Passa ai contenuti principali

DIDATTICA A DISTANZA

Dal Ministero ci fanno sapere che "la didattica a distanza funziona"


Funziona così bene "da aver salvato l’anno scolastico" e da essere stata presa in considerazione per un’alternanza casa/scuola a partire da settembre. 

Sono sincera, devo essermi addormentata un attimo perché questo successo mi era sfuggito e sarei disposta ad aprire le porte di casa mia per fornire un esempio di “didattica a distanza che funziona”.

Potrebbe capitare che so un lunedì mattina qualsiasi, con i compiti appena caricati sul registro e con le videolezioni che stanno per iniziare. 

A casa nostra la connessione c’è e anche i dispositivi, pc, tablet, smartphone...abbiamo i browser giusti e scaricato le piattaforme necessarie. La nostra scuola è molto presente e le maestre sono fantastiche, dirò di più, anche i ragazzi ci mettono la voglia e noi, in famiglia, abbiamo riorganizzato tutti i nostri impegni per essere presenti e dare supporto.

Però lo dico con certezza: vi state sbagliando e di grosso, e forse rimarrete delusi e sorpresi, ma non è una questione di connessione che non va, o di impegno che manca, non c’entra nemmeno la volontà di studenti, maestri e genitori. 

Semplicemente manca la scuola ed è folkloristico pensare che il termine “didattica” e “distanza” possano stare nella stessa frase.

Non è vero che l’anno è salvo, è un’illusione a cui fa comodo credere: l’anno è semplicemente finito, ed è finito con un buco di tre mesi, nonostante i compiti e nonostante l’impegno di tutti. 

I miei figli si sono impegnati tantissimo, forse hanno lavorato il doppio di quanto facevano prima, ma hanno appreso la metà, forse meno. 

Si è vero ora siamo tutti pratichi di Zoom, Skype, Meet e Classroom alla perfezione ma le divisioni con i decimali, quelle no, non ho saputo insegnargliele e nemmeno nel corsivo sono stata tanto brava. 

Le maestre mai come ora, ci sono state vicine, la macchina burocratica della scuola non ha nulla di che rimproverarsi, non c’è uno di noi che non abbia abbracciato fiducioso questo progetto, dando tutto quello che poteva, ma son passati quasi tre mesi e non possiamo dire che tutto va bene, perché non è così, non sarà così nemmeno in quest’ultimo mese e sarà ancora peggio a settembre, se si porterà avanti quest’idea folle dell’alternanza casa/scuola. 

Un’ora di fronte al computer è sufficiente per farli addormentare, catalessi proprio, non tutti parlano, qualcuno non dice nemmeno “ciao”. Le classi virtuali son numerose come lo erano nella realtà e l’audio è quel che è (sì anche se chiudiamo tutti i microfoni). Non c’è una lavagna, non ci sono gli sguardi che parlano, non c’è la maestra tra i banchi.

Prendetevela un’ora per sbirciare dentro una videolezione, entrate dentro una classe delle elementari, parlate con le maestre, con un alunno scelto a caso, un genitore, ve lo spieghiamo noi se la didattica a distanza funziona oppure no e poi, fatto questo, per favore scendete nel Pianeta Terra, fate il vostro lavoro, smettete di vaneggiare e dateci una soluzione, credo che ce la meritiamo.


Commenti

  1. io sono fortunata, la mia piccola in 4 elementare ha avuto un servizio fantastico, supportato anche dal fatto che a febbraio avevano quasi concluso il programma e serviva solo un bel rinforzo. Non posso dire la stessa cosa della grande in 3 media, alcuni professori scomparsi, altri che appaiono e scompaiono.
    Io in compenso ai miei studenti ho dato tutto quel che potevo, ma non è la stessa cosa che stare in classe. La didattica a distanza può funzionare forse per un mese, poi basta.

    RispondiElimina
  2. Sono Susan per nome. Saluti a tutti coloro che leggono questa testimonianza. Sono stato rifiutato da mio marito dopo EIGHT(8) anni di matrimonio solo perché un'altra donna aveva un incantesimo su di lui e lui ha lasciato me e i bambini a soffrire. un giorno, mentre leggevo attraverso il web, ho visto un post su come questo lanciatore di incantesimi su questo indirizzo e-mail ( aoba5019@gmail.com ), ha aiutato una donna a tornare suo marito e gli ho dato una risposta al suo indirizzo e mi ha detto che una donna ha avuto un incantesimo su mio marito e mi ha detto che mi aiuterà e dopo 2 giorni di utilizzo di quello che manderà a me che avrò il mio uomo indietro. È possibile contattarlo tramite la sua e-mail: (aoba5019@gmail.com) o tramite il suo numero WhatsApp:( +27740386124 ) . Ho creduto a lui e oggi sono lieto di farvi sapere che questo lanciatore di incantesimi ha il potere di riportare indietro gli amanti. perché ora sono felice con mio marito tutto grazie alla DR ADELEKE

    RispondiElimina
  3. Ciao a tutti sono qui per testimoniare su come mio marito mi ha lasciato per la sua ex moglie, erano solo 3 anni del nostro matrimonio, la cosa più dolorosa è stata che ero incinta del nostro primo figlio, in realtà pensavo fosse finita che l'ho perso tutto, ho fatto tutto ciò che era possibile per riportarlo indietro ma tutto è stato vano, lo volevo così tanto indietro per l'amore che avevo per lui, l'ho pregato di tutto, ho fatto delle promesse ma lui ha rifiutato, ho spiegato il mio problema alla mia amica e lei mi ha suggerito di contattare un incantatore che potesse aiutarmi a lanciare un incantesimo per riportarlo indietro, non avevo altra scelta che provarlo ho mandato un messaggio all'incantatore chiamato Dr Fayosa, e mi ha assicurato che non c'era problema e che tutto andrà bene dopo 48 ore, ha lanciato l'incantesimo e sorprendentemente 48 ore dopo mio marito mi ha chiamato e si è scusato per tutto ciò che ha fatto, ero così sorpreso che mi ha chiamato e ha detto che era così dispiaciuto per tutto quello era successo e voleva che tornassi da lui, io w così felice e siamo andati da lui è così che abbiamo ricominciato a vivere insieme felici, grazie al dottor Fayosa sto consigliando a tutti sullo stesso problema contattare il dottor Fayosa L'indirizzo e-mail è (Fayosasolusionhome@gmail.com) o direttamente su whats-app +2348151918774

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.