Passa ai contenuti principali

CHRISTMAS IS COMING

Manca poco più di un mese al Natale e, anche se ognuno di noi si prepara a questa festa, di sicuro nelle case dove ci sono bambini, l'attesa assume contorni seri!
L'idea di base è più o meno la stessa: vivere la magia che solo questa festa sa regalare, assaporare le tradizioni e cercare di tenere a bada il consumismo sfrenato.
La mamma che si prepara al Natale è facilmente individuabile, un mix tra l'entusiasmo che gli trasmettono i suoi figli e l'esaurimento per la preparazione della festa: inizia un mese prima e il 24 è ancora in ritardo.
Io ne incarno perfettamente un esemplare e già mi sto arrovellando su dove poter collocare l'albero senza buttar giù fondelli,  e pure che mi dovrò assolutamente ricomprare i Re Magi! 
Cestino nel frattempo si sta dilettando con una lista infinita di desideri, del tipo "ogni cosa che vedo, la voglio"ed io mi son inventata "una balla" per cui da qui a Natale, non sarà possibile accettare nessuna richiesta. Su cosa ci sarà sotto l'albero già ho un'idea e non ho nessuna intenzione di comprare giocattoli a peso d'oro. Come ogni anno cercherò di portarmi avanti con gli acquisti e, come ogni anno, non ci riuscirò.
Quello che rende magico il Natale in fondo è l'attesa ed è ciò che voglio provare a regalare sia a loro sia a me, altrimenti il ricordo sarà così flebile da svanire nel momento stesso in cui la carta da pacchi finirà dentro il cestino.
Tengo molto anche alla questione "festa all'asilo", che rischia di saltare, ma che a me sembra un bellissimo modo per farci gli auguri. Il problema è logistico e l'esperienza tragica dello scorso anno, non si può ripetere. C’è anche una concreta possibilità che, nel caso si faccia, si sovrapponga con quella dell’asilo di Cicina sia per giorno che per orario: una gatta da pelare mica da ridere!
Vedremo. Comunque il clima natalizio qui si vede e già si sente, cercheremo di godercelo al meglio, e tanto per iniziare, ho abbracciato tre bellissime iniziative trovate in rete. Di sicuro le conoscete già, ma per sicurezza, su ogni immagine vi metto il link.
clicca qui
clicca qui


clicca qui

Commenti

  1. Io ho esposto gli art. natalizi il 5 Novembre....Sono già nel clima natalizio da un po', vediamo come ne esco or del 6 Gennaio.
    Miciomao ha scritto la lista dei regali già a Settembre, ora ne ha stilata un'altra, per paura di non trovare ciò che ha chiesto quest'anno abbiamo già acquistato e ora lui vuole cambiare ancora.....
    Ma nooooooooooooooooooooooo non si può gli ho detto io!!!

    RispondiElimina
  2. E' il primo anno che ho il serio dubbio se addobbare o meno l'albero: con la bambolotta in giro per casa, le lucine, le palline, i nastri...la vedo tragica!!!
    Sto escogitando un modo per sollevare tutto oltre la sua portata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stesso problema!! lo scorso anno si muoveva poco e niente (anzi, forse niente) quest'anno è un vulcano di 19 mesi che stacca, lancia, rompe e assaggia tutto....sto pensando anche io a come uscirne fuori!! :D

      Elimina
  3. Questo sarà un bellissimo natale per noi... con chicco che distruggerà palline e presepe... non vedo l'ora perché in fondo sono più bimba dei miei figli... se poi arrivasse la neve sarebbe il massimo

    RispondiElimina
  4. Si, l'attesa, il desiderio e i ricordi sono le cose che restano. I regali per quanto belli si dimenticano- quasi - tutti.
    Io ho adottato la tecnica del: scrivi quello che vuoi sulla letterina. Più sei bravo e più babbo natale ti premia. La posta in gioco si sta clamorosamente alzando. Al solo nominare babbo natale si sedano risse altrimenti ingestibili!
    W natale!

    RispondiElimina
  5. Noi abbiamo messo la scorsa settimana le lucine di natale. Stiamo colorando l'alberello di cartone e a fine mese metteremo tutte le altre decorazioni e faremo il presepe.
    Comunque l'attesa del natale e' magica!

    RispondiElimina
  6. se Dio vuole questo maledetto trasloco è finito! Sono emozionata ma anche molto spaventata per il natale in una casa nuova. Sarà che ancora non ci sono andata a vivere, ma sono ancora molto legata ai ricordi con la vecchia casa e ho paura che non si possa replicare/superare, anche se quest'anno sarà il primo VERO natale con il mio piccoletto, che quello dello scorso anno neanche ha realizzato cosa fosse!! Non vedo l'ora di vedere questa nuova casa, così problematica e sconosciuta, così lontana da me, venga scaldata dalle lucine, gli addobbi e il profumo di dolci....mi aiuterà (spero) a sentirla più mia. Le iniziative che dici le ho lette anche da altre parti, perciò ormai mi sono convinta....le voglio fareee!

    RispondiElimina
  7. Noi dobbiamo ancora entrare in modalità Natale... mi hai fatto venire voglia! Quest'anno per noi sarà il primo anno con un presepe grande... immagino già muschio ovunque!

    RispondiElimina
  8. Adoro l'atmosfera natalizia e tutto quello che si porta dietro..noi sotto natale ci trasformiamo in mostri creativi! Spero di trasmettere un po della magia che sento io anche a loro...perchè è bello trovare un regalo sotto l'albero, ma il Natale è ben altra cosa

    RispondiElimina
  9. Aaaaah! Sono in ritardo cronico anche con le risposte sul blog! Se hai voglia di pubblicizzare la nostra inziativa a me fa davvero piacere... avvertimi, così ti pubblicizzo su Facebook!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.