Passa ai contenuti principali

DECORI, STRATEGIE E MIRACOLI


Il week end è iniziato con un miracolo.
A distanza di un paio di giorni, stento ancora a crederlo, ma sono sicura di non aver sognato e, che quel che ricordo è successo veramente: in una fredda giornata di dicembre, in preda ad uno strano entusiasmo, Piky si è fatta un bagno, ma un bagno vero eh, non uno di quelli che con una mano ti passi lo sciampo e con l’altra, dondoli la carrozzina e comunque un bagno, non una doccia!
Uno di quelli seri, con la schiuma alla Pretty Woman, depilazione totale, maschera, idratante, manicure e pedicure...ah sì anche con una Candela Yankee rossa a bordo vasca e avevo pure compagnia: la piccola urlatrice seduta sul seggiolone, che mi guardava in estasi mentre pensava "Wow che figata!" .
Un assaggio di paradiso da ripetere al più presto, uno scendere dal letto con il piede giusto e un regalo che mi meritavo e dovevo da qualche tempo.
Tutto poi è filato liscio, più o meno.
Tutto molto rallentato in realtà ma anche senza tanti capricci e nemmeno colpi di scena ingestibili.
La cena, ad esempio, non si è bruciata e, come da tradizione, abbiamo fatto pure l'Albero. Io tra l'altro non sono nemmeno una creativa, né m'impegno più di tanto nell'esserlo, ma la pressione del giudizio la sento lo stesso e quindi ho escogitato alcuni stratagemmi tutti miei, per uscirne in modo dignitoso.
Tiro fuori il solito abete ecologico (che poi mica lo so), e ci metto su le palline e i fili di quando ero bambina, cimeli fuori produzione da un pezzo, e il risultato, in verità, ogni anno è sempre lo stesso.
A lavoro finito, il nostro albero, potrebbe tranquillamente sembrare quello dello scorso Natale, imballato insieme a tutti gli addobbi, tanto pare identico, ma almeno non ho sorprese: se è piaciuto una volta, piacerà ancora, inutile avventurarsi su terreni che non si conoscono, ci han fatto pure il proverbio.
In realtà è che io non sono una di quelle che va alla ricerca della palla in oro zecchino, né una che punta sul cromatismo più gettonato: rosso/oro, rosso/argento, tutto blu, ma pure viola e quest'anno ne ho visti molti bianco/neri. Io sono una banale multicolor, stesso albero, stesse palle, stessa posizione, eppure a fine lavoro, son soddisfatta manco avessi addobbato Rockfeller Center, e in che modo poi!
La gratificazione più grande me la danno le luci, tre file da 180, tutte con quella scatolina con cui puoi cambiare la sequenza d'illuminazione. Sono molte, son colorate, si muovono e creano un so che di psichedelico che non ti fa notare il resto, però vanno posizionate bene, mettile male e vedrai!
Poi non lo so voi, ma io il nostro abete, lo colloco sempre, lato muro, ovvero almeno una facciata non si vede e qui potete immaginare, chi più ne ha più ne metta…io per esempio non ne metto: fronte multicolor e retro verde pino, va beh magari si, qualcuna qua e la, giusto per i riflessi, ma poca roba anche perché l’ho detto, è lato muro e tra gli aghi non ci passo. Da qui al 24, so che scrupoli passeggeri mi faranno riaprire le scatole e tirar fuori qualche sfera aggiuntiva, non sia mai che qualche invitato impiccione, decida di andare a mettere il nasino proprio li dietro.
Comunque dopo un pomeriggio intero e una serata passata, ad aprire, montare, spostare, ballare, cantare e mangiare, qualche risultato è stato raggiunto, è lo stesso dello scorso anno ma d’altronde il bonus miracolo del week end, l’avevo già consumato.
Come avete potuto notare, ultimamente, mi sto "specializzando" nei collage di foto, si prega di non ridere, e comunque beccatevi questo.





Commenti

  1. beh, direi che è andata alla grande! se poi è uguale all'anno scorso pace! mica se lo ricordano, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta non guardare le foto degli anni passati!

      Elimina
  2. Faccio esattamente uguale a te. Lato muro compreso:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il lato muro e' gettonatissimo, so anche di chi ne monta solo metà!

      Elimina
  3. Che invidia la vasca da bagno!!! Direi che Gesù Bambino, Babbo Natale, San Nicola e la Befana da te sono arrivati tutto insieme e con qualche giorno di anticipo... ma che letterina avevi scritto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che per ripassare non aspettino altri. 12 mesi! Sul bagno son fortunata si, ho la doppia scelta!

      Elimina
  4. beh, senti, anche noi abbiamo un lato tabù, quello fronte muro, che già giusto "due due" decorazioni, ma poi è veramente loglio…come a teatro: quello che non è a vista io non lo scenografo (vabbe', mi sa che il metodo stanisl…non faceva proprio così).
    e comunque…invidio il tuo bagno rilassante!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhe in effetti molte scenografie sono piatte! :-)))

      Elimina
  5. bella piky! anche io voglio ilbagno!anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel pre/figli, uno a settimana era d'obbligo, ora siamo ad un paio all'anno ma vedrò di rimediare, anche perché non e' i possibile come pensavo e già sto pensando a quando replicare!

      Elimina
  6. e poi hai decorato anche il tuo spazio virtuale!! bello!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merito di Iole e delle sue straordinarie idee!

      Elimina
  7. 180 luci x 3,,,,se metti la piccola davanti all'albero, puoi farti un bagno di due ore, tanto sarà ipnotizzata!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per cosa credi che le ho messe?!?!?! ;-))))))))))))))

      Elimina
  8. hai tutta la mia stima e invidia per il bagno caldo a lume di candela

    RispondiElimina
  9. non ricordo più un momento simile nella mia vita da tanto...tanto tempo!!! :) che invidia cara!!!

    new post
    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/donne-uniche-e-irripetibili-maba-creations/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne avevo perso anch'io memoria, poi mi son detta, perché no? :-))

      Elimina
  10. il bagno rilassante con la candela profumata *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mancava i'ipod nelle orecchie ma in realtà avevo con chi fare conversazione! ;-))))

      Elimina
  11. il nostro albero è sempre uguale ma sempre diverso. ormai lo fanno i bambini e ogni anno alle solite sfere si aggiunge qualcosa di nuovo: dai lavoretti della scuola alle palle decorate dal nonno appositamente per loro. una volta winnie the pooh, un'altra qualche mostro, poi è stato il turno di hallo kitty e quest'anno peppa pig. hanno poco di natalizio ma sono fatte con amore e ai bimbi piacciono un sacco.

    RispondiElimina
  12. Anche io metto sempre l'albero nella stessa posizione, all'angolo e nella parte dietro lo lascio vuoto, senza palline. Hahaha.

    RispondiElimina
  13. Toglietemi tutto, ma non il mio bagnetto caldo. Anche perchè senò non mi lavo! ;)
    Per l'albero quest'anno c'è che non l'abbiamo fatto... l'ho lasciato a Milano e ricomprare tutto sarebbe stato troppo oneroso... :(
    però ne abbiamo presi due piccolini con le palline piccoline!

    RispondiElimina
  14. mitica!!! mi sono rilassata solo a leggere del tuo bagno! ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.