Passa ai contenuti principali

I GIOCHI CHE DEVONO ASSOLUTAMENTE MANCARE IN CASA

Images


Ci sono giochi che in una casa con bambini non dovrebbero mai comparire...sarebbe in realtà molto meglio se non venissero nemmeno messi in commercio ma in alternativa, non possederli, può di per sé essere già sufficiente.

Sono giochi che potrebbero anche essere irresistibili agli occhi di un bambino e perfino economici per le tasche di un adulto, ma comunque giochi del tutto inutili e soprattutto dannosi, fonte di guai per ogni genitore che indirettamente li possiede. 

Insomma sono giochi che devono assolutamente mancare in casa

Nella nostra alcuni di loro non mettono piede da un pezzo, altri sono stati sfrattati da poco ma senza revoca.

Ora se per “non possederli”, basterebbe “non comprarli”, sarebbe facile ma la realtà è che più che altro, occorre vietare che vengano regalati, da nonni, zii e amici che non si immaginano, o comunque, che se ne fregano, della catastrofe che stanno per causare.

I GIOCHI CHE DEVONO ASSOLUTAMENTE MANCARE IN CASA.

I BRILLANTINI, li metto per prima perché è ancora vivo il ricordo di quel barattolino da 1 gr che il mese scorso è rovinosamente caduto sul pavimento causando una vera pioggia chimica scintillante che permane da settimane in casa nostra. Un meteorite avrebbe fatto meno danni e il buco sarebbe stato di sicuro riparato in meno tempo. Alle conseguenze di un grammo di brillantini sul pavimento vi assicuro che non c’è rimedio a parte vendere la casa.

GIOCHI SONORI, perché non ci credo o meglio non voglio crederci che le basi della musica si apprendano da lì e nel caso così fosse, cresceranno stonati e pace e bene. I giochi sonori sono senza controllo, si accendono a piacere e quando lo fanno sono spesso in fondo al cassetto ed è notte fonda. Se accompagnati da luci, simulano la torcia di un topo di appartamento ed un infarto sicuro.

LO SLIME, di qualunque natura, di qualunque colore e forma e che spesso si nasconde in altri insospettabili giochi. Una melma appiccicosa che pare moccio della peggior specie, innocua e atossica solo nel cartellino delle istruzioni perché nella realtà puzza, si appiccica ovunque e spesso si fonde con il mobile su cui viene inavvertitamente dimenticata in più non serve assolutamente a niente.

PALLINE, grandi piccole, medie e di ogni materiale. In casa basta una palla che sta nel giardino, piazzale, cortile ma fuori. In casa palle e palline non servono a meno che non abbiate un neonato e la palla in questione sia di stoffa, senza sonagli.

Queste le macro categorie a cui potrei aggiungerei palloncini, gli stickers, gli spinner, per legittima difesa dei miei piedi pure i micro lego, ed ovviamente….le LOL!!!

Commenti

  1. Brillantini e slime per ora non sono mai entrati da noi. Invece siamo invasi da palloncini e palloni di ochi foggia, dimensione e materiale...però devo dire che non fanno grandi danni, per ora. Invece i giochi sonori...io ho risolto togliendo le pile a tutti querlli che non hanno un tasto di spegnimento a prova di bimbo e/o che hanno un volume eccessivamente elevato. Con anche luci...vietatissimi!

    RispondiElimina
  2. E per completare la lista i corallini per fare collane e braccialetti: è un anno e dico un anno che me li ritrovo ovunque da quel famoso dì in cui mia figlia e la sua amichetta fecero cadere la scatola in cameretta.
    E me li ritrovo perfino in cantina e nella lettiera del gatto...
    Ah e i giochi che si illuminano al buio: non li sopporto proprio mi spiace ma la notte ho bisogno che ci sia il nero assoluto

    RispondiElimina
  3. Mmmmm anche il “laboratorio di chimica”! A meno che non si accetti la presenza di intrugli strani principalmente in cucina che non DEVONO essere smaltiti, pena la perdita di una probabile scoperta scientifica.

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.