Passa ai contenuti principali

SETTEMBRE DAI MILLE COLORI



Settembre è arrivato e passato in un baleno, sembra quasi che sia durato molto meno di un mese ed ha portato con se tanti di quei momenti da ricordare, da meritarsi per ora il premio “miglior mese dell’anno”.
Il rientro dalle vacanze è stato molto soft, le belle giornate, il caldo e qualche uscita extra, mi/ci hanno fatto sentire ancora un po’ in vacanza.
Porteremo con noi, tra i ricordi per l’inverno, un week end di sole donne per me e Teresa ed uno di soli uomini per Leo e il Principe.  Tre giorni strani per chi, come noi, non si separa mai, ma che invece ci hanno regalato da entrambe le parti, belle emozioni.

Ho rivisto Aline, dopo mesi che promettevo di andare a trovarla. Con lei è sempre così, ci vediamo poco ma ogni volta sembriamo due vicine di casa. Tutto è naturale, tutto spontaneo, semplice. Una giornata da incorniciare...ancor di più se penso di non essermi persa per strada.

L’inizio della scuola è stato entusiasmante per tutti, le novità in classe di Leo, l’ultimo anno di materna da affrontare per Teresa e i bei propositi che ne sono seguiti, ci hanno fatto partire con il piede giusto. Tutti contenti. Tutti carichi di buone intenzioni. Intenzioni che si spera non svaniranno tra la nebbia di novembre e, nonostante le previsioni, anche la partenza mattutina sta andando meglio dello scorso anno. Loro crescono e su tanti aspetti diventano sempre più autonomi e pronti per il “mondo” e questo non c’è dubbio aiuta.

Sono ripresi anche gli sport e le attività pomeridiane, incastriamo gli orari, programmiamo le giornate e spesso ci serve l’aiuto della Santa Ipernonna, ma è tutto nella norma, per lo meno per ora. Ho in testa ancora la leggerezza dell’estate e con incoscienza non mi sto preoccupando tanto per il futuro prossimo.

Abbiamo festeggiato due compleanni, il mio e del Principe, a sei giorni appena di distanza...bellissime giornate fatte di "nulla in particolare".

Settembre è uno dei miei mesi preferiti, mi incanto a guardare i colori dell’autunno e ne sento pure i profumi e i sapori. Ho ricominciato a cucinare le zuppe, verdure cotte e qualche torta. A rispolverare i giochi da tavolo e a regalarci qualche pomeriggio domenicale al cinema.

Tra poco sarà Halloween. E’ una festa che ci diverte tanto e loro già confabulano su come mascherarsi, saremo invasi dalle zucche, dai fantasmi e dai ragni finti. Io urlerò ad ogni inaspettato incontro mentre loro mi correranno dietro per tutta casa, tenendoli per un zampa. Mangeremo castagne, andremo al luna park e conserverò un pò di zucca per un risotto da leccarsi i baffi...(speriamo).


Commenti

  1. Innanzitutto, tanti auguri a te e a tuo marito anche se in ritardo!! Anche voi settembrini, come me ;) :)
    E poi che bello che hai rivisto Aline! E anche il weekend per sole donne e soli uomini l'ho trovato un'idea bellissima, ci farò un pensierino anche io... anche se mio marito un intero weekend con il monello mi sa che non reggerebbe :D quel monellino lì sfianca chiunque, tranne forse me che sono più abituata ;)
    Ora siamo in autunno...via con caldarroste, zucca, zuppe ecc!!!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il week end di sole donne e' stata una rivelazione anche per me, in genere non ci separiamo mai!

      Elimina
  2. Amo leggere il racconto dei vostri giorni. Ed invidio un po' Aline che ti ha conosciuta dal vero. Ma lo sai che qui, ogni sera, Pulcino pretende che gli leggiamo Bastoncino? 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aline e' fortissima di una simpatia unica, stare con lei e con i suoi bambini e' una cosa molto naturale! Per conoscersi io e te, chi viene prima dalle parti dell'altra si avverte! ..sicuramente lo conosci già ma se vi piace bastoncino, consiglio pure il GRUFFALO, ZOG per la prima elementare e la STREGA ROSSