Passa ai contenuti principali

VOGLIO UN UNICORNO ROSA

Domenica sarà la festa della mamma, ho già in mente come vorrei passarla, mi serve solo l'approvazione della truppa ma, se il tempo sarà clemente, credo mi accontenteranno. 
Di sicuro ci saranno pure i lavoretti dell'asilo e bacini extra disinteressati, forse addirittura un fiore, ma tra tutte le sorprese e i regali che riceveremo, quale può dirsi, per una mamma, il più adatto a quel giorno? 
Quello capace di aggiungere un "non so che" che ci strapperebbe più di un sorriso? Una ricompensa diciamo, e per di più meritata? Mi son divertita a pensarci.
Mezz'ora serale dedicata solo a me, per leggere senza interruzione quel libro sul comodino, fermo al secondo capitolo da troppo tempo.

Lo stendibiancheria vuoto, il cestello della lavatrice pure, e i vestiti piegati e riposti in ordine sui rispettivi cassetti

Rincasare per ultima la sera e trovare la tavola apparecchiata, la cena sui fornelli e niente urla di sottofondo.
Un lunedì mattina passato a fare la spesa: da sola!

Una giornata (ma posso scendere anche a mezza), in cui non li veda urlare e litigare tra loro e per di più senza essermi avvalsa di alcuna minaccia.

Una sera a cena fuori con il Principe per parlare di qualcosa che non siano informazioni di servizio e tornare a casa un po' brilla, che tanto loro dormono beati e non mi vedranno!

Una mattina in cui mi alzo e l'unico pensiero che ho è quello di vestirmi e uscire, mentre in quell'ora o poco più, il multitasking mi fa il solletico ed io salto e rimbalzo per tutte le stanze di casa.

Asciugarmi i capelli senza interruzione. Basterebbero dieci minuti, chiusa in bagno: ci metto un'ora circa, tra dentro e fuori, a volte mi stufo e lascio finire il lavoro all'aria.

La loro stanza dei giochi (non in ordine che lo so che non è realistico) ma non a soqquadro, e non sempre, sporadicamente già basterebbe.

Il venerdì sera fuori a cena, perché in genere la settimana mi ha provato abbastanza e voglio dar via al week end, non spostando nemmeno un piatto!

Liberarmi da quei rognosi sensi di colpa che si attaccano alle calcagna, ogni volta che mi dedico qualche momento per me o anche solo penso di farlo.

Se tutto questo è poco realistico, alla fine un unicorno rosa, andrà benissimo.




Commenti

  1. Questo è il post perfetto per la festa della mamma! Mi ritrovo praticamente in tutti i tuoi desideri, come tante altre penso! Ma credo che mi dovrò comunque accontentare dell'unicorno rosa!
    O blu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni colore credo sia più realizzabile di tutto il resto!! Eppure io ci spero!!

      Elimina
  2. Che te lo dico a fare...A me basterebbe la cena pronta, Ma solo perché la doccia a puntate l'ho già fatta stamattina!E comunque l'unicorno rosa lo vorrei pure io!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cena pronta sarebbe veramente un bel sollievo anche per me!!! Rientrare, sedermi e mangiare!

      Elimina
  3. Pure io vorrei. L'unica cosa che riuscirò ad ottenere è la cena fuori da soli con rientro a casa brilla. Ma solo perché il nostro anniversario cade giusto un giorno prima della festa della mamma, il che, a ben vedere non è male, festeggiare l'essere moglie e mamma nello stesso weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nostro arriverà a luglio e prometto a me, anzi a noi, che si andrà a cena fuori!

      Elimina
  4. Pure io vorrei. L'unica cosa che riuscirò ad ottenere è la cena fuori da soli con rientro a casa brilla. Ma solo perché il nostro anniversario cade giusto un giorno prima della festa della mamma, il che, a ben vedere non è male, festeggiare l'essere moglie e mamma nello stesso weekend!

    RispondiElimina
  5. ahahah grandiosa!!!
    A me basterebbe fare tutto in orari che non vadano dalle 22 in avanti....e 6 ore di sonno filato senza più di una persona nel letto....e l'unicorno rosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalle 22 in poi io non riesco a fare nulla, magari mi sveglio all'alba ma a quell'ora non ho più forze e energia se non per dormire!

      Elimina
  6. Cara, sarà più realistico ricevere - sicuramente - l'unicorno rosa! Ti ho letto con gusto, pensando che mia figlia desidera esattamente le stesse cose. In ogni caso, se ti arriva azzurro, l'unicorno, non sottilizzare! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma scherzi...non sottilizzo sul colore!!! Tanti auguri Anna, anche per te domenica è festa!!!

      Elimina
  7. Io avrò la gestione completa dei bimbi da sabato mattina asabato sera, marito tornerà alle 22 e io andrò a lavoro, tornerò alle 7 e di nuovo sola coi bimbi fino alle 22 di domenica sera...mi accontento di lavarmi la faccia e farmi un bidet :D
    Voglio l'unicorno rosa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che con quel che ti aspetta, l'unicorno è un tuo diritto

      Elimina
  8. Piky cara, non ti posso augurare tutte queste cose insieme perchè non sarebbe effettivamente realistico, ma almeno una tra queste ti auguro vivamente che si realizzi :-)
    Un bacione, da mamma a mamma.

    PS: e comuqnue l'unicorno rosa di riserva c'è sempre, no? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una una, me ne basta una!!! Magari posso farmi regalare dei voucher con ognuna di queste e decidere di usarli quando meglio servono!! Sarebbe una grande idea!!

      Elimina
  9. Se dovessi ricevere anche uno solo di questi regali fammi un fischio...che vengo a festeggiare con te!! :*

    RispondiElimina
  10. quanto hai ragione!!!! già uno solo sarebbe perfetto!

    RispondiElimina
  11. In questo momento mi basterebbe una cenetta a lume di candela con il marito, nulla di più!

    RispondiElimina
  12. Dai, almeno una e' realistico no? Fai leggere l'elenco al marito, così magari se li porta un'ora al parco e ti lascia tranquilla domani...però per i sensi di colpa sarà dura, quelli diventano in pratica una parte del corpo di ogni madre!!!
    E se sarà un unicorno...che sia dato con amore!
    P.s. La conclusionale l'ho poi finita alle 20.10 e sono tornata trovando la cena pronta...però il nano era tutt'altro che tranquillo, marito era arrabbiato per l'ora tarda e la casa e la cucina...un disastro!!!

    RispondiElimina
  13. Piky sono curiosa di sapere se hai realizzato qualche tuo desiderio..inizio a capirti di più con due pargoli..un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ahahah Piky, ci hai letto nel pensiero!! Il mio unicorno lo vorrei azzurro...grazie. :-D

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia...un sogno ad occhi aperti, o meglio il contrario di quello che vedo ora in casa mia. Unicorno rosa va benissimo

    http://emiliasalentoeffettomoda.com/abito-colorato-estivo-boboli/

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.