Passa ai contenuti principali

NESSUNO PUO' METTERE BABY IN UN ANGOLO


Lei è femmina. Lo è dalla punta dei capelli fino all'unghia del mignolino del piede, lo è senza che qualcuno, a parte l’istinto, glielo abbia insegnato. Lei è femmina e te lo ricorda in ogni cosa che fa. Punto.

Ha iniziato andando in giro per casa con bracciali, borsetta e foulard: ora ha aggiunto passeggino e bambolotto. Se lo culla, lo sbaciucchia, lo fa mangiare e pure il bagno. A volte improvvisa un cambio pannolino e lo sgrida. M’imita o, a seconda dei casi, mi scimmiotta. Io m’imbambolo a guardarla, il Principe lo tralascio.
E' vanitosa, si specchia, si piace e si sorride, si sistema i capelli ed ha un'attrazione fatale per le mie scarpe, specialmente se con tacco.

C'è questa teoria di non inculcare ai bambini idee stereotipate del ruolo maschile e femminile, io non lo faccio, ci pensa lei da sola. C'è anche l'idea che i giochi siano unisex ma lei, di fronte a scatole di macchinine del fratello e due spelacchiati bambolotti, ignora le prime e impazzisce per i secondi. Non posso farci niente e non voglio farci niente. Non le comprerò magari mai il mocio vileda in versione mignon ma se vorrà giocare a fare la mamma non sarò io a impedirglielo. Seguirà ciò che le piace, questo è l'importante.
Ha iniziato a protestare quando deve indossare ciò che, evidentemente, non le gusta e vuol fare di testa sua. Sempre.
Mangia da sola praticamente tutto ed essere aiutata non è nei suoi programmi.
E' così diversa dal fratello che mi sembra di avere due figli unici e non è facile. Quello che avevo imparato con lui non mi sta servendo a niente con lei, alla faccia dell'esperienza che dovrebbe aiutare. Fa cose che mi stupiscono ogni giorno e mi dicono "Mamma non ti adagiare, con me è tutta un'altra storia", ha un carattere forte, deciso e testardo e può anche elegantemente sistemarsi davanti allo specchio, ma se le pesti i piedi, non pensare di farla franca. Suo fratello si difende come può, ma ci si raccapezza poco e in casa è stata soprannominata "Pericolosa" e poi balla, tanto, sempre, ovunque e da sola. non ha bisogno di nessuno che l'accompagni sul palcoscenico, lei è la star incontrastata di questa nuova famiglia, ti guarda, o meglio ti scruta, fa occhi e fusa da gatto e ti cattura...e che sia chiaro: "Nessuno può mettere baby in un angolo!"

Commenti

  1. Io ho una figlia femmina ed è un universo pazzesco . Non posso fare paragoni ma mi diverte un sacco . Pure giada ha iniziato dai bambolotti.,. Ma la vera fase qs e' per girl e qs per boy e' iniziata ai 2 anni e mezzo ! Sceglie lei ovvio... La mia adora il ferro da stiro! Ti ho detto tutto, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già mi fa morire dal ridere e di stupore ora, non oso immaginare quando interagirà di più e meglio...forse mi do alla fuga!

      Elimina
  2. io finora ho solo un maschio.... sono impaurita e conquistata dall'idea di avere una femmina al secondo round!

    RispondiElimina
  3. Quello dello girls è un mondo a me lontano....molto lontano!
    Comunque io ho due figli maschi e sono uno l'opposto dell'altro. Ed io che mi illudevo di sapere già tutto, con il secondo mi sento ancora più imbranata che col primo dove tutto è stato così semplice e divertente! Facciamoci un in bocca al lupo reciproco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che la differenza ci sia comunque, nel caso maschio e femmina c'è pure il rispecchiarsi un po' nel l'uno e nell'altro. A guardarla rivedo me e un po' mi piace!

