Passa ai contenuti principali

MA TU CHI SEI...


Un giorno di diversi anni fa. 
Un ragazzo mai visto con indomabili riccioli neri e un maglione giallo un po’ bizzarro.
A guardarlo non potevi ignorare i suoi occhi, non grandi, non azzurri ma piccoli, scuri e di taglio indefinito. Occhi che pur leggermente bassi attentamente osservano e, a essere un po’ timidi, mettevano pure a disagio. Due occhi che, più ancora di quell’improbabile maglione, non potevi ignorare e che raccontavano una storia. Leggerli significava conoscerla: lui non te l’avrebbe mai raccontata.
Di quegli occhi, mi sono innamorata.
Oggi.
"E’ identica al fratello”
“ No che dici! I lineamenti sono da femmina”
“Sì, ma la fossetta sul mento è uguale”
“Mah! Forse le sopracciglia, magari solo la destra e al limite pure un po’ il naso”
“ Secondo me gli somiglia solo quando dorme, da sveglia è completamente diversa”…..

In realtà questa conversazione, così come l’ho scritta, non è mai avvenuta (per fortuna) ma è il risultato del collage di “follie” sentite nel corso dell’ultimo mese, segno che non tutti vediamo le stesse cose e soprattutto che la mente umana può essere molto contorta.
Si parte dal banalissimo somiglia alla nonna/o, per passare all’assurdo cognato dello zio, fino ad arrivare allo spiritoso somiglia al postino.
Interi alberi genealogici rispolverati per l’occasione che però non contemplano la somiglianza più naturale e logica: quella con mamma e papà.
Stessa sorte toccò tre anni fa a Cestino, ma in barba a chi rispolverò centenari antenati, lui è, come si dice dalle mie parti, pitto e colato, a Mamma Piky. Lo era allora e lo è ancora adesso, nonostante il Principe l’abbia istruito a dovere, per fargli dire “Io sono tutto papà”.
Gongolo per questo? Non più di tanto.
A me piace il Principe, l’ho sposato e prima ancora l’ho scelto e confesso, ho sperato di poterne avere anche uno “in scala”. Non è così. Cestino è una Mamma Piky con i pantaloni, unico nel suo genere, ed è bellissimo.
Tre anni dopo ho lei tra le braccia.
Attentamente l’osservo, per capire quale delle assurde teorie, sia più corretto abbracciare e faccio una spicciola analisi. Se ti fermi al cespuglio di capelli neri, sai che è sua sorella ma a guardare l’incapacità a stare ferma e zitta, capisci che è figlia mia. Il resto mi sfugge. Non so ancora se “è più dalla parte di lui o dalla parte di lei”, se più che al postino (che tra l’altro qui è femmina), somigli all’imbianchino o se ha qualcosa di quel lontano parente migrato non si sa dove….ma ad averla qui ora, finalmente sotto la luce del sole di giugno, a me i suoi occhi sembra di averli già visti.

Commenti

  1. secondo me e' po' prestino per le somiglianze.
    il mio mattia quando e' nato...dicevano tutti fosse spicciato al papa', un po' di gelosia l ho avuta non lo nego...poi per fortuna :) con l andare del tempo si sono tutti ricreduti e in effetti la somiglianza e' la mia...ovviamente la parte migliore di me heheheh...
    ti confesso che io vorrei avere un altro masculo, e se cosi' fosse lo vorrei completamente diverso dal mio mattia.
    ho sempre avuto questo sogno..^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dice che i maschi siano tutti la mamma e le femmine i papà, eppure ne conosco di casi che non rispettano la "regola"

      Elimina
  2. non sono mai stata a sentire quello che dicevano gli altri sulle varie (ipotetiche) somiglianze, secondo me quando i bimbi sono così piccoli si può appena 'intravvedere' qualcosa. Mio figlio è la copia in miniatura di mio marito ma la somiglianza è venuta fuori dopo un paio di mesi, quando ha iniziato a diventare più rotondetto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai detto bene...solo intravedere e quello che si intravede non è detta sia definitivo...il più delle volte non lo è!!

      Elimina
  3. Il tuo post mi fa tenerezza, sai?
    In realtà, a me pare di capire che i bimbi somigliano più agli uni o agli altri a seconda di momenti, espressioni e anni. Cambiano, come tutti noi.
    E poi, sono sempre un miscuglio con un tocco di originale, quindi...tu vedi quel che vuoi e sarà sempre giusto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora ti posso dire che mi sono di nuovo innamorata!!!

      Elimina
  4. Le somiglianze sono molto soggettive. Tutti mi hanno sempre detto che sembro la fotocopia di mia madre e chi la conosceva da giovane, mi dice che alla mia età era veramente identica a me. Poi però, a volte, ho trovato anche chi mi ha detto che assomiglio a mio padre. Intanto inizia l'analisi dal cespuglio di capelli neri e dai suoi occhi, il resto verrà da se;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia inevitabile avere aspetti simili di entrambi e non solo nell'aspetto fisico ma anche nel carattere e negli atteggiamenti. Cestino ad esempio cammina e gesticola proprio come il papà!!

      Elimina
  5. Rimase epica questa. Eravamo a messa con i bimbi, entra una coppia di amici, prima si avvicina lei: "guarda sono tutti il papà, identici!" dopo tre secondi la raggiunge lui: "eh, non ti offendere" guardando mio marito "ma sono identici a lei!!"
    Dai miei figli ho capito che ognuno ci vede quello che vuole. Io per esempio non ci ho mai visto nessuno dei due, ci vedo loro e basta (paradossalmente noto qualche sbiadita somiglianza quando li rivedo in foto).

