Passa ai contenuti principali

OBIETTIVO AUTUNNO: SPANNOLINAMENTO 1.5

Dopo i buoni propositi di inizio estate che potete trovare QUI,
e dopo il loro, primo e inesorabile, fallimento di cui ho parlato QUI,
abbiamo, inaspettatamente, risalito la china QUI.
Oggi, dopo quasi due mesi, siamo tornati indietro….non al punto di partenza ma tra la fase 1 e la fase 2, nel limbo dello spannolinamento 1.5.
A dirla tutta mi era sembrato troppo facile, soprattutto per me, che di c…o non ne ho mai avuto, però un insano ottimismo, aveva  zittito la voce da strega che ghignava dentro di me ed io avevo deciso, per l’appunto, di fare la Ola.
Oggi ,mesta mesta, chiedo scusa a quella voce beffarda e faccio un profondo mea culpa.
Dove ho sbagliato?  Cos’ho fatto che non va? Perché Cestino ora il 50% delle volte decide di dirmi “Mamma pipì” quando l’ha appena fatta tutta sul pavimento del salone?

Ha forse pensato che stavo trascurando le faccende domestiche, che l’odore di Mastrolindo stava sfumando, e che la lavatrice non poteva stare ferma così a lungo? Oppure, che era troppo divertente cambiarsi di tutto punto, scarpe comprese, almeno tre volte il giorno?

È dura da spiegare e, soprattutto è dura battere in ritirata (quando mai???), ma se devo essere sincera, sto andando in confusione e non so che pesci prendere. Sono ritornata la madre petulante che ogni cinque minuti ripete a nenia
" Devi fare la pipì?", tanto che mi stufo da sola a sentirmi, ma alternative non ne vedo, siamo già ad autunno inoltrato e il meteo ha appena predetto che è in arrivo la perturbazione n. 7!

P.S. Perché quest'estate le ondate di bel tempo si chiamavano con tutti nomi maschili e ora, quelle di pioggia, catastrofi e uragani con quelli femminili?
 

Commenti

  1. forza e coraggio!!! ogni tanto anche lo gnappo se la fa sotto e ride:" mamma corri, ho fatto pipì sotto!!" Noi entro Natale dobbiamo riuscire ad eliminare definitivamente: il ciuccio per dormire la notte e il maledettissimo biberon per la colazione! ce la farò??!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi per lo meno ciuccio e biberon c'è li siamo risparmiati perché Cestino non ne ha voluto sapere di nessuno dei due.

      Elimina
  2. sul nome femminile... stendo velo pietoso!
    sullo spannolinamento: fatti forza! Sembra che andare avanti e indietro sia una cosa abbastanza normale. Posso dirti solo che passerà, sapendo che non serve a nulla (come quando a me mi dicevano: dormirà prima o poi! e li volevo uccidere tutti!). Se serve... io con il piccoletto se passa troppo tempo lo metto sulla tazza e ciao. Ultimamente eccede in sicurezza, mi dice che gli scappa all'ultimissimo secondo e spesso non ci arriviamo in tempo in bagno!
    Forza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dirlo all'ultimo minuto che gli scappa, suppongo che farà parte della fase 2.5.....non
      finiremo mai!!!!!

      Elimina
  3. Forse Cestino avverte il cambiamento che sta arrivando, tu sei più stanca, magari stai più attenta a prenderlo in braccio, o gliene avete già parlato.
    I bimbi sono tremendi, hanno un intuito pazzesco, e probabilmente innescano dei meccanismi per attirare l'attenzione come questo.
    L'importante è che non torni indietro con il pannolino, ormai l'hai tolto e amen, stagli più vicino (ogni due ore portacelo, senza chiederglielo ossessivamente) e vedrai che tempo un paio di settimane riprende il ritmo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo pensato anch'io ma in realtà ne abbiamo parlato pochissimo però è' vero che loro avvertono tutto....

      Elimina
  4. hahaha... mi hai fatto sorridere, non avevo notato che le tempeste hanno nomi femminili e le ondate di bel tempo maschili! Mah.

    RispondiElimina
  5. Ma ho guardato l'età di cestino, 2 anni e 4 mesi...Anch'io avevo provato quand'era così piccolo, ma è stato un fiasco. L'anno dopo ho riprovato in estate, tempo pochi giorni e ha imparato senza più tornare indietro. Non è il caso di aspettare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo pensato anch'io ma in realtà il pediatra dice che è' l'età giusta....non vorrei forzarlo ma ora mi scoccia anche tornare al punto di partenza.

      Elimina
  6. ciao mamma piky divertente il tuo post e tutto il tuo blog, una cura contro le giornate tristi, mi ha fatto davvero sorridere! Ho aperto un piccolo blog da pochi giorni, se hai piacere questo è il link:

    http://lamammadiprince.blogspot.it/

    parlo di me e della mia gravidanza che a breve finirà e forse le esperienze dei tuoi post mi saranno davvero utili! A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari ti chiedo io qualche consiglio per la mia seconda gravidanza.....grazie di essere passata da me, vengo a farti visita io, ora!!!!

      Elimina
  7. Ciao! avevo sentito l'anno scorso in un programma che i bambini che imparano a fare i bosogni senza pannolino, la maggior parte delle volte, prima o poi, prima di arrivare alla soluzione definitiva, fanno dei passi indietro e tornano a riusare il pannolino.....dai, ce la farete,vedrai!!!!!
    Non oso pensare a quando toccherà a me col mio piccolo, ormai la prox primavera.....ti saprò dire!
    Un saluto
    Lety

    RispondiElimina
  8. Vorrei proprio risolvere il "problema" prima dell'inverno...sai non è' il massimo dover cambiare sette strati di vestiti...sicuramente la stagione migliore e' la primavera, perché hai tutto il tempo per provare....noi abbiamo iniziato in estate inoltrata, forse era tardi!!!!

    RispondiElimina
  9. ciao sorellina...leggendo sto articolino che è scritto mi viene da pensare ad una cosa..sicuramente sbaglierò ma il mio istinto di mamma mi dice che potrebbe anche essere così...forse anche perchè ci sono passata un pochino prima!!! Cestino sa perfettamente che la sua Piky ha in serbo per lui un "SORELLINO" (come lo chiama lui) e forse gia si sente scavalcato e richiama su di se l'attenzione...ma siccome nn lo puo dire questo è l'unico metodo per farlo!!!! un bacio...<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente può essere una motivazione, anche se Cestino e' più coccolato che mai, visto il periodo di forte mammite che sta attraversando, cercherò di stare attenta ad ogni segnale e, nel frattempo, passo lo spazzolone!!!!! :-((((

      Elimina
    2. a volte però sorellona il forte coccolamento nn è la soluzione adeguata perchè quando tra qualche mese tutte ste coccole se le dovrà divide con un altro/a allora si che saranno noie!!!!!

      Elimina
  10. ti faremo compagnia, anche emi va spannolinata. non mollare, ogni bimbo ha i suoi tempi.
    un grandissimo abbraccio

    RispondiElimina
  11. Non sembra corretto neanche a me! ^_^

    Per quanto riguarda lo spannolinamento mio figlio ha 28 mesi e ancora niente, ma non credo che in autunno continuerò a provare! Non ce la posso fareee. Io eh non LUI! ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.