Passa ai contenuti principali

LA FORZA DI UN SALTO NEL VUOTO



Le sei di mattina, questa casa è un forno, il sole è già sorto ed ha fatto in tempo a scaldare muri e finestre. Ho delle dolorose fitte da ieri sera, non sto bene né sdraiata né in piedi, mi giro e mi rigiro nel letto e il Principe mi guarda preoccupato. Sono preoccupata anch'io in realtà ma il mio ruolo "da dura" non mi concede di mostrarlo, so che un lamento più forte degli altri mi spedirebbe dritta dritta all'ospedale ed io non voglio andarci, non ora, non oggi, perche non è cosi che avevo programmato la giornata.
Stringo i denti e faccio una doccia.
L'immagine allo specchio non è un bel vedere, l’ho scritto in faccia che " non va", che forse qualcuno sarà meglio sentire che a lasciar correre non è sempre una buona idea.

"Smettila di fare la dura Piky, non lo sei. Vai di la e fatti aiutare".
Il Principe è già sulla porta.
Usciamo" mi dice.

Dopo tanto inverno, la giornata si annuncia magnifica, i tigli profumano d'estate, il cielo è finalmente del suo colore naturale e la radio manda la canzone perfetta.

Non sono in vena di chiacchiere, ultimamente lo sono sempre meno... tendo a isolarmi, come se mi stessi preparando per una gara importante e avessi bisogno di concentrazione. Ho costruito intorno a me una sorta di guscio dove in letargo aspetto... in questo periodo penso molto a papà, manca da sette anni ormai, ma io lo considero un po' in viaggio... so che tornerà quando ne avrò bisogno e forse oggi, proprio per questo, sarà qui. Da un po' di tempo me lo figuro in smoking, lui che, da sportivo, avrebbe vissuto sempre in tuta e jeans e me lo immagino mentre canta una canzone d'altri tempi. Una di quelli che alla radio danno come revival di qualche decennio fa. Ogni volta che siamo in macchina e ne passa una, io la canticchio, piano, sottovoce, quasi con vergogna... il Principe stupito fa sempre una smorfia di finto disgusto, ma io lo so che in cuor suo è contento e perché no, pure orgoglioso di questa Piky un po' all'antica e alza il volume. Sa che dietro quella musica, non c'è solo melodia ma una persona intera con tutti i bei ricordi che ha lasciato dietro di se e sorride.
Ultimamente penso tanto anche a noi, sento e so che siamo a una svolta, una di quelle importanti, un incrocio, dove sbagliare strada è un attimo, una scelta che comporterà una rinuncia ma che donerà una conquista... "non aver rimpianto della prima e non aver timore della seconda" diceva lui ed io ne ho fatto filosofia.
"Vuoi fermarti a fare colazione?"
"No meglio di no" e proseguiamo.
Non c'è ancora tanta gente in giro, la giornata è veramente calda e chissà qualcuno forse oggi partirà per il mare... il mare... quanto tempo che non lo vedo, mi manca e ora mi sento proprio come una goccia lì nel mezzo. Una goccia che tra poco potrebbe evaporare e non lasciare nulla, oppure unirsi ad altre gocce e formare un’onda schiumosa o meglio ancora una cascata.
Forza e potenza in un salto nel vuoto. Per lanciarti devi essere forte ma anche lasciarti andare... l'ho sempre pensata come una contraddizione questa, ed io credo di non essere né l'uno né l'altra.
Quanto mi manca papà, vorrei che fosse qui oggi, ancor più del giorno del mio matrimonio, quando non c'era nessuno a sorreggermi il braccio, quando trionfante ho salito quelle scale tenendo su i lembi del vestito, mentre il cuore piangeva. Sette minuti netti di cerimonia, un ‘si’ quasi urlato e tante risate. E' stato bello, cavolo se è stato bello!
Allora non sapevo nulla del dopo, di quello che ci aspettava dietro l'angolo, della strada percorsa e degli incroci da svoltare. Non sapevo nulla di questa mattina, del grande edificio bianco di fronte a noi, del Principe che mi avrebbe sorretto per entrare dentro, del tonfo della porta che chiudendosi alle nostre spalle avrebbe lasciato l'eco, della piccola valigia in una mano e del cuore nell'altra. Della paura, della gioia, del timore, della sorpresa e delle mille altre sfumature d'emozione che da lì a poco avremmo sentito.
Non sapevo nulla allora. Ora lo so e tu sei con noi dalle quattro di quel pomeriggio di tre anni fa.
Auguri Leonardo!

Commenti

  1. Auguri Leonardo e auguri alla mamma nata tre anni fa!
    Ps: ma quanto è dolce e bello questo post?

    RispondiElimina
  2. BUON COMPLEANNO LEOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. E' vero, è proprio indimenticabile la nascita di un figlio e lo spartiacque tra il prima e il dopo. In due, in tre, in quattro.....AUGURI A LEO E ALLA SUA CORAGGIOSA MAMMA!
    Marta

    RispondiElimina
  4. BUON COMPLEANNO!!!!
    Ma sai che all'inizio mi stavo preoccupando? non sono molto sagace, a volte!
    P.S.: io mi isolo e canticchio tutte le volte che alla radio passa un brano di Modugno, l'artista preferito di mio nonno, che è "partito" 7 anni fa :-)

    RispondiElimina
  5. C'è anche il tuo papà con voi, oggi come allora. Auguroni Leonardo!!!

