Passa ai contenuti principali

LA SACROSANTA VOGLIA DI RICORDARMI CHI ERO

La scorsa settimana, insieme a Cestino e al Principe, siamo andati ad una festa di compleanno di un amico.
Una bella serata, a bordo piscina, con un venticello estivo che era una vera goduria. Abbiamo mangiato come se non facevamo da anni e ci siamo goduti qualche ora di relax pre-vacanze.
Tra gli invitati, c’erano loro, una coppia con le loro adorabili figlie (nel frattempo diventate quasi donne) che non vedevamo dai secoli dei secoli.
“Ciaoooooooooo, quanto tempo è passato!Come stai?”
“Sopravvivo e voi?”
“Ma si che stai bene,non ti passa un giorno”

queste le battute di rito che ci siamo scambiati vicendevolmente e poi giù di ricordi, di  tutti quei momenti passati insieme, delle cavolate fatte, delle albe viste e delle serate senza un perché.
Momenti di un’altra vita.
Mi sembra passato così tanto tempo eppure mi sembra ieri, mi sento sempre io ma irrimediabilmente cambiata, c’è in mezzo l’oceano eppure il passato è dietro l’angolo.
Insomma un po’ di confusione, generata da quei due visi che mi hanno fatto compagnia nelle fasi più scellerate della mia esistenza e che ora sono lì davanti a me a dirmi che non è cambiato niente, che io son sempre io, solo con qualche “accessorio” in più, che loro sono sempre loro e che la nostra vita (la mia e la loro) ha solo seguito l’andare del tempo e si è adattata ad esso. L’anima che ci vive dentro pur rimanendo immutata, si è arricchita e, come ogni arricchimento, ha aggiunto e non tolto.

Negli occhi di queste persone, nei loro sorrisi, rivedo quella che ero, ed il tempo si annulla, come se non fosse mai passato e PUFF......d'improvviso mi ritrovo ad una sera d’estate di quasi dieci anni prima, in cui li ho conosciuti, seduta ad una tavolata a festeggiare un altro di compleanno, a mangiare come non lo facevamo da anni e ha finire, paradossalmente la serata, con il bagno nella piscina, dove dieci anni dopo, sto festeggiando quest’altro di compleanno. I giri del destino mi hanno riportato al punto di partenza.

“Non ho più il tuo numero”
“Ti faccio uno squillo così lo memorizzi e una sera ci sentiamo”
“Si dai, magari per una pizza”…

e così ora sulla mia rubrica c’è un contatto in più, un contatto che c’è stato per anni, e che poi, non so nemmeno come, è scomparso. Non so se ci sarai mai una pizza, se mai premerò il tasto verde per chiamare o se invece riceverò una loro chiamata inaspettata, a pensarci bene, forse non è nemmeno una buona idea. Quello che è stato, ed è stato bello, è al passato, ha avuto un inizio ed una fine fisiologica. Farlo ripartire artificialmente potrebbe essere un rischio, o magari, una delusione e non lo merita. A volte bisogna lasciare che le cose seguano il proprio corso, farsi trasportare e non deviarle, non avere rimpianti ma solo ricordi, lasciando viva la speranza che tra dieci anni saremo di nuovo tutti insieme a festeggiare un altro compleanno.


Commenti

  1. Il momento in cui i nani saranno grandi vivremo di nuovi giorni scellerati!
    Vero?

    RispondiElimina
  2. @mammasuperabile. Sì, se non ci appioppano i figli dei nani! @mammapiky, a me sta succedendo col testimone di nozze di mio marito. Ormai siamo in due mondi completamente diversi, lui insiste con la pizzeria ma noi abbiamo sempe trovato mille scuse, l'ultima volt è stato un disastro!

    RispondiElimina
  3. Ogni cosa ha la sua stagione...e quella dei giorni scellerati, secondo me, non torna...per la pizza invece, nutro speranze!!!

    RispondiElimina
  4. concordo in pieno con quello che dici! anche se. ogni tanto, una seratina senza gnappo e in giro con le amiche ancora single, è per me ossigeno puro!!! e forse, forse stasera , grazie ai nonni umbri ospiti da noi, riesco ad organizzarla;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte l'organizzo pure io, il problema è che oramai ho cambiato "testa" e non riuscirei più a rivivere le stesse cose con lo stesso spirito. Credo di essermi ammalta di mammitudine!!!

      Elimina
    2. IDEM!!!! mi sento totalmente mamma e questo a volte mi spaventa un po', forse perchè non lavoro e i momenti di stacco da lui sono sempre rari, perchè sia i miei genitori che i suoceri sono lontani. e molto spesso lo è anche il maritino; poi penso che il tempo passa veloce e verrà il momento in cui riuscirò a ritrovare qualcosa della vecchia me

      Elimina
  5. tuffi nel passato.proprio ieri ho risentito un'amica delle superiori (anche per me 10 anni fa,una vita fa). lei lavora, si è laureta ma non è pienamente soddisfatta,io ho una bimba, lavoro e a volte non sono pienamente soddisfatta neanche io. ci siamo dette di stringere i denti che tutto sommato siamo fortunate e magari non ci risentiremmo che fra altri 10 anni e ci faremmo coraggio un'altra volta...

    francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è la nostra natura di donne a non renderci mai pienamente soddisfatte!! :-)

      Elimina
  6. ... non c'entra... ma il primo l'ho ritirato! ciao

    RispondiElimina
  7. Che bel post!! Chissà, a volte la vita ci stupisce, in ogni caso quei bei ricordi serbali preziosi dentro di te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi abbandoneranno mai, e anche grazie a quei ricordi se oggi sono quella che sono!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  8. Arrivo a catapulta in questo post di mesi fa... è bello riviversi nel passato e scoprirsi ancora qui, più vicini di quel che si pensa.
    Ma dimmi un po', la pizza c'è stata alla fine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire di no, e forse alla fine e' stato meglio così...i ricordi di quei periodi sono così intensi, che farli rivivere per forza, rischierebbe di rovinarli.

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.