Passa ai contenuti principali

E TU DI CHE TOXO SEI?


La toxoplasmosi è una malattia infettiva contratta sia per ingestione di cibi crudi o non sufficientemente cotti, o verdure non lavate a dovere, sia mediante contatto con materiale contaminato appunto dal Toxoplasma. L’infezione in genere, passa del tutto inosservata, poiché asintomatica o con sintomi di scarso rilievo, e dell’eventuale immunità, se ne viene a conoscenza solo in caso di esame specifico.
La toxoplasmosi è uno dei principali spauracchi della gravidanza (devo ammettere anche il mio), tanto che mentre, aspetti di fare l’esame (il toxo-test), reciti tutto il rosario sperando che ti porti fortuna e che ti renda miracolosamente immune.
E’ uno dei principali spauracchi per tre motivi:
MOTIVO N° 1.
Se contratta durante i novi mesi, può essere trasmessa al bambino con possibili rischi per la sua salute, e necessità, per essere debellata, di una cura antibiotica da seguire per tutto il periodo a venire.

MOTIVO N° 2.
Nel caso in cui il toxo-test dia esito negativo, sei “fottuta” (scusate il francesismo!!!) e da quel momento in poi, alias per nove mesi, dovrai seguire delle regole alimentari piuttosto simpatiche. Niente più prosciutto, niente salame e niente affettati di succoso e saporito suino, fatta eccezione per l’insipido prosciutto cotto (che già il colore è un programma) e per la popolare mortadella o bologna, che dir si voglia, che la mangi oggi e la digerisci il mese prossimo! Scordati la fiorentina e simili, perché mangiarla “ben cotta”, significa, aspettare 3 ore al ristorante, per poi tirarla sul muro  e lasciarci un buco. Inoltre lava verdura e frutta con la “varichina”, lasciale lì a bagno come se dovessi smacchiarle e gustati (se ci riesci) odore e sapore. Non seguire questa procedura con la lattuga perché la vedrai scomparire inesorabilmente nel giro di un paio di minuti. La lattuga salutala con un fazzolettino e la promessa che un giorno, non troppo lontano, ma non prima dei nove mesi comunque, vi rincontrerete.

MOTIVO N° 3. Ogni mese, munita di santa pazienza, dovrai ripetere l’esame, e mentre aspetterai, reciterai di nuovo tutto il rosario (stavolta per il motivo inverso), sperando che ti porti fortuna e che ti dica che anche questo mese l’hai scampata!
Il mio toxo-test ovviamente è negativo!!!!

Commenti

  1. Tanta solidarietà da una mangia prosciutto... crudo ovviamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi viviamo in un posto dove questa roba e' alla base della piramide alimentare!!

      Elimina
  2. Ti confesso una cosa: con la prima gravidanza sono stata super attenta, con la seconda... tranne la carne proprio cruda che ho sempre evitato, le mie belle fette di salame me le sono mangiate!
    Ah, comunque frutta e verdura non le ho MAI lavate con amuchina o bicarbonato...
    Secondo me prenderla è molto molto più difficile di quello che ti dicono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che mi dico io: "Se non l'ho presa in 38 anni, perchè dovrei prenderla ora?"...però sai la fortuna è cieca e la sfiga ci vede benissimo....

      Elimina
  3. io sono stata di quelle fortunate e ho potuto mangiare prosciutto e salame fino alla fine;-)) in compenso ho avuto talmente tante altre complicazioni che che alla fine non mangiavo comunque quasi niente:-((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a noi donne (non si sa perchè) se te ne va bene una, stai sicura che ce n'è un' altra che ti va storta!!! :-((

      Elimina
  4. Pensa che mia cognata, medico, non la conosceva come malattia pericolosa x gli umani in gravidanza in quanto essendo lei argentina là se ne fregano proprio durante la gestazione, non fanno esami e si mangiano tutto...si è sorpresa tantissimo quando gliene ho parlato e sostiene che è un'invenzione italiana.....io le ho detto di informarsi meglio!! (mia cognata vive a Buenos Aires, non in un posticino sperduto, anzi ci sono fior fiore di medici e di ospedali...che strano, no?!).
    Un saluto
    Lety

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dubbio è legittimo...per curiosità mi informo, non si sa mai, che possa rifarmi un bel paninozzo!!! Grazie!!!!