    RispondiElimina
  6. tanti auguri al piccolo ometto!

    RispondiElimina
  7. Auguri piccolo Leo. Mi stavo preoccupando anche io leggendo, poi per fortuna un pargoletto mi ha strappato il sorriso :)

    RispondiElimina
  8. Letto tutto d'un fiato. Che emozione!!! Tanti auguroni Leonardo!

    RispondiElimina
  9. Auguri Cestino! Pensavo fosse successo qualcosa e ci ho messo un po' a capire .... Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Sono arrivata alla fine con gli occhi lucidi...auguroni a Leonardo e alla sua mamma!!!!

    RispondiElimina
  11. Dopo un tempo senza poter leggerti, per il momento mi sono spaventata!! Per fortuna non è successo niente di brutto, anzi! Tantissimi auguri al tuo ometto!! E la bimba come va? Spero tutto bene. Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Auguri, piccolo uomo. Tanti tanti. Un bacio
    Raffaella

    RispondiElimina
  13. che brivido... auguri a Leonardo!

    RispondiElimina
  14. Ho letto con il cuore in mano e l'ansia appesa a un filo, ho temuto non stessi bene... e poi vuoi la tensione, vuoi che ti voglio bene, una larima di commozione.
    Sei unica! E auguri all'ometto!!! Tre anni di voi... meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho letto solo ora un tuo commento a un vecchio post. non ti sei persa nulla, del concorso non ne ho mai parlato. se dovesse andare in porto poi si va a rieti ma chissà

      Elimina
  15. Auguri al piccolo, e alla mamma!
    darling

    RispondiElimina
  16. Ommioddio che bel racconto ! Auguri leonardo!

    RispondiElimina
  17. auguriiiiiii Leo!!! buon compleanno!!!

    RispondiElimina
  18. che bello questo post, sai che all'inno ero preoccupata? credevo tu stessi male adesso e già pensavo a come aiutarti anche se distanza, e invece no, era solo l'inizi di una bellissima dichiarazione d'amore! Auguri leopardi
    P.S anche il mio papà è nato oggi...mi ricorderò di te più facilmente

    RispondiElimina
  19. Sei una perla rara Piky. Auguri Leoooooooooo <3

    RispondiElimina
  20. Ciao Piky, tanti tanti auguri al tuo Leonardo e anche a te che sei la sua splendida mamma. Il mio Leonardo è nato il 6 giugno di 5 anni fa....piccole cose in comune che fanno tenerezza:o). Un acaro saluto da Carla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l' acaro saluto è in realtà un caro saluto:o)))

      Elimina
  21. AUGURIIIIIIIIII a te al Principe a Leonardo.e cn questo post mi hai fatto venire la pelle d'oca.commento raramente ma ti leggo sempre. sei forte Piky,in ogni senso. e tuo papà è lì, vicino vicino. anna

    RispondiElimina
  22. C.ho messo un po. A capire...hi hi..ma sono addivanata e cotta..auguri piccolo cestino....e a te cara mamma Piky

    RispondiElimina
  23. Auguri a Leo e alla sua mamma che è forte nella sua fragilità. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  24. Auguri piccola gioia di mamma, papà e ora anche Cicina!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volevo scrivere...e ora anche di Cicina...perchè avere un fratellone è proprio bello

      Elimina
  25. Ma che bello il finale a sorpresa! pensavo davvero che stessi male e mi stavo proprio preoccupando!
    auguri al patatino piccolo!

    RispondiElimina
  26. AugurinLeonardo e auguri a quella splendida mamma che è nata con te 4 anni fa;)))

    RispondiElimina
  27. auguri di cuore: a Leonardo e alla sua bella famiglia! :)

    RispondiElimina
  28. no ti giuro appena letto, mi e' preso un colpo...poi fiuuuu ho respirato.
    auguri leo..

    RispondiElimina
  29. Auguri :D! Tre anni è un grande numero, ma tu puoi fare ancora il piccolo della tua mamma :D!

    RispondiElimina
  30. Che meraviglia che sei... Leggerti è stato come un salto nel vuoto ;)

    Auguri di cuore!

    RispondiElimina
  31. E' vero, dopo non si è più le stesse, né come donna, né come moglie. La prospettiva cambia per sempre perché c'è una vita nuova che dipende da noi. Una vita per cui noi saremmo disposti a dare la nostra..
    Auguri al piccolo Leo!

    RispondiElimina
  32. Grazie a tutte a nome di Mamma Piky, del Principe, di Leo e di Cicina, piccoli/grandi pensieri che rendono speciale un momento!!!! A tutte un grande abbraccio virtuale!!!

    RispondiElimina
  33. Lo leggo solo ora, tantissimi auguri!!! e un abbraccio forte!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.