Passa ai contenuti principali

LA PROVA COSTUME

Pieno luglio ed è oramai tutto un parlare della prova costume, chi l’ha superata, chi cerca il costume giusto per affrontarla e chi invece non ha ancora trovato il coraggio di provarci. 
Inutile far finta che la cosa non ci riguardi, tutte, prima o poi, ci siamo passate e non c’è estate che non inizi davanti allo specchio con addosso il bikini e una smorfia nel viso.  
Superare o no la prova costume, non è affare che investe i kg in più ma riguarda un check up completo al corpo, all’anima e all’autostima, questo ve lo assicuro: io sono magra ma la prova costume è sempre una mia nemica e davanti a quello specchio urlo come neanche Munich sa fare.
Siamo stati in piscina: una giornata di caldo torrido e come unica possibilità di refrigerio, qualche metro quadro di acqua, dove si era riversato il mondo. 
Mi guardo intorno e sono circondata da amiche di sventura: la prova costume è impietosa ma democratica.

Alla mia destra un ombrellone tutto femminile dove l’unico esemplare maschile porta il pannolino, di fronte alla prova costume hanno alzato bandiera bianca e messo in atto due strategie: non si alzano mai dal lettino e, se proprio devono, si vestono.  Io il costo del lettino potevo tranquillamente risparmiarmelo e oltre a correre avanti e indietro per tutto il giorno, mi ci mancava solo di svestirmi rivestirmi.

Dietro di me un classico formato famiglia, la mamma in questione ha puntato sul costume intero che camuffa un po’ per carità ma che mi ricorda tanto il catalogo di Postalmarket che non fanno più da un pacco di anni. Per me il costume è il bikini, magari della giusta linea ma intero no, per lo meno non per ora.

Sulla sinistra un ombrellone molto giovane, che ovviamente ignora cosa sia la prova costume e spostato di un po’, una neomamma che giustamente ora non se ne preoccupa.

Di fronte ho la maestra di zumba intenta a sculettare davanti a tutti, dentro una “muta da sub” color turchese. Di sicuro più in forma di me e con una gran resistenza a confusione e caldo ma che in costume non si è comunque messa e si lamentava con l’amica dei fianchi larghi e sproporzionati.

Poi c’era lei, che la prova costume se la mangia a colazione. L’abbiamo beccata all’entrata e ho dovuto prendere a sberle il Principe per farlo rinvenire, bella, statuaria, tonica, liscia e abbronzata, forse un po’ eccessiva nel suo maculato e nei tacchi a spillo, di sicuro troppo seria ma di certo perfetta, “Vado tutti i giorni in palestra “ e mentre il mondo gustava il gelato, lei dal bar si è portata via la barretta proteica. 
Ha la mia stima, si merita quel c..o che si porta dietro ma grazie no, preferisco sorridere e comunque la piscina era una distesa di costumi a fascia, alla brasiliana, vita alta, micro slip, fantasie e tinta unita e la prova costume in un modo o nell’altro l'abbiamo superata così.

Commenti

  1. Bel post! Mi ha fatto sorridere...io vado in palestra quasi tutti i giorni e mangio le barrette proteiche ahaha ma in costume davanti allo specchio quella smorfia la faccio anche io! Non sono mai contenta oh...molto meglio dell'anno scorso ma le smagliature (poche, ma ci sono e io le noto) intorno all'ombelico...il culo mai troppo sodo, la panzetta che mi vedo sempre (secondo mio marito inesistente)...e sbuffo pure io! Alla fine conta tanto l'atteggiamento e la sicurezza in se stesse...bene o male siamo tutte belle e imperfette!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non c'è quella, la palestra e la dieta possono fare bene poco...ecco diciamo che io non ho ne l'uno ne l'altro!!!

      Elimina
  2. Al di là dei kg che oggettivamente ci sono o no, quello che conta è come ci vediamo noi. Nel bene e nel male, eh! Perché spesso quelli che nella nostra testa sono dei difetti enormi, spessissimo gli altri neanche li vedono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I kg in più se non ci si fissa, non si vedono più di tanto, ho visto donne un po rotondette portare con disinvoltura dei bikini che io nemmeno se dimagrisco ancora!!!

