Passa ai contenuti principali

SUCCEDE A SETTEMBRE

Siamo stati al mare, e dentro le due valigie pesanti abbiamo messo un po’ di tutto ma abbiamo lasciato a casa ogni "regola" e così, tanto per dirne una, aspettando di pranzare, abbiamo leccato ghiaccioli al gusto tropical. Senza sensi di colpa!

Ho rotto il telefono, non proprio rotto in realtà, è più corretto dire frantumato. Lì per li sono rimasta in apnea per dieci minuti, poi senza di lui e non rintracciabile per il mondo, ho trascorso una delle settimane più belle che io ricordi. Provate... (non serve romperlo, basta spegnerlo).
Ho spiegato a mio figlio il significato della parola lavoro, del perché lo si fa, di cosa ci si guadagna e del fatto anche la sua scuola è una specie di lavoro, lui ha ascoltato e ci ha messo una chicca delle sue "io, però non guadagno soldi, io guadagno informazioni". Ecco ultimamente l'unica persona, in grado di sorprendermi, ha 5 anni.

È stato il compleanno del Principe, e nonostante siano più di dieci anni che stiamo insieme, è forse la prima volta che becco al primo colpo, taglia e numero di scarpe per il regalo, e meno male... avevo perso gli scontrini.

È stato pure il mio di compleanno, e il Principe andando contro tutti i suoi valori, mi ha regalato ciò che più desideravo. Non è il regalo in se, ma è più la constatazione che mi ascolta... anche quando sembra fare tutt'altro.

Hanno ricominciato l'asilo e, nel giro di tre mesi, i servizi son tutti aumentati di costo. Chi ha risposto alle mie rimostranze, ha provato a spiegarmi: "Eh Signora ma d'altronde frequentano l'ultimo anno"... io sarò anche un po' tarda, ma questa non l'ho capita.

Ho scoperto un localino delizioso, slow food, economico, colorato e fashion, una vera e propria chicca romantica. Ce l'ho praticamente dietro casa e l'ho eletto a rifugio mio e del Principe, per tutto il prossimo inverno. Nokids friendly!

In preda alla noia di un sabato pomeriggio, Leo ha esordito: "mamma organizziamo una festa?" ... siamo usciti a comprare cappellini, maschere e fischietti, poi mi son fatta prendere la mano e son tornata a casa con una parrucca rosa in testa e lui vestito da Bob Marley.

Ho un intenso ed irrefrenabile desiderio di shopping, roba per la casa prima di tutto, ma anche scarpe, borse, vestiti, fini ed affini. L'ho spiegato a mia figlia, che entusiasta ha battuto le mani e gridato "Evviva". Huston abbiamo un problema.

Leo ha avuto il suo primo cinema (Inside out per la cronaca) e due genitori più imbranati di noi son difficili da trovare: ci manca poco che si perdeva l'inizio.

Quella trascorsa è stata un'estate intensa, calda, piena e forse poco riposante ma per me settembre è sempre un pò Capodanno.  


Commenti

  1. devo recuperarlo anche io il post di riepilogo.. che serrembre lungo! E che forte Leo! Ti ha dato una risposta meravigliosa!!

    RispondiElimina
  2. Un settembre pieno di piacevoli eventi e compleanni!
    Anche i miei genitori compiono entrambi gli anni in settembre. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dice che i nati di settembre sono i figli del "Capodanno"!!'

      Elimina
  3. Accidenti, sono in ritardo, devo ancora scrivere il mio! Però intanto, augurissimi per i compleanni vari. E un pensiero speciale va a Leo... un bambino fuori dalla norma, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi stupisce Anna con delle risposte e osservazioni molto adulte..mi lascia sempre a bocca aperta!

      Elimina
  4. ora capisco perché per te settembre e' speciale, con tutti questi compleanni! che bello azzeccare i regali per i nostri cari e vedere che ci ascoltano!!!Quanto al caro servizi, non riesco neanche io a spiegarmelo: le tasse non fanno altro che aumentare, dunque già paghiamo di più...magari R. Ci risponderà con un bel twit, che dici?
    Polemiche a parte, tuo figlio mostra di aver compreso il dono prezioso della scuola. Quanto alla voglia di shopping...mi sa che è una malattia contagiosa!!
    Ora cercherò di recuperare anche io con il mio settembre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sui twitt sorvolo...e visto come stiamo messi dovrò farlo anche sulla voglia di shopping!

      Elimina
  5. Ecco il mio settembre!! http://mammavvocato.blogspot.it/2015/10/succede-settembre.html

    RispondiElimina
  6. Il mio settembre è stato principalmente sfigato....salto al mese successivo sperando in meglio!

    RispondiElimina
  7. Che Settembre allegro!!!E che spettacolo di bambini "organizziamo una festa"? avrei voluto partecipare pure io!!
    In ritardo buon compleanno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quando ne abbiamo fatta una a Capodanno, ha la mania è così abbiamo replicato più volte...non ti dico nemmeno come riduciamo il salone di casa!!

      Elimina
  8. Ma tuo figlio è semplicemente adorabile! Auguri in ritardo e che bella idea la festa improvvisata!
    Buon weekend

    RispondiElimina
  9. Che fantastico settembre!!!!
    La risposta di tuo figlio al tuo discorso sul lavoro è perfetta, bravo lui!

    RispondiElimina
  10. il nostro settembre veloce veloce ma intenso....
    http://veramenteveronica.blogspot.it/2015/10/il-nostro-succede-settembre.html

    tuo figlio è un grande !!! anche io come te sono nataa settembre.....le festa dell'ultimo minuto hanno unno so che di elettrizzante!!!
    ciao ciao
    veroveromamma

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.