Passa ai contenuti principali

SEGNI DEL CORPO, RICORDI DEL CUORE

Dopo due gravidanze fisicamente sono cambiata, a un'occhiata superficiale forse non molto, ma io che mi guardo allo specchio tutti i giorni, so che è così. Non so dire se in meglio o in peggio ma sono cambiata, questo è sicuro. Il mio corpo porta i segni di anni dedicati a loro, ho detto anni, la gravidanza, la maternità, l'allattamento, annessi e connessi.

Non ho più seno, non che prima fossi maggiorata eh, prima ero normale, nella media, un'onestissima terza misura, naturale e di proprietà, oggi invece compro una seconda, solo perché credo non vendano la prima e comunque anche se lo facessero, credo che mi vergognerei a chiederla. Ho allattato quasi due anni in due trance e ora sembra mi sia passata sopra una pialla. Questo non è un pentimento, è una constatazione. Allattare naturalmente è stata una delle esperienze più belle che abbia vissuto, lo rifarei dall'inizio alla fine e forse la prolungherei pure un po', ma che il seno non si modifichi è una balla e che tornerà come prima, pure. Magari cedimento e svuotamento ci sarebbero stati lo stesso, l'età è quella che è d'altronde, e magari io avrei pure potuto/dovuto fare di più per rassodare e rimpolpare, magari ad altre non è successo e a tutte non succederà, io posso solo dire che il mio seno parla di me, e mi ricorda loro e quei magnifici mesi in cui li ho nutriti con latte e amore. Lo dico con orgoglio. Non tornerei mai indietro per cambiare idea, tutt'al più potrei comprare un rassodante più efficace.

Ho avuto due parti cesarei, ergo ora ho due cicatrici orizzontali, una sopra l'altra, in basso sulla pancia. Dieci cm l'una. La prima è la più a sud, è in orizzontale e si è sbiadita quasi del tutto, da diventare appena visibile, mi costò tre punti, ed è stata la porta di Cestino. Poco sopra c'è l'altra, lunga uguale ma un po' più obliqua. Tende al rosa e si nota ancora bene. Ci vollero dieci grappette per chiuderla e Cicina è passata da li. Loro, le porte, anche se nascoste sotto lo slip o il costume, oramai sono parte di me, mi ricordano come sono venuti al mondo e come io sono diventata mamma. 


Sono stata una fan sfegatata dell'olio di mandorle, non flaconi, damigiane intere, direi che al 90% ha funzionato, ma lì sui fianchi, sia a destra che a sinistra, un paio di scie bianche si sono depositate lo stesso, pronte a ricordarmi che il mio corpo gli ha fatto sì spazio ma anche che se la coperta è corta, è corta, e che da qualche parte doveva pur strapparsi. 


Sono magra, non ho problemi di peso. Sono una di quelle che si dice "potrebbe mangiare ciò che vuole, senza mettere un etto" eppure quella pancetta sta là, pare un piccolo salvagente cui aggrapparsi, la vedi sotto la maglietta, la camicetta, il tubino che adori. C'e'. Un po' di sport forse potrebbe aiutare, ma se sparisse, io starei meglio? Lei è un ricordo, un souvenir, di quelli che li guardi e ti riportano indietro nel tempo, a quando quel salvagente non c'era, a quando la tua pancia era ancora vuota e, a pensarci ora, forse anche la tua vita.

E poi ci sono gli occhi, non rivelano più lo sguardo spensierato di una volta, quando il dubbio più grande era dove andar a passare la serata. Sono occhi da notti insonni, da pensieri e fatica. 
Occhi che guardano molto più lontano di dove sono ma che non si spostano mai da quello che hanno vicino. 
Sono occhi magari cerchiati da qualche occhiaia, e incupiti da qualche arrabbiatura di troppo ma sono occhi vivi che a diciotto'anni mi sognavo!

Sono passati anni e sono una io completamente diversa, il che è curioso se penso che mai come oggi io mi senta me stessa, mi piaccio anche di più, in questo corpo un po' segnato che mi ricorda che sono una mamma e soprattutto, come lo sono diventata.

