva a basso costo, per di più venerata dai bambini e la più simpatica che ci sia. 
Tutte le mamme però lo sanno che questa è un'illusione, una sonora bugia, un trappolone grande proporzionalmente al gonfiabile che si ha di fronte, perché sul gonfiabile regna l'anarchia ed è un trampolino di lancio per dei carpiati da lasciarci le penne. Quindi ti tocca star di vedetta e far la spola tra il tavolo e il suddetto gonfiabile da dove provengono urla non umane e da dove si vedono volare oggetti non identificati (che poi sarebbero bambini). 
Tutto sarebbe più facile se si rispettassero semplici regole e se alcuni genitori non li considerassero dei meri parcheggi, incuranti di quel che vi succede dentro. 
Se ognuno, come si dice dalle mie parti, "guardasse il suo", saremmo già a cavallo, invece di fronte al gonfiabile baby sitter, spesso l'unica baby sitter, per di più sfigata, sono io che raccatto i miei e quelli degli altri dai pertugi più improbabili, che sedo risse e propongo alternative al "lanciarsi di testa", che guardo gli altri mangiare seduti e li sento chiamare "piccolo" e "cucciola", chi si diletta a pendere a calci nel "muso", tutti gli altri, tuffandosi nel frattempo a "quattro di spade". 
Di quanto l'educazione sia un optional, il gonfiabile ne è un triste esempio ed io di fronte ad una mamma che mi chiede consigli su dove passare mezz'ora in santa pace, suggerisco sempre posti dove questi mostri non ci sono. 

Commenti

  1. Vero....verissimo! La monella li adora ma se non stessi io di vedetta come ben dici sarebbe una tragedia anche perché lei non è molto svelta e agile e le passano sopra, praticamente...
    Ciao, un bacio.....e auguri per oggi ;-)

    RispondiElimina
  2. Verissimo!
    Una volta Polpetta era su un gonfiabile con amici.
    Arriva sto bambino che inizia a prendere a pugni tutti perché voleva il gonfiabile per sè.
    La cosa peggiore è che di fronte alle mamme inferocite, la madre del pugile dava ragione al figlio, perché era un bambino e bisognava capirlo...
    Meno male che è arrivato il marito che ha preso moglie e figlio e li ha portati via giusto poco prima del linciaggio...

    RispondiElimina
  3. Verissimo!!! I gonfiabili che piacciono tanto ai nostri figli fanno super paura e come hai ben spiegato tu, alcuni genitori li considerano parcheggi/babysitter per i figli. Anch'io non li sopporto! Grrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me hanno pure stufato, dove ti giri li trovi!

      Elimina
  4. io fino ad ora sono riuscita ad evitarli, lui ha sei anni e non sa manco cosa siano a momenti. vediamo se riesco pure con la sorellina nell'impresa! (che io son una di quelle con l ansia come optional)

    RispondiElimina
  5. se può consolarti...se sul gonfiabile ci fossero i miei e i tuoi figli e altri 100...saremmo in due baby sitter :-)

    RispondiElimina
  6. Oh ma no daiiiii!!! A me sono sempre piaciuti, e vi dirò di più: se li facessero per gli adulti....
    Il discorso sull'educazione e sul controllo esula dal gonfiabile, basta andare in cortile o in qualunque giardino con uno scivolo o un'altalena. I gonfiabili secondo me hanno il vantaggio che è veramente difficile, per non dire quasi impossibile, farsi male. Sono morbidi! Si rimbalza! Certo non a 3 anni. Ma a 5-6 e oltre... sali, salti, scivoli, scendi. Sali, salti, scivoli, scendi. Sali, salti, scivoli, scendi. I miei figli non volevano più andarsene!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sull'educazione hai perfettamente d'accordo. I maleducati sono anche la parco o ai giardinetti e possono fare molto più male che sui gonfiabili (certo, a parte il discorso bimbi molto piccoli). Però ti assicuro che ci sono parecchi precedenti di incidenti (ahimè anche mortali) sui gonfiabili, non dovuti ad altri bimbi, comunque, ma ai gonfiabili in se' ed alla loro manutenzione.

      Elimina
    2. uno lo ricordo in modo particolare. grave ma non mortale, il bambino poi morì per incuria dei medici ai suoi pianti di dolore. Allucinante.

      Elimina
  7. Concordo con la Puff! Se i bimbi sono normalmente vivaci e senza voglia di fare di rissa non c'è nessun bisogno dei genitori carabinieri che da fuori cercano di intervenire continuamente. Se non si vuole che saltino, tuffino, rotolano e sudino come matti non li si porta sui gonfiabili..
    Feriti non ne ho mai visti 😅

    RispondiElimina
  8. Al mio piacciono solo che ha poco piu' di 2 anni e devo salirci con lui e quindi sono la baby sitter di tutti se ci sono bambini educati è divertente e si gioca tutti insieme a fare gare e a chi scivola piu' veloce e bene...Se ci sono quelli piu' scalmanati e ingestibili, che sclaciano e si lanciano senza guardare lo allontano per un po'...Pero' sono divertenti!!

    RispondiElimina
  9. Per ora il mio ha sempre avuto paura di salirci. Vedremo più avanti.

    RispondiElimina
  10. Io non li vedo così male, a patto però che non siano mischiati bimbi di ogni età e che non ci siano prepotenti, che però trovi anche ai giardinetti, purtroppo. Io in genere lo lascio tranquilla, intervengo solo in caso di risse o prepotenze perché purtroppo mio figlio reagisce solo piangendo, non si difende mai! Certo, comunque, non lo mando sui gonfiabili a pagamento e passare tutto un pomeriggio in quei capannoni di soli gonfiabili con musica assordante non è il mio ideale di relax!

    RispondiElimina
  11. A me non piacciono e ringrazio il cielo che i miei figli non siano più in età adatta. Ma peggio ancora sono per me i posti con le palline, sono degli zoo per bambini da cui vengono fuori sudati e eccessivamente eccitati, aboliamoli! ;)))

    RispondiElimina
  12. "oggetti non identificati (che poi sarebbero bambini)" ahahaha mi hai fatto morire!! Comunque sappi che non sei sola: anche io invece di stare seduta mi trovo ad essere la sola sfigata che controlla :D il mio di anni ne ha 3 e mezzo e li ha scoperti un anno fa...è stato l'inizio della fine, anche perché solo ora riesco a impormi con calma ma autorità sulla sua volontà quando vedo che ci sono troppi grandicelli in giro. Certe volte ci trovo quasi adolescenti che non si rendono conto (ma soprattutto le loro mamme) che ci sono anche i piccoli. Ogni tanto trovo anche qualche bambino grande che, invece, mi aiuta a fare da autorità. Anzi, alcuni di loro hanno apprezzato che io, da adulta, riponessi in loro la fiducia nel controllare i nanetti in mezzo. Ma in generale li toglierei dal mondo per evitare ogni dubbio :)
    qualche giorno fa a una festa mio figlio si è chiuso tipo "Motorola StarTAC" (non so se ricordate il genere): completamente in due, tipo libretto, con un suono per niente rassicurante. "E' fatta", ho pensato, "stavolta ci siamo..." maledicendomi per aver acconsentito a mandarlo lì sopra. Poi si è alzato ridendo come un pazzo e dicendomi: "Che bottaaaaa!", facendomi sentire una cretina ahahah

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.