      Elimina
  3. Sei fantastica perché con le tue parole hai saputo raccontare perfettamente una situazione difficile da affrontare. La prova costume è qualcosa che va ben oltre al semplice rotolino sulla pancia o al fianco troppo pronunciato, è una questione psicologica. Io dopo 5 giorni di puglia, kg di taralli nello stomaco, la pelle già un po' ambrata, la compagnia della meravigliosa famiglia di Mimma, ho superato alla grande la prova costume 2015

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'abbronzatura di sicuro sarebbe per me un'alleata, peccato che non so come mai, su di me non dura, del tipo a fine giornata ho un colore favoloso, la mattina dopo sono di nuovo scolorita!!! ...taralli e olive più Mimma e mare ...bello!!! :-))))

      Elimina
  4. Siamo sempre troppop critiche verso noi stesse e ci preoccupiamo di cellulite & c.
    Io mi vedo attorniata da donne di ogni forma, che portano costumi striminziti senza tante remore e sai cosa penso? Che fanno bene. Io mi faccio troppe paturnie.

    RispondiElimina
  5. Siamo sempre troppop critiche verso noi stesse e ci preoccupiamo di cellulite & c.
    Io mi vedo attorniata da donne di ogni forma, che portano costumi striminziti senza tante remore e sai cosa penso? Che fanno bene. Io mi faccio troppe paturnie.

    RispondiElimina
  6. Uff, non si è pubblicato il commento....
    Io sono molto critica verso me stessa. Ho avuto anni in cui avevo un corpo perfetto e nemmeno lo sapevo, mi vedevo grassa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come non si è pubblicato? Addirittura due volte!!! ;-)))))....è vero siamo sempre troppo critiche ma non so voi, io di certo oramai non ce la faccio a cambiare!

      Elimina
  7. Io ho enormi problemi di autostima, soprattutto quando si tratta del mio fisico!!! NOn mi sento mai a mio agio, nel costume o vestita, però devo ammettere che dopo un'oretta in piscina o in spiaggia, finisco per dimenticarmene e non ci ripenso fino a sera!!
    Alla fine, la bellezza è quasi più una questione di atteggiamento che un lato oggettivo!

    RispondiElimina
  8. Io nell' ultimo anno ho perso quasi 20 kg però dallo specchio non se ne sono mai andati!!! ;) un'amica mi ha mandato una frase che rimarrà nella storia: "la prova costume? Tutto a posto! Si asciuga!"

    Francy

    RispondiElimina
  9. Io me ne frego! Certo, mi piacerebbe un fisico da copertina, tonico, perfetto...ma non mi posso lamentare. Qualche chilo in più fermo sulla pancia, ma la pella è liscia e sana. Nel complesso sono proporzionata. Una volta "curata" (leggi peli) e con un bel costume che mi piace posso affrontare tutto! Ci sarà sempre qualcuno meglio (e magari più giovane) ma ci sarà anche sempre qualcuno peggio!

    RispondiElimina
  10. Secondo me la prova costume è un'enorme stupidata; veramente crediamo che con maglioni a collo alto non si notino le nostre "ciambelle"??
    Ahahahah!!!
    Viva la natura per come ci ha fatto.
    Vogliamoci bene (leggi: labarrettanonlamangioneanchemorta!)
    Baci Piky

    RispondiElimina
  11. Lasciamo perdere...prova costume prova vestiti non ne passo mezza, quei 10 kg in piu' ci sono ancora, ma come dice il Tato non aumentano, segno che basterebbe veramente poco, ma pazienza...anche perché poi se mi porta a cena non sopporterebbe vedermi mangiare un insalata! Pero' se sono al mare me ne frego un po' di piu' la mia ossessione sono i peli! Detto questo si c'è chi è messa meglio c'è anche chi sta peggio di me e pazienza ho anche piu' di 35 anni e si sa il metabolismo cambia e bla bla bla...Tanto alla fine abbiamo tutte qualcosa che non ci "piace"!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.