    RispondiElimina
  6. che dolce questo post!
    io - confesso- sulle somiglianze mi arrabbio tanto... perchè fino a qualche tempo fa il pupo è il papà in piccolo. Ora crescendo mi inizia a somigliare, ma l'imprinting è quello... insomma: quando mi dico "ma è uguale al papà" o "non ti somiglia per niente" non son proprio contenta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che c'è ancora tempo per qualche modifica!!!

      Elimina
  7. Questione di genetica. E se te lo dico io credimi! ;) Bando agli scherzi sei di una tenerezza incredibile :) E' sempre bello leggerti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella, hai sempre delle bellissime parole per me!!!

      Elimina

  8. Due figli maschi, identici a me...
    ehehehehhe biondi con gli occhi chiari. Ho predominato nonostante il marito sia scuro con gli occhi scuri...
    ehehehhehehhehe ne sono orgogliosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La giusta ricompensa per essere l'unica donna in un "covo" di uomini!!!!

      Elimina
  9. Tenera piki, tenerissima.
    La mia pupa pare essere la copia del fratello, solo con gli occhi chiari al momento.
    Io li vedo bellissimi e... come dice nonno lupone: assomigliano a loro stessi perché sono unici :)

    Dai che ce la stiamo cavando benone baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce la stiamo mettendo tutta e questo fa di noi delle ottime madri!!!!
      Ma il colore degli occhi quand'è che può dirsi definitivo?

      Elimina
  10. Io li scruto attentamente, tiro fuori foto di me piccola, e il papi fa la stessa cosa, per noi è un pó una gara....io cerco somiglianze mie e lui idem. anche a me ne dicono di tutti i colori,assomiglia al cognato,alla nonna bis, al postino pure, ognuno vede quel che vuol vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ne sentono di così strane da non crederci!!!!

      Elimina
  11. Mio figlio pare essere identico mio marito ma con il mio caratter(accio)...
    Ne sono felice, come te ho scelto e sono stata scelta dall'uomo che e' diventato padre di mio figlio ... rivederlo in lui mi commuove... :)

    RispondiElimina
  12. e se ti sembra così.. così è...!
    Col tempo lo capirai..

    RispondiElimina
  13. Checco è uguale al papà, e ci sta. Ma Paio...è mio spiccicato. Eppure mia suocera continua a vederci somiglianze con mio cognato. Ma vaff....

    RispondiElimina
  14. Se ti facessi sentire cosa dice la gente di mia figlia...sembra quasi che non sia figlia mia. Effettivamente somiglia molto al papà e la cosa è innegabile. Ma di qui a tirar fuori tutto l'albero genealogico paterno, non ci sto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni "famiglia" tira dalla propria parte...il perché non si capisce,poi per fortuna nella maggior parte dei casi, i figli assomigliano solo a se stessi!!

      Elimina
  15. Ti dico solo questo ...i miei son due gemelli identici ...talmente identici che a volte mi sbaglio pure io (quando son molto stanca nè ;D) ...

    vabbè uno assomiglia di piu' a me e uno a mio marito ...all'inizio quando me lo facevano notare ridevo ...ma come è possibile? e invece è vero cè qualcosa nel loro essere identici che tira piu' verso la mia parte o verso quella di mio marito .... quindi all is possible!! ;D
    ps anche da noi il postino è donna!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono convinta, i figli sono il frutto dell'amore di due persone da cui hanno preso il meglio.

      Elimina
  16. Emma e la mia copia in miniatura, pur avendo anche i colori del marito...che tra l'altro ha i miei stessi colori...hi hi hi...fantastico già su Tommaso....chissà a chi somiglierà;)))

    RispondiElimina
  17. Io inizio a chiedermi come sarà.. non mi ero mai posta il problema prima. Ora sto iniziando a domandarmelo e a volte se lo domanda anche Lui. Non tanto per sapere a chi somiglierà, ma che faccia ha. Lo riconosceremo?

    RispondiElimina
  18. Anche io mi sono follemente innamorata degli occhi di maritino, tutto l amore che sento ritrovando gli stessi occhi in mio figlio:-)) ps: meno male che ci sono i vostri blog a tenermi compagnia in questi giorni di clausura forzata:-((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto!! Mi dispiace molto ma spero che ora sia tutto risolto!!! Un abbraccio!!

      Elimina
  19. a me quegli occhi pare di averli già visti...
    frase semplice ma ricolma di amore di amore per tuo marito per i tuoi figli ....e per qruello che danno anche solo con un respiro

    un bacio piky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho guardato con gli occhi del cuore ma spero di aver visto giusto!!! :-)))

      Elimina
  20. Ciao, grazie per essere passata da me. Riguardo alle somiglianze che ti devo dire....io ho fatto 2 gemelli diversi tra loro ma tutti e 2 tali e quali al padre! SONO CIRCONDATA! :)

    RispondiElimina
  21. il mio primo è uguale al padre, o meglio, è uguale a me, ma ce lo vedo solo io ahahah
    il secondo mi ha detto il ginecologo che è uguale al fratello...per cui....
    bellissimo post!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se l'ha detto il gine c'è da credergli...anche la mia me lo disse alla morfologica!!! Grazie!!!

      Elimina
  22. ah, qui si direbbe "è sputato la madre (o il padre)".
    scusa se ho rovinato la poesia del tuo post...che è molto bello!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No anche qui si dice così, oltre che pitto e colato!!! :-))))

      Elimina
  23. sì quegli occhi sicuramente li hai già visti... col cuore

    RispondiElimina
  24. il mio bimbo dicono sia tutto suo padre ....
    un pò vorrei che mi somigliasse...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma con il crescere si cambia sempre un pò sai??? :-)

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.