      Elimina
  4. Io queste cose che tu vivi le ho ardentemente provate so che sarei stata orgpgliosa del suo essere femmina a 360 gradi e come te non abrei mosso un dito compiacendomene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo nel farli crescere liberi e non voglio forzarla in nessun senso ma la sua indole la porta a fare quello che fa! ;-))))

      Elimina
  5. leggo e mi sembra di rivedere marta, in tutto! tacchi io? ce li ho ma non li uso: per lei son sempre stati l'oggetto del desiderio e ci sa camminare meglio di me. Rosa io? lo odio! lei in automatico l'ha proclamato il suo preferito. Robe brillantinose io? mai sia! lei i brillantini li ha nel sangue! loro sono "femmine", ma soprattutto loro…vanno da sé! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino a quando anche lei sarà più grande e sorrido...lo faccio ora figuriamoci!

      Elimina
  6. A parte che amo Dirty Dancing... Quello che hai scritto è bellissimo... Sembra una cosa brutta, ma spero anche io di avere una femminuccia, quando sarò mamma... Cioé anche un maschietto, ma almeno una femminuccia la vorrei avere... Certo che il temperamento non è detto che sia lo stesso, ma sarebbe bellissimo...

    Maira

    RispondiElimina
  7. Io è sempre pensato che moine e affettazione nelle bambine fossero una banale imitazione della mamma.. E invece mi trovo con una che è bambina fino al midollo: gonne, mollette, rosa, atteggiamenti allo specchio, miagolii al papà, passione per i trucchi.. Uno stereotipo adorabile. Poi fa' anche il maschiaccio.. Grida, si sporca è spericolata e casinista. Ma femmina.
    Pazzesco!

    RispondiElimina
  8. Piccole donne crescono!!! Girl power ;-)

    RispondiElimina
  9. Anche io ho due figli unici. Anche Giulia si è auto proclamata femmian...anzi ...principessa mica una femmina qualsiasi! Infatti il mocio ce l'hanno...pure aspirapolvere e lavatrice mini...ma ad usarle è il fratello. Lei si siede sul divano e si fa servire. Femmina si, ma con stile! Lui deve rassegnarsi ad imparare ad arrangiarsi che al giorno d'oggi...non ci sono più le femmine di una volta...

    RispondiElimina
  10. Guarda, di figlio ne ho uno solo ma potrei dire lo stesso al maschile: cerco di non dare adito a stereotipi e lo lascio giocare con bambolotti e vestirsi di "fussia" e viola quanto vuole ma in tante, tantissime cose e' maschio fin nel midollo....e va bene così!L a tua bimba ha il suo carattere e la sua personalità ben definita, come il primo, ed è bellissimo, anche se posso solo immaginare la fatica!!!

    RispondiElimina
  11. già da subito ci si accorge che maschi e femmine vivono davvero su due pianeti distinti!!
    avrei tanto voluto una femminuccia, ma considerando che disastri di donna sono, forse è andata meglio così;-))

    RispondiElimina
  12. La bambolotta tira il ciuccio a cicciobello, lo fa piangere e lo sgrida...poi, se c'è la finestra del balcone aperta, lo chiude fuori e se ne rientra tutta soddisfatta!
    Proprio un grande istinto materno :-)))
    AHAHAHAHAH!!!

    RispondiElimina
  13. Che tenerezza! Il Patato è maschio ma adora giocare con la scopa elettrica e coi fornelli. Ogni bimbo è unico ed è giusto così!

    RispondiElimina
  14. Che bello peró che faccia emergere il suo carttere...e (da fuori) da lmpressione di essere proprio spassosa! ❤️

    RispondiElimina
  15. ah ah ah!! sembra gemella della mia Giulia! siamo proprio nei guai, vero? lei mi imita in tutto e ha un caratterino ben definito, forte e deciso. poveri noi...


    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/kidsoutfit-seam-abbigliamentobambino-madeinusa/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
  16. Una tipina tosta, Cicina ;-)
    In bocca al lupo, cara Piky! Comunque, sarà pure un'avventura crescere questa figlia, ma ti darà di certo mille e più soddisfazioni, vedrai :-)
    E la citazione da Dirty Dancing è meravigliosa!!

    RispondiElimina
  17. Preparati alle lotte, ma a tante soddisfazioni...

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.