Passa ai contenuti principali

VENERDI' DEL LIBRO....DIGITALE

E' da un po' che non partecipo al Venerdì del Libro, e questo perché credo sia veramente una rubrica interessante e partecipare tanto per, non mi va. Oggi però c'è qualcosa che merita di essere raccontato e consigliato, magari un po' diverso dal solito, ma forse, proprio per questo, veramente interessante.
Leggere è un piacere che s’impara da piccoli, lo sappiamo, non ci sono scappatoie, si sviluppa e cresce se alimentato, altrimenti diventa abitudine e subito dopo noia. A casa Piky, si legge, tanto, da sempre e di tutto. Cestino è un amante dei libri che continuano a spuntare come funghi dalle ceste dei giochi. Grazie anche alla lettura, il suo linguaggio è molto sviluppato, pieno di termini a volte difficili e improbabili per un bambino di poco più di due anni, ed anche la sua fantasia vola in alto con loro.
Il libro di oggi è per lui, e per tutti i bambini che vivono in questo tempo, e che ne dovranno e potranno, sfruttare tutte le potenzialità e mezzi.

Prima di tutto un video di presentazione.

 

"MyhappyFarm" è un libro digitale, un’applicazione per Ipad e Iphone, studiata appositamente per bambini e ovviamente, ambientato in una fattoria.
La voce narrante, li accompagna a ogni pagina, e disegni ben fatti e colorati, rendono la lettura piacevole e al tempo stesso costruttiva.
 

Si può ammirare e “leggere” la fattoria di notte, il pollaio delle galline, la stalla delle mucche, e ancora, il frutteto con i suoi alberi, e la casa del contadino. In ogni pagina, sono presenti mini giochi e attività interattive facili da eseguire. Semplicemente con un tocco delle dita, si possono aggiungere particolari o spostare quelli già esistenti. Sfiorando lo schermo, la luce delle finestre si accende, il sole sorge e tante altre attività. Sarà divertentissimo giocare con la talpa che ruba le carote dell’orto, o aiutare il contadino, a far uscire le pecore dal recinto. Un tocco, un’attività, e così la capacità di comprensione si sviluppa, le conoscenze si moltiplicano e la fantasia spicca il volo.



Per avere un quadro più preciso e maggiori informazioni su questa interessante applicazione e visionare un video di presentazione, potete andare qui. Io per esperienza diretta, l’ho fatto e ne sono rimasta molto soddisfatta.







Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di Home made mamma











 



Commenti

  1. il duenne per ora i libri digitale me li schifa! però magari tra un po'... se lo fanno pure per android! Sembra molto carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto carino e soprattutto e' intuitivo anche per bambini così piccoli, le attività sono semplici e alla loro portata, ci sono diversi mini-giochi e possibilità di interagire con la storia. Viene descritto l'ambiente della fattoria, con tutti i suoi animali e la vita quotidiana. Disegni ben fatti e molto colorati. A me e' piaciuto molto.

      Elimina
  2. Io non ho né l'IPad né l'Iphone.. lo so son fuori dal mondo ehehe
    Sembra molto molto carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà a casa Piky l'iPad e' capitato un po' per caso, con una raccolta punti, un paio di anni fa. Essendo io, di vecchia generazione, di quella che faceva i calcoli con l'abaco o al massimo i regoli, all'inizio l'ho snobbato. Non ne vedevo utilità e più che altro non ritenevo di avere le capacità per sfruttarlo. Mi sono ricreduta, pienamente e su tutto. Per me, il libro e' e rimarrà, quello stampato, ma Cestìno e' nato in questo tempo, ci vive e con esso avrà a che fare, in alcuni casi, scontrandosi. Per questo ho provato l'App e ne sono rimasta molto soddidpsfatta. Molte volte demonizziamo i mezzi, ma e' il loro uso che va controllato e sfruttato nel positivo. E' stata una bella scoperta. :-)))))

      Elimina
  3. Anche io un pò fuori dal mondo, senza iPad nè iPhone :D
    Però in realtà l'iPhone in casa c'è, è di mio marito, ma io non lo prendo mai (non perchè lui me lo impedisca, sia chiaro!!!) ma perchè fionora non ne ho sentito la necessità.
    Questo libro digitale però mi pare davvero bello, è un'ottima segnalazione.brava Piky!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come detto sopra, a me e' piaciuto molto....in realtà non solo a me!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  4. Io non sono molto d'accordo con te, credo che l'amore per la lettura sia innato. Io leggo almeno un libro a settimana ho sempre letto molto, a periodi alterni ma ho sempre amato leggere e a casa mia quando ero piccola non si leggeva. Ho avvicinato i miei figli alla lettura, comprandogli dei libri nuovi, portandoli in biblioteca, facendoli partecipare ad incontri sulla lettura animata, gli ho sempre letto le favole eppure nessuno dei miei figli ama leggere e prende in mano un libro per il gusto di farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento merita uno spunto di riflessione.....si forse c'è dell'innato nel piacere di leggere, come in tutte le cose che ci piacciono o no, però uno stimolo in più, può far venir fuori qualche lato nascosto, qualcosa che non pensavamo di fare, o non ne ricavavamo il piacere. Oppure più semplicemente, uno stimolo, che con il tempo ci fa cambiare idea, quello che prima non amavamo ora ci appassiona. Può succedere. L'importante e' avere gli strumenti, e dargli ai nostri figli, come hai fatto tu. Poi sarà la loro, natura, i loro interessi, le loro priorità a portarli verso una strada piuttosto che un'altra.
      Quando e' nato mil figlio, ho conosciuto nel reparto di Neonatologia, dove era ricoverato, una pediatra che mi ha parlato dell'Associazione Nati Per Leggere, di cui era un'attivista. Si sostiene la lettura ad alta voce, fin dai primi mesi, proprio per sviluppare capacità cognitive, di comprensione e di linguaggio. Ho partecipato ad alcune iniziative, tutte molto interessanti e ad oggi, posso dire di aver trovato riscontro, nei loro "insegnamenti".

      Elimina
  5. Ma che bello...peccato che io non abbia né Iphone né Ipad....sigh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi capitolerai e vedrai quante belle opportunità offre!!

      Elimina
  6. Questa applicazione la consiglierò ad una mia amica, ha un figlio che adora i librini e soprattutto gli animali:) io amo leggere, anche se per ora sono alla carta, nel senso che ho comprato soltanto un libro digitale quando facevo la tesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vengo dalla generazione in cui ancora i libri si prendevano a prestito in biblioteca, però non metto limiti al sapere, al conoscere e alle novità che questo tempo offre. Vedrai l'applicazione piacerà moltissimo!!!!

      Elimina
  7. Bellissimo post, ero proprio alla ricerca di libri digitali per la mia duenne, che adora sia i cartacei sia la versione su Ipad.
    Ho seguito le linee guida di Nati per leggere fin dai primi giorni le ho letto brevi racconti o filastrocche e i risultati li ho sotto gli occhi :) I buoni modelli proposti ai figli sono sempre un arricchimento per loro.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'età e' perfetta per questo libro, anche se vi troverai mini giochi che possono andar bene, fino ai sei anni. Tra l'altro quando sarà più grande, invece, di ascoltare il sonoro della storia, potrà leggerla lei stessa. Una bella applicazione.

      Elimina
  8. grazi per la app
    ci piacciono gli animali, le fattorie e anche un ipad che la sera mi da il cambio nella lettura della favola serale
    a presto

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.