      Elimina
  5. io sono una di quelle super bucone che è risultata immune alla toxo e si,lo ammetto, son stra felice perchè io 9 mesi senza pane e prosciutto crudo o carne al sangue sarei impazzita.diciamo che la gola è un mio punto debole ehehe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi se non sbaglio, dalle tue parti, il prosciutto è di quelli buoni, per non parlare della fiorentina!!!

      Elimina
  6. anche io con la prima mi sono fatta un sacco di paranoie, ma con il secondo sono stata del tutto disattenta: ho mangiato prosciutto, salame, insalata appena sciacquata sotto l'acqua.
    Non è successo niente! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia ginecologa su questo punto è veramente fissata, è la prima cosa che mi ha raccomandato insieme alla Folina, ed è anche per questo che mi faccio tanti scrupoli.

      Elimina
  7. Non dire niente va... Io lavavo maniacalmente tutto con il bicarbonato... E sognavo panini con il salame....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo il parto, non portate regali ma panini al salame!!!!!

      Elimina
  8. allora io sono risultata toxo-test negativa: ora vivo dalla nascita circondata da gatti e altri animali. sono cresciuta in campagna dove mangi di tutto e ti scordi sempre di lavarti le mani. ora io mi chiedo: se non l'ho presa in trent'anni di vita estrema in contesti toxo-infetti la devo prendere proprio in quei 9 mesi?! la mia risposta è stata no: sono stata un pochino attenta ma me ne sono anche abbastanza fregata!!! diciamo che la toxo su di me non attecchisce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà anche io sono cresciuta in campagna dove non ti fai tanti scrupoli...però quando si tratta della loro salute, tutto cambia....comunque sono d'accordo con te, non è' così facile prenderla, se solo questi DOC. la smettessero di rendere tutto così innaturale, sarebbe più facile per tutti!!!!!!

      Elimina
  9. il tuo post dice verità assolute in modo terribilmente ironico. io tuttavia devo confessare do averci messo poca attenzione entrambe le volte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per queste "tragedie" ci vuole per forza un po' di ironia!!!! .....da quello che ho letto nei commenti sopra, in poche fanno i "compiti", quasi quasi li salto anch'io!!!!

      Elimina
  10. Io sinceramente sono stata attenta, ma non più di tanto, a certe cose non si può rinunciare..il corpo le richiede..hihihihiih...L'amuchina..mai usata!

    RispondiElimina
  11. Questo tuo post mi era sfuggito! Mi sento chiamata in causa! Ovviamente negativa alla toxo anche io, pur avendo dormito con un cane nel letto dall'età di 9 anni, giocato nella terra e in mezzo alla campagna. Niente! Ho promesso che prima della prossima gravidanza prenderò un gatto e cambierò la lettiera con le mani! :D

    Io lavo tutto col bicarboato perchè l'amuchina la vedo come "troppo chimica". Mia suocera una volta l'ha usata per lavarmi le ciliegie e per l'odore non riuscivo a mangiarle :S

    Per il resto mi affido anche al congelatore e a bollire. Resistiamo! ;) magari è difficile prenderla ma perchè rischiare? Ho letto di mamme che l'hanno presa ma il seguito non me la sono sentita di leggerlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa storia del congelatore l'ho sentita e se non ho capito male dovrei congelare prosciutto e salame per poterlo poi mangiare tranquillamente, una volta scongelato. Ma il sapore???? .....so per certo che non tutte seguono queste regole ma io di rischiare non me la sento.....resistiamo!!!!

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.