Passa ai contenuti principali

POURPARLER..DELUSIONE DI INIZIO D'ANNO

 


Una delle cose più tristi e più gravi di questo periodo, del quale ho dovuto prendere atto, è che, per quanto ci consideriamo svelti e scaltri, ci stiamo abituando a delle leggi idiote e inique. 

Non solo le accettiamo e le rispettiamo senza protestare, ma non notiamo nemmeno quanto siano assurde e prive di logica. È come se la nostra capacità di ragionamento non fosse più attiva e così prendiamo per oro colato qualunque direttiva ci venga imposta. 

Non colleghiamo le parole, con i fatti…non li leghiamo più attraverso ragionamenti logici, ci limitiamo ad ascoltare ed eseguire. Qualunque cosa.

Leonardo ha avuto mal di pancia, un episodio e via, senza strascichi. L’ho tenuto a casa un paio di giorni in più, così per scrupolo, perché nonostante io sbrontoli, in fondo sono una “brava cristiana” che non se ne fregherebbe mai degli altri. Di nessuno di questi “altri”.

Torna a scuola, compilo il foglio di assenza, lo spedisco in segreteria e ne do una copia a lui. Sfortunatamente non compilo il foglio esatto, ne è stata fatto giusto giusto uno nuovo il giorno prima, gemello dell’altro ma più recente. 

Sono sulla strada del lavoro quando squilla il telefono: è la bidella…devo tornare indietro perché ho consegnato un foglio sbagliato. Rigiro e torno verso la scuola. La cosa è più lunga del previsto. 

Non è solo il foglio ad essere sbagliato, ho proprio dei problemi sul registro elettronico, sembra mi abbiano inviato le credenziali sbagliate e il sistema di giustificazioni non va. Ci vuole un’oretta e risolviamo. Ecco ora è tutto a posto. La giustificazione corretta è firmata e il registro é tornato funzionante…peccato, e questo lo scoprirò solo dopo, che nel frattempo mio figlio sia stato tenuto fuori dalla porta della classe, per un’ora… per precauzione mi dicono, “la legge dice questo”.

Precauzione di cosa? Del fatto che me la dessi a gambe con il nuovo modellino delle assenze per poi rivenderlo sotto banco a chi come me, aveva problemi con il registro? Che precauzione si rispetta nel tener fuori dall’aula per un’ora un bambino, nell’attesa che la mamma entrata nella porta di fronte sistemi questo benedetto registro elettronico?

È una legge? No, non è vero non lo è, forse è una circolare di libero arbitrio, forse non è nemmeno quella ma dopo due anni, di autarchia, non siamo in grado nemmeno di capire la differenza.

Ed è grave, gravissimo.

Non per quell' ora passata fuori dalla porta, che tra l’altro l’ha visto allegro e felice per aver saltato il compito in classe, ma perché anche stavolta la toppa è peggio del buco e sta tramontando in maniera pressoché definitiva la democrazia che in tanti osannano. Del buon senso  non c’è più traccia…rimangono delle regole assurde, illogiche e un chiacchiericcio fastidioso di sottofondo.

Commenti

  1. Secondo me il problema è l'ottusità di chi ha tenuto fuori dalla classe il bambino. Mi spiego: se tu sei tornata indietro per sistemare quello che non andava, ovvio che avevi rispettato le regole. A questo punto potevano farlo entrare mentre correggevi la giustificazione... non ho parole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo SIlvia, infatti è li che manca buon senso...ok un bambino senza giustificazione non può rientrare in classe ma lui la giustificazione ce l'aveva e pure la mamma come testimone a due passi...tra l'altro se vogliamo dirla tutta il mio modellino era vecchio perché il registro non ha funzionato a dovere ...quindi non saremmo neanche "colpevoli"...che rabbia...ma più che altro che delusione e sconforto

      Elimina
  2. Qui però sta anche nell'elasticità mentale degli insegnanti...Da noi su queste cose non sono proprio così fiscali per fortuna, anche perché la maggior parte dei genitori lavora e il bambino sarebbe rimasto fuori chissà quanto E comunque tutte queste nuove prassi e regole rasentano davvero la stupidità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un pò dell'uno e dell'altro, la regola è assurda e l'elasticità mentale nell'applicarla non c'è...una combinazione micidiale...e poi si confermo, purtroppo non è successo solo a noi ed altri bambini per i motivi che dicevi tu, sono rimasti fuori ben più a lungo!!!

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.