Passa ai contenuti principali

ARREDARE FACILE E L'HOME SHOPPER

Arredare Facile
Uno dei problemi che si è presentato a casa Piky con l'arrivo di Cicina, è stato lo spazio, o meglio la sua mancanza.
Qui in provincia godiamo di una bella vista panoramica, di prati verdi e percorsi per la bici, ma un appartamento è un appartamento anche qui e gli 80 mq, più che buoni quando eravamo in due, e sufficienti quando arrivò Cestino, sono ora, che siamo in quattro, del tutto scarsi.
Gli alti soffitti non compensano i risicati pavimenti e la coreografia che i tre luminosi lucernai ci regala, non basta a far dimenticare che le camere sono soltanto due e in una di queste, addirittura, un armadio di dimensioni normali non ci sta.

Da qui la necessità di rivedere gli spazi, ricollocare i mobili e riorganizzare gli ambienti, senza contare che, per l'imperversare della mole presente di giocattoli, la casa sempre più assomiglia a Disneyland e non si contano le ceste presenti dove i cimeli sono riposti.
La remise en forme è partita con il ritinteggio delle pareti, è proseguita con l'acquisto di un vero letto da grandi per Cestino ed è terminata con la divisione di scaffali e cassetti. Tutto Home Made con budget e idee limitate e alla portata di una mamma e un papà che di lavoro fanno tutt'altro.
Da qualche giorno però ho scoperto un sito "diabolico e geniale" Arredare Facile, con annessa Pagina Fb, ci ho girovagato un po' ed ho fatto conoscenza con la figura dell’Home shopper, di cui son sincera, ignoravo l'esistenza.
Una professionista per ridisegnare gli ambienti, allargare gli spazi e soprattutto per crearne di nuovi. Sfruttare tutte le capacità che un soggiorno, camera o che sia, può avere e aumentare le opportunità per avere più posto e meglio distribuito. Arredare facile e l'home shopper fanno questo e a prezzi veramente contenuti.
No, non sto facendo promozione, il sito l'ho scoperto più o meno casualmente e siccome sempre più spesso mi capita di leggere post di traslochi o restyling della casa, di mamme "sull'orlo di una crisi di nervi" perché "Non so, dove mettere tutta questa roba" e di papà costretti a un bricolage forzato pur di guadagnare qualche mensola storta, ho pensato di presentarvelo, perché con l'arrivo dell'autunno si sa, un cappotto prende più spazio di una canottiera.


Commenti

  1. allora mi documento... non sia mai che evito l'esaurimento (dubito visto che i tempi si dilatano...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che mentre scrivevo pensavo proprio a te?!?!?!

      Elimina
  2. mmmmh..interessante...sbircio :)
    darling

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto ben strutturata e' la pagina fb con foto di tutto ciò che e' stato realizzato e con la possibilità di un contatto diretto con l'arredatrice.

      Elimina
  3. molto carino! Il problema è che io ho la HOME SHOPPER in casa... sempre alla ricerca di novità... e se te la mandassi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ogni donna c'è un Home shopper!!!! :-))))

      Elimina
  4. Tocchi un argomento caldo. In questi giorni io e Lui, a causa del mio improvviso trasferimento a Roma, abbiamo vissuto in una camera e non ti dico il caos tra la mia roba e la sua. Da Settembre la sistemazione sarà migliore ed andrà organizzata al meglio, negli spazi e nei modi;) un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto, sarà bello arredare il vostro "nido"!!! In bocca al lupo per tutto!!!

      Elimina
  5. darò un'occhiata, primo perché in fondo rimango Architetto e poi per curiosità!
    Ricordatevi che per tutto il "di più"..c'è il Cerchio del Dono (ilcerchiodeldono.blogspot.it) che aspetta di accumulare quello che non volete più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena Cicina supera le prime fasi di gioco, smantello un po' di ceste!!!

      Elimina
  6. Ehhhh in un giorno moooolto lontano,quando ci verrà il pallino di fare un fratellino/sorellina per Pupo avremo anche noi lo stesso identico problema...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di spazio non ce ne è mai a sufficienza e visto che il periodo e' proibitivo per cambiare casa, diventa fondamentale riuscire a sfruttare ogni cm ed a farlo nel migliore dei modi.

      Elimina
  7. ottimo, credo che mi servirà presto!!!!Io, comunque, mi diverto a cambiare e ridisegnare lo spazio...anche se i risultati non sono un granchè!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace ma riconosco i miei limiti e sono consapevole che spesso ci sfuggono le idee più giuste ed appropriate che solo un occhio attento e clinico, può avere.

      Elimina
  8. Fortissimo!!! spero non mi serva adesso, perchè ho appena traslocato e ho deciso di tenere la casa mezza vuota. NON NE POSSO PIU' della roba di troppo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io vorrei liberarmi di un sacco di cose, poi mi sembra tutto indispensabile. I traslochi in questo fanno miracoli!!

      Elimina
  9. Io, nonostante abiti nella mia casa da ben 8 anni, non l'ho ancora arredata come si deve, a parte la cucina. Vado subito a vedere ciò che consigli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considera che io qui ho ancora qualche lampadina al posto del lampadario!!!! E poi tanti quadri da appendere e mille cose da buttare. Il sito e' veramente forte!!! Ho letto il tuo ulltimo post: come avrei voluto esserci, la zona del lago poi e' bellissima!!!! :-)))))

      Elimina
  10. Ma è bellissimo! grazie mille per il suggerimento, potrebbe davvero tornarmi utile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice se può servire, belle idee creative meritano di essere condivise!!!

      Elimina
  11. interessante.....nemmeno io l'avevo mai sentito nominare. Mi dovrò documentare, in casa trovare spazi è sempre un puzzle difficilissimo

    RispondiElimina
  12. Lavorano anche all'estero? Noi siamo in cinque e toccamo a più o meno 18mq
    Per fortuna più crescono loro piú diminuiscono i giocattoli :) un bacione

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.