Passa ai contenuti principali

SUCCEDE A NOVEMBRE


Abbiamo riacceso il camino e il Principe, in un eccesso di entusiasmo momentaneo, ha dato il via a una castagnata serale. Dai suoi ricordi di bambino, gli risultava del tutto inutile quel taglietto che si fa sulle castagne prime di metterle sul fuoco ed è così che abbiamo bruciato il tappeto.

Cestino sta diventando molto "maschio", "mamma mi voglio vestire elegante", "voglio mettere i jeans", "questa maglietta è per i marmocchi", "mettimi il profumo di papa". Sorvolo sugli abbinamenti di colore che "nun se possono vede", e mi conquista ogni volta.
La stessa trafila la fa Cicina anche quando deve mettere il pigiama, un défilé a sera inoltrata ci mancava proprio.
Mi son beccata la prima, e spero l'ultima, labirintite della mia vita. Dei 30 giorni del mese a disposizione, ha scelto quelli in cui il Principe era in trasferta, al lavoro c'era carenza di personale e gli altri due di casa in vena di dare il meglio di se…a girarmi non era solo la stanza.

"Di regola l'albero di Natale si fa l'8 dicembre", "va bene mamma ma se lo facciamo prima non ci faranno mica la multa!" ... Piky smettila di parlare in casa di lavoro, Piky smettila di parlare in casa di lavoro, Piky smettila di parlare in casa di lavoro...

Ci sono stati i colloqui con le maestre di Cestino, del bambino che consegnai loro tre anni fa, non c'è più traccia, la metamorfosi è impressionante e completa, nel bene e nel male, ma mi hanno rivelato cose su mio figlio che mai avrei immaginato. La cosa mi scoccia.

Ho creato il gruppo whatsapp delle mamme della scuola, ho fatto un bel respiro, preso coraggio e cliccato "crea". Non so che ne verrà fuori, per ora una sequenza impressionante di bip telefonici.

In un triste e cupo venerdì di novembre, ho comprato una minigonna per 12 euro, un maglioncino per 9, e un foulard per 5. La giornata è diventata subito di un altro colore ed io ho scoperto di aver inconsapevolmente partecipato al BLACK FRIDAY.

È iniziata la "saga dei regali di Natale", loro si stanno preparando a scrivere una letterina che pare un'enciclica, io ho messo l'orecchia sulle pagine interessanti dei vari cataloghi Intimissimi e similari e li ho sparpagliati in giro per casa. Spero di essere stata chiara.

Grande fermento nel campo lavoro e tante novità per Umbriaformummy, Lucia è un uragano in piena e farmi trascinare dal suo entusiasmo può portare solo a cose belle.

Ho partecipato al Book Exchange e sono giorni che riceviamo libri da tutt'Italia, mi avevano detto che era una "bufala", io vi dico che non è così. Se volete partecipare le regole sono semplicissime, l'impegno è minimo e la soddisfazione è tanta. Scrivetemi e vi passo tutte le info.
Buon dicembre a tutti.

Commenti

  1. Sempre piena di novità tu! Io ancora non l'ho pensato, il post per il mese di novembre! Mi spiace tanto per la tua labirintite, che - grazie al cielo - mi manca. Ma questo novembre ci accomuna per una cosa: i giramenti di testa. Diciamo che se ottobre è stato il mese dell'attesa, quello di novembre non vedevo l'ora che finisse.
    Quanto all'abbinamento dei colori... uh, i bambini sono fantastici! Ma pochi riescono a superare l'arcobaleno che è capace di creare un papà quando li veste, credimi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giramenti di testa per cosa e quando Anna? Scusa la domanda diretta ma sto cercando di capirci di più su questo disturbo molto fastidioso tra l'altro.

      Elimina
  2. Per il gruppo delle mamma una delle regola da spiegare è non rispondere tutte grazie = 30 bip! Anche io partecipo ma per ora nessun libro in vista. Io il mio l'ho spedito, come sai. Speriamo che le mie mammine oltre a spedire abbiano trovato qualche mamma, altrimenti non fa nulla, io sono contenta così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie al tuo contributo noi abbiamo avuto dei testi bellissimi che arricchiscono le letture della buona notte.

      Elimina
  3. ahahaha mi fai sempre morire con i tuoi riassunti! :D la storia delle castagne e il tappeto dev'essere stata interessante ahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si certo, vedessi che bello quel buco nero in mezzo a un quadrato bianco

      Elimina
  4. Noooo, povero tappeto!!! Comunque direi che hai avuto un novembre pienotto, eh?!
    Peccato perdere così tanti momenti dei nostri figli, quando sono a scuola. E' anche vero, però, che a casa o comunque con noi sono semplicemente diversi, come lo eravamo noi, e certe dinamiche e comportamenti riguardano solo momenti scolastici o con amici.

    RispondiElimina
  5. Ma in casa tutti abbiamo comportamenti diversi da quando siamo fuori e stiamo con gli amici no?!?!
    E' stato un bel mese a parte la labirintite!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stato un mese intenso, compresa la labirintite.

      Elimina
  6. Anche novembre si è rivelato un mese bello intenso a casa Piky!
    Scusa ma ho riso sul tappeto bruciato, bella l'iniziativa del Book Exchange, io ho fatto giusto questa mattina i primi acquisti di Natale.
    Un abbraccio e ti auguro un entusiasmante dicembre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entusiasmante e di sicuro frenetico dicembre...dovrò anche pensare a comprare un tappeto nuovo!

      Elimina
  7. Io sto cercando le ultime mamme per il Book Exange.. Non capisco perché la gente debba essere così diffidente con le belle iniziative..

    Invidio il vostro caminetto ed è bello sapere che, nonostante la labirintite, le cose procedano bene a casa vostra.
    Mi spiace per la labirintite..

    Dai che Natale si avvicina: chissà se i messaggi subliminali funzionano!
    Noi qui ci scriviamo le letterine come i bambini! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Book exchange e' stata una bella esperienza, sono felice di aver seguito l'istinto e aver accettato.

      Elimina
  8. Un mese intenso, direi. spero la labirintite sia passata... Un forte abbraccio e spero dicembre sia più tranquillo

    un abbraccio
    http://emiliasalentoeffettomoda.com/casual-chic-con-yclu/

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.