Passa ai contenuti principali

PICCOLE DONNE (ma grandi e con i figli)


Ed anche questa è fatta.
La magia, dopo aver fatto il suo lavoro, se n’è andata e quel che oggi ne rimane, è un rimorchio pieno di carta, caos in ogni stanza e pochi cm di pavimento calpestabili.
Non abbiamo fatto nulla che non possa essere catalogato sotto il termine Natale e di sicuro la nostra giornata è stata molto simile a quella di tanti altri, inutile dilungarsi nel raccontarla.
Le promesse sono state tutte più o meno mantenute e alla fine pure le aspettative, quindi ok, è andata bene e ce la siamo cavata anche questa volta, però, come il solito, a me le giornate di festa, lasciano sempre un non so che di malinconico, sottolineando l'assenza di chi, in questi momenti, manca.
In una tavola imbandita quello che noti di più, è il piatto che non c'è, la voce che fa più rumore, è quella che non senti e la foto che ti commuoverà a guardarla, è quella che non hai scattato.

Siamo tre sorelle, sposate e con figli ma in questa casa, torniamo bambine.
Mia madre è sempre li, è il ceppo del nostro albero, quella che tira avanti la nostra caotica baracca, e che sa mettere un sorriso in ogni cosa che fa. Con i suoi sei nipoti ha ridato un senso a una vita che per un po' l'aveva mollata, ha preso il suo carico di dolore sulle spalle ed è andata avanti.
Noi nel frattempo ci siamo moltiplicate e lei per far fronte alla carenza di spazio, ha trasformato la casa, in un mezzo loft e dedicato una stanza ai più piccoli. L'ha dipinta con colori vivaci, ci ha messo un letto e l'ha riempita di giochi. E' completamente visibile dal tavolo da pranzo e, in eventi come questi, mentre noi “caciariamo” e ci “strafoghiamo”, di quanto la sua mente è le sue mani hanno prodotto, lì si consumano le peggiori "tragedie": vola di tutto e il volume tocca decibel da molestie. C'è da sedar risse e calmare animi, qualcuno finisce sempre sotto il letto e non è raro veder giocattoli che si danno alla fuga!
Chi non è abituato a vivere certe esperienze, potrebbe rimanerne addirittura traumatizzato, noi invece ci sguazziamo piuttosto bene e ci alterniamo nella sorveglianza della scalmanata prole, che se le da di santa ragione.
Non è detta che l'incontro non finisca con qualche ferito, di certo non facciamo più caso ai pianti, alle crisi ed ai capricci.
Anche lo scambio dei regali ha in se qualcosa di folkloristico e  non può essere capito se non da chi lo vive: pacchi che passano di mani in mani, baci, abbracci e ringraziamenti a casaccio e non manca mai una telecronaca in sottofondo, degli acquisti fatti.
Cosa è stato ricevuto e da chi,  si scoprirà solo a distanza di giorni e dopo accurate ricerche.
Mi ricordo di un anno in cui addirittura il Principe si trovò a scartare lingerie da donna rosso fuoco: "Ehi questa non è mia!". No, in effetti no, non lo era.
Passare la sera di Natale qui alla fine, è un po' come ritornare Piccole Donne (ma grandi e con figli), consapevoli che dalla porta di casa lui non entrerà più, ma anche che ad unirci c’è un bene su cui poter contare e che comunque intorno a quel tavolo, nonostante il caos, noi l'abbiamo visto.

Commenti

  1. Che bel racconto, Maria Elena! Invidio un po' la tua famiglia numerosa, da figlia unica e con un'unica figlia (che però di figli ne ha voluti 2, proprio perché lei ha sofferto la mancanza di un fratello).
    Anch'io ho pensato a quella sedia vuota, quella del mio papà, con un po' di malinconia. Ma i bambini han fatto dimenticare, hanno aiutato a lenire il dolore.
    Buone feste, cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le feste fanno notare le assenze ancor di più, rimanere uniti e poter contare su un bene reciproco, e' l'aiuto più prezioso.

      Elimina
  2. Anche io mi ritrovo a fare ragionamenti simili e la gioia si mischia alla malinconia ogni volta...tra i miei ricordi più belli legati ai pranzi di Natale ci sono tavolate confusionarie, con tre, quattro generazioni a confronti, scambi di doni con tanto di berretti in testa e bimbi che giocano e urlano in ogni dove!
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  3. Che bel racconto Mammapiki. Mi ci sono persa con piacere, e con un po' di commozione.
    Buon Natale in ritardo, che Natale nel cuore duri il più possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O è Natale tutti i giorni o non è Natale mai..io ci provo!