Commenti

  1. Ecco, è proprio la faccenda del seno che mi preoccupa...
    Già dopo aver allattato Polpetta 20 mesi era un po' diminuito, mi auguro non sparisca quando avrò finito di allattare Pulcino...

    Un paio di smagliature ci sono e anche un po' di pancetta, ma quella c'era già prima delle gravidanze!

    Non ho subito il cesareo, ma i ricamini del parto, laggiù, ti assicuro che mi fanno penare ad ogni cambio del tempo: sono meglio delle previsioni del tempo! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È inevitabile che ci siano segni sul nostro corpo, abbiamo portato a termine una cosa mica da poco!! ...io li porto con orgoglio..certo una misura in più di seno non mi dispiacerebbe!

      Elimina
  2. Sai dove sta la forza di una donna? Nell'accettare i segni del tempo e della vita. Parlo di donne vere, naturalmente. Non giudico chi si fa ritoccare, semplicemente non lo farei mai.
    Brava Maria Elena, bellissimo post.

    RispondiElimina
  3. Ecco, io e te siamo proprio in sintonia. Sono giorni che penso che dovrei scrivere un post sul fatto che oggi con il mio corpo di mamma, con il seno svuotato dalla gravidanza, la pancetta che sta lì, le gambe non più toniche e le occhiaie e borse che potrei farci un trasloco, con questo corpo qui insomma mi trovo più a mio agio di 10 anni fa. E mi chiedo pure come sia possibile che non mi piacessi con quei 6 o 7 kg in meno., come mai mi sentissi pure grasssa. Non mi sentivo bella. Oggi so di non essere particolarmente bella ma sto bene come sono e mi piaccio molto di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che tu non sia particolarmente bella, puoi raccontarlo a chi non ti conosce però!!! Non a me che so perfettamente come sei!!! I segni ci sono, sono medaglie Lucia, e noi le portiamo con orgoglio perché credo che ce le siamo pure guadagnate a caro prezzo...poco importa come siamo ora, di qualche difetto qua e là, dopo ciò che abbiamo fatto, potremmo spaccare il mondo ed è per questo che pancetta e smagliature, ci fanno solo sbellicare!!! ;-))))))))))

      Elimina
  4. Se solo da ragazzine, da adolescenti, si avesse la tua consapevolezza e saggezza!! Sono sicura che ci sarebbero meno problemi alimentari, meno turbe, meno difficoltà di relazione. Hai ragione, i segni ci sono ,anche dopo una sola gravidanza (io di smagliatura sono piena, nonostante olii e creme a gogo') ma se ci penso, sono pronta a ricominciare anche domani!!!
    Bellissimo post!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La consapevolezza la ho ora, da giovane mi preoccupavo ed ero una "fanatica" del fisico, di come mi vestivo e del l'apparire al meglio. Mi preoccupavo di un capello fuori posto mentre oggi ci manca poco che non mi pettini neanche!!

      Elimina
  5. Concordo con mamma Avvocato, da adolescente avrei voluto avere queste convinzioni.
    Anch'io oggi mi guardo allo specchio, mi vedo cambiata, decisamente invecchiata, ma mi piaccio molto di più di un tempo. Sono più consapevole del mio corpo, della mia "bellezza", e accetto i miei difetti.
    Bel post, brava!

    RispondiElimina
  6. lo vedo anche io ed è normale. In fondo, è una (bellissima) scelta che abbiamo fatto che comporta questi cambiamenti. Io, come te, a volte mi guardo allo specchio e mi vedo diversa ma lo accetto con il sorriso perchè abbiamo dei figli stupendi e chi non ne ha non può di certo capire tutto ciò

    http://emiliasalentoeffettomoda.com/vestito-in-pizzo-blu/
    grazie

    RispondiElimina
  7. Piky ma che bello questo post! Che bello sul serio! Hai saputo tradurre in parole delle immagini e delle sensazioni che sono arrivate chiare e a me che leggevo e che mi hanno emozionato, si...perchè in buona parte mi sono rispecchiata in te e leggere le tue considerazioni mi ha fatto piacere :-)

    RispondiElimina
  8. un abbraccio cara ,ripasso


    http://emiliasalentoeffettomoda.com/concorso-stokkeonthego/
    grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.