Passa ai contenuti principali

GENITORI RIDICOLI E SPESSO ANTIPATICI (me compresa)


Al parco, a scuola, al supermercato ed in tanti altri posti mi capita di fermarmi ad osservare gli altri genitori, ascoltare ciò che dicono, carpire cosa permettono e cosa vietano, valutare come parlano. 
C'è un po’ di voyeurismo in tutto ciò lo so, è un cercare conferme e confronto, in alcuni casi pure il pelo nell'uovo per sentirmi migliore e più brava, ma in fondo c'è anche tanto spirito di autocritica perché è un po’ come guardarsi allo specchio e ciò che vedo, che magari non mi piace, mi appartiene più spesso di quanto penso. 

E comunque, a guardarsi dall'esterno, siamo spesso ridicoli e anche parecchio antipatici.

Ecco cose assurde che ho visto e sentito, che mi hanno fatto sorridere e a volte pure incazzare ma che anch'io ho fatto più e più volte. Insomma ecco i miei errori messi a nudo e in scena dagli altri.

IN SPIAGGIA.
"Smettetela di giocare con i vostri giochi”
Lei l'ha detto perché la rispettiva prole se le stava dando di santa ragione davanti ad una partita a memory che entrambi volevano vincere. 
Lì per lì ho pensato che doveva essere un po' toccata, poi mi sono ricordata di quella volta in cui io stessa ho pronunciato uguali parole, dopo l'ennesimo riordino alle dieci di sera, con Leo che perplesso domandava "Mamma e con che cosa dobbiamo giocare?", "Con niente, smettetela di giocare e basta!" ...e non aggiungo altro, mi faccio pietà da sola.

AL PARCO GIOCHI.
Lei è in un parco gonfiabili, vestita di tutto punto con tanto di tacchi a spillo e all’entrata, l'hanno pure costretta a calzare i copri scarpa. Si barcamena in modo ridicolo tra la piscina delle palline e il salterello, il tacco ha bucato la plastica e casca giù nel tappeto morbido. Intorno a lei tutti ridacchiano, di sicuro pensano che sia cretina a venir vestita in quel mondo in un posto del genere, quasi quasi li appoggio ma poi mi maledico ricordandomi di tutte le volte in cui vorrei indossare un bel decolté e mi rassegno alle sneakers. Incazzata con me stessa per non avere più modo, ne occasioni, per vestirmi da "donna" tanto che qualche volte mi viene voglia di passeggiarci in cucina.

Papà e figlio, varcano, la soglia. giusto il tempo di infilare gli antiscivolo e il patriarca inizia a fare il conto alla rovescia di quanto tempo manca prima che se ne andranno. 
Giocare con quella clessidra umana vicino fa venire l'ansia pure a me, "Si vai sullo scivolo ma fai un solo giro eh". "Mancano quindici minuti" "Mancano dieci minuti”, "Lì il giro l'hai già fatto non ci tornare" "Ora siamo a meno cinque ora meno tre, tempo scaduto, forza andiamo. 
Il figlio non c'ha capito gran che, forse non si è neanche accorto di dove è appena stato, ancor meno di cosa ha fatto, gli vorrei dire che il padre ha barato e l'ha portato via molto prima dello scadere del tempo, poi penso a me, a tutte quelle volte che vorrei essere fuori ancor prima di entrare e mi faccio i fatti miei.

A SCUOLA.
Non lo so che ha combinato ma se lo trascina fuori dalla scuola con una ramanzina che non finisce più. Lui piange disperato e tenta di spiegare ma lei urla sempre più forte si gira lo guarda dritto negli occhi e gli punta il dito contro. È' una minaccia bella e buona e incurante dei goccioloni da mezzo kilo, le serve pure una sberla in pieno viso, giusto in tempo per veder sbucare la maestra trafelata da dietro l’angolo e che tenta di spiegarle che no, si sono capite male, d'altronde non le ha lasciato il tempo nemmeno di finire, non è lui il "colpevole", la storia è andata diversamente,
..."nel modo in cui tuo figlio cercava di spiegarti stronza" aggiungerei io, poi mi vengono in mente tutte le volte in cui mi sento dire "Ma se non mi lasci finire di parlare che ne sai cosa voglio dirti?"

AL BAR
Il bambino è in età di asilo, ma non così piccolo da non comprendere cosa significhi “approfittarsi”, prima ha chiesto la pizza, ma non l’ha mangiata “perché è troppo rossa”. Allora si prende un succo, “Ma io avevo detto pera, questo è mela e non la voglio”. Forse è meglio una brioche, o forse i biscotti, ed anche un po’ di latte. La brioche è volata “casualmente” per terra, i biscotti son tutti iniziati e nessuno finito, il latte troneggia ormai freddo nel bicchiere pieno e la mamma sta ancora lì a valutare altre opzioni del menu. 
Io così su due piedi proporrei un “a letto senza cena” poi però mi ricordo che domenica scorsa ho cucinato ben tre tipi di pasta, eppure di figli ne ho solo due.


Commenti

  1. sei stata fin troppo indulgente nelle critiche! Io non saprei mai essere così politicaly correct.

    RispondiElimina
  2. ah ah ah!!! E niente, siamo tutti sulla stessa barca, pieni di difetti e capaci di tanti errori ma in fondo è umano. Guardarsi da fuori aiuta a correggere il tiro.
    Io "non giocare con i tuoi giochi" non l'ho ancora mai detto ma ogni tanto mi esce fuori un "non fare il bambino!" che detto ai bambini si commenta da solo e poi "giocate in silenzio", odioso che più odioso e anche senza senso non si puo'!!!

    RispondiElimina
  3. Eh, certe volte la vita da genitori è dura, ma proprio dura. E sarebbe bello trovare mamme come te che prima di giudicare gli altri fanno almeno un po' di autocritica...

    RispondiElimina
  4. Io mi sento sempre meno brava degli altri e troppo indulgente, con relativi problemi

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.