      Elimina
  4. Intorno a quel tavolo lui c'era eccome. Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Leggendoti mi sembra di rivivo le feste di quando erano piccoli i miei nipoti. Uguale uguale, tranne la malinconia dell'assenza. Notiamo altre assenze. Ma questa è un'altra storia. Buon proseguimento. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa atmosfera qualche anno fa e' andata persa per svariate ragione, poi per fortuna sono arrivati i bimbi e tutto ha ripreso colore!

      Elimina
  6. Questa sì che è una bella famiglia! Complimenti!

    RispondiElimina
  7. Ho le lacrime....
    Pensa che mi sembrava di essere li in mezzo a voi, seduta a quel tavolo a mangiare meraviglie preparate in casa dalla tua mamma e guardare con un occhio i bambini che giocano. Bellissimo! Questo è il vero spirito del Natale!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Piky quanto è bello leggere di te, del tuo Ntale e di come in qualche modo somiglia al mio e alle tradizioni della mia famiglia "di origine". La differenza è che a me mancano oramai entrambi i genitori, ma ci sono mio fratello, mia zia e i miei cugini, con figli al seguito.
    Il caos natalizio che regna a casa di zia è comprensibile e apprezzabile solo da chi ci è abituato fin da quanodè nato, mio marito ad esempio dice sempre che esageriamo con le portate e con i regali
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il caos e' proporzionato al bene! Bellissimo! Auguri di cuore!

      Elimina
  9. come tu sai intorno al mio tavolo abbiamo sentito la mancanza di 2 persone, mio papà e mio suocero.ed è vero le mancanze fanno sempre molto rumore.anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro che tutto possa andare meglio e ti abbraccio!

      Elimina
  10. a me quest'anno un velo di malinconia è sceso non per noi, per fortuna, ma per una famiglia a me cara.
    la notte di natale ho pensato, non senza una lacrima, che in quella stessa chiesa solo poco più di 2 mesi fa abbiamo dato l'ultimo saluto ad una mamma. una mamma come me, come noi. ecco, chissà che vuoto a quella tavola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita e' crudele...a questo non mi abituerò mai.

      Elimina
  11. Piky mi hai commossa buon Natale e feste.

    RispondiElimina
  12. Noi passavamo il Natale da mia cognata, ogni anno. Poi anche noi abbiamo avuto una perdita e per lei, ma anche per noi, quella casa faceva riaffiorare troppi ricordi e tanta malinconia. Abbiamo così stravolto le regole del Natale e il pranzo lo facciamo tutti insieme al ristorante. E' sicuramente meno intimo ma aiuta a non pensare...
    Tanti auguri cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco il bisogno di allontanarsi dai ricordi, specialmente in questi momenti

      Elimina
  13. Tu lo sai che noi abbiamo passato un natale diverso. Siamo stati bene . Benissimo . Poi leggo il tuo e mi fai ammettere con me stessa che il natale e' e resterà sempre un'altra cosa. Brava tua mamma' ... E belli voi tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avete di certo saputo ritagliarvi il vostro pezzetto di Natale e poi ce ne saranno altri come tu li vuoi!

      Elimina
  14. Lo capisco e lo provo. Ti abbraccio. Buon inizio.
    Raffaella

    RispondiElimina
  15. Ti amo sorellina..

    RispondiElimina
  16. Sniff. Davvero dolce e commevente. un abbraccio

    RispondiElimina
  17. questo racconto, magari sì simile ad altri, ma è intriso di "specialità" e si sente….ri-auguri!!!

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. mi hai commossa....buone feste

    new post http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/look-day-corten/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
  20. è proprio quel sedersi in cerchio, attorno ad un tavolo, a donare e scartare e ricever.
    donare tempo, attenzioni, calore e leccornie.
    questa è la magia del natale.
    buone feste a te, e alla tua famiglia.

    RispondiElimina
  21. Che bel post.
    Si respira l'aria del Natale, sembra di essere seduta al tuo fianco.
    Tanti auguri.

    RispondiElimina
  22. bellissimo...dietro il caos (che so cosa significhi) e la grande tavolata (idem), c'è una famiglia vera e affettuosa, lo esprimi molto bene!
    Auguri di buon riordino!

    RispondiElimina
  23. Un post bellissimo... un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  24. Queste sono le famiglie vere! Bel post!

    RispondiElimina
  25. mi ha commosso immaginare il vostro mondo, il vostro Natale. grandiosi!

    Iaia

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.