Passa ai contenuti principali

I WISH...MA NON SO SE POSSO (Il tag dei desideri)

Chiedermi in questo periodo di esprimere tre desideri, è un po’ rischioso. 

Vivo in una fase pericolosamente compulsiva e mentre palleggio a destra e sinistra della mia vita, le situazioni per cui sarebbe bello poter esprimere un desiderio, si moltiplicano, quindi, caro il mio Aladino, così a occhio, direi che ti sei cacciato nei guai

Tuttavia a me piace pensare al desiderio come a qualcosa che non dipenda esclusivamente da qualcun altro, dal fato, dalla congiunzione buona delle stelle e dall'allineamento dei pianeti, ma a qualcosa per cui il mio contributo è fondamentale, situazioni in cui io fattivamente possa fare qualcosa per vederle realizzateIn altre parole penso al desiderio come a una situazione che se voglio veder esaudita, è il caso che mi rimbocchi le maniche. Per questo, elencare salute, felicità, serenità e simili, parlando di desideri, non mi viene. Sono doni troppo grandi per essere rinchiusi in una lampada e una buona dose di destino può fare la differenza tra il vederli realizzati oppure no.
Punto su cose più semplici e pure materiali, terrene e alla mia portata ma nonostante questo, so che non sarà comunque facile.
Desidero una cucina nuova. 
La nostra ha un decennio tondo tondo e già all'epoca, aveva potenzialità limitate, ma eravamo in due e ci andava bene. Oggi siamo in quattro e le quattro pietanze diverse che mi tocca sfornare a ogni pasto, mal si adattano ai tre metri scarsi di lunghezza che occupa. Gli scaffali traboccano di tutto, nel frigorifero è stipato il finimondo e la lavastoviglie è praticamente sempre accesa. In più ogni tanto qua e là uno sportello decide di venir giù, e ultimamente il cassetto della posateria mi si è appoggiato delicatamente su un piede. Si può pensare che questo desiderio sia di facile realizzazione, ma il fatto è che prima è arrivata la loro cameretta, poi la stanza dei giochi, poi c'è da pagare l'asilo e pure ricomprare le scarpe a entrambi e ora Cicina non entra più nel suo letto. L'Ipernonna quando viene a trovarci la guarda sconsolata, alza gli occhi al cielo e sospira. "Come si fa a vivere con una cucina così?" ...ho promesso a me stessa che ci sarà un Natale in cui cucinerò su un ripiano tutto nuovo, ma per star sicura non ho specificato l'anno.


Desidero momenti esclusivi con il Principe, vive con me ma lo incrocio appena, non mi bastano momenti rubati qua e là e, per di più, quando siamo troppo stanchi anche solo per parlare, vorrei del tempo vero e continuativo, ma di chiedere all'Ipernonna di fare gli straordinari come baby sitter, non me la sento e poi il tempo che passiamo insieme è già così poco che mi sentirei in colpa e infelice, a prolungarlo per una cena tete a tete. Si può fare una volta ogni tanto ma non è questa l'idea che ho di "tempo continuativo".

Desidero un po’ di pazienza in più, con i miei figli, nel lavoro, nei rapporti sociali e nella vita in genere. L'essere sempre di corsa, avere dei ritmi frenetici, essere sempre in ritardo, mi porta a spazientirmi di continuo, per la fila che incontro per strada, per l'impiegata allo sportello che è una lumaca, per i capricci senza un perché e nati nei momenti meno opportuni e per tutti quei imprevisti che fanno parte di qualsiasi quotidianità normale. Mi spazientisco per le cose che non ricordo, quelle che dimentico e che poi di conseguenza tralascio, (su questo punto ringrazio Lucia per la moleskine rosso fuoco che ora giace nella mia borsa!)

Ecco, questo il podio dei miei desideri, per ora. Mi do un tempo di due stagioni per realizzarne almeno uno, in alternativa, ne ho tanti di riserva! 

Con questo post partecipo al Tag dei Desideri di Racconti del Passato, ringrazio Scintille di gioia e le Mamme nel deserto per la nomina, e passo il testimone a Lucia perhè vorrei conoscere i desideri di una neo bismamma o quasi, Aline perchè vorrei conoscere i desideri di una prossima trismamma, Francesca che non vedo da tempo e che così mi aggiorna sulla sua vita che va, Carla perchè leggerla mi da sempre un carico di energia e Giorgia che ha vissuto un periodo un pò complicato e che di sicuro tra i desideri ha quello di rimettersi le scarpe! 

Le regole per partecipare le trovate cliccando QUI

Commenti

  1. Grazie della nomina cara! Sulla cucina ti capisco (pure sugli altri punti in verità!) ed infatti a casa nuova ho una cucina a mia misura. Le do il buongiorno e la buona notte tutti i santi giorni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohi, sei realizzo il punto tre, è pure merito tuo!!!

      Elimina
  2. Pazzesco, son davvero rinco! Ma dimmi, davvero non eri ancora stata taggata per questo post? Accidenti, ero così sicura di sì che manco c'ho pensato, tu sei sempre al centro di tutto! Comunque scusami, ripeto, mi sento in colpa.
    Detto questo, anch'io come te non ho pensato ai classici desideri tipo salute-soldi-felicità. Ma un po' di magia ce l'ho messa!
    Tornando a noi (per non ripetere detto questo) penso che la cucina nuova verrà... gli sportelli che si staccano fanno sì che prima o poi aggiungerete (magari) una piccola rata mensile e voilà... il desiderio è realtà!
    Per gli altri due ci vuole pazienza, cara. Sì sì, lo so che l'ultimo è proprio la pazienza, ma anche per ritagliarti uno spazio con il Principe ci vuole pazienza. D'altra parte i figli crescono, e lo fanno davvero in fretta, quindi ti ritroverai ad averli autonomi in men che non si dica, anche se ora ti pare impossibile. Già, dirai tu, ma intanto gli anni passano. Eh sì, ma goditi il presente! Sono sicura anche di una cosa, te la butto là. UNA SERA, dico una sera, puoi far fare gli straordinari ai nonni. Non dev'essere un'abitudine, sia chiaro, da nonna ti dico che occuparsi di due bimbi piccoli è faticoso. Ma UNA SERA, se lo spieghi a mamma, si può fare, ti assicuro. Sei una grande donna, lo sai vero? Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna ma scusa di che???? Scherzerai spero!!!!!
      TI dirò mentre penso alla mia cucina, mi è venuta in mente la tua ristrutturazione di casa e mi son detta, se Anna ha cambiato la cucina dopo tanti anni, vuol dire che questo delle spese extra è un male comune e diffuso che poi noi donne, siamo così preoccupate del budget familiare che anche per poco non ce la sentiamo di sforare.
      Per quanto riguarda la cena fuori, una volta ogni tanto credo si possa fare, ora faccio domanda all'Ipernonna se mi dice di no, le faccio leggere la tua risposta!!! ;-)))
      Anna sei fantastica!!!

      Elimina
    2. Uh, non mi ricordare il periodo della ristrutturazione! Svengo, se ci penso. L'unica cosa che mi ha pienamente soddisfatta è proprio la cucina, che è come la volevo (la vecchia cucina aveva 25 anni!). Sì, se la vuoi proprio come piace a te, costa un po'. Io ho rinunciato a poche cose, ma per altre (tipo il frigo americano) mi sono impuntata. E proprio il frigo è la mia scelta migliore, ci sta il mondo! Auguri, cara, per tutti i tuoi desideri.
      Ah, dimenticavo: comunicato per la Ipernonna: anche io ho due nipoti e quando, l'anno scorso, mia figlia mi ha chiesto una serata di libertà ho pensato a me, cioè al fatto che ero stanca e che accipicchia, mi chiedevano troppo. Ma poi mi sono messa nei panni di mia figlia e ho detto: è giusto così. Ipernonna, tieni i tuoi nipoti vicino a te più che puoi. Quando crescono ti ritrovi a rimpiangere questi momenti!

      Elimina
  3. mi piacciono 'sti desideri, mi ci ritrovo abbastanza in pieno (il primo lo cambierei con "una casa tutta mia" :-) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e pensare Gab che fino a pochi anni fa avrei cucinato pure su un fornellino da campeggio!!!

      Elimina
  4. Mi sa che il secondo ed il terzo sono i più importanti ma anche i più difficili da realizzare! In bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente i più difficili...il terzo poi!!!!

      Elimina
  5. La cucina è il cuore della casa, ci credo che tu ne voglia una funzionale. Il fatto è che noi mamme mettiamo sempre i figli prima e quindi ci si mette di più a trovare qualcosa per noi.
    Il tempo con il proprio uomo è prezioso, fai bene a cercarne di qualità. È l'essenza della vita di coppia...
    La pazienza... Eh, quella è dura averla quando si hanno bimbi piccoli, la casa, il marito. Il lavoro, il gatto....
    Ma lavorare su se stessi aiuta.
    Io sono riuscita a trovarne un pochino in più. Ti auguro altrettanto!

    RispondiElimina
  6. Che bei desideri!!
    La cucina ti capisco...Io sogno il bagno!!La cucina per ora regge bene....e poi mi manca sempre l'ispirazione per cucinare!!
    Per l'ultimo non ho consigli...la cerco pure io!
    Per il secondo chiedi alla supernonna è faticoso è stancante ma come dice mia mamma, ma forse perché ne ho solo uno e per ora piccolo , con lui non è stanchezza, è divertimento!!

    RispondiElimina
  7. Bellissimi i tuoi desideri! Diciamo che li condivido tutti e tre, quello della cucina in particolar modo, sarà che noi ogni due o tre anni cambiamo casa, sarà che ora mi ritrovo in un minuscolo appartamento dove la cucina è ben organizzata ma comunque troppo piccola, e sinceramente il mio sogno è una mega cucina aperta dove poter vedere tutto il salotto.
    Ma quanto vorrei anche poter condividere qualche momento in solitaria con mio marito, dovremmo aspettare almeno otto mesi e speriamo di poterci ritagliare almeno un paio di sere in solitaria quando arriveremo in Italia a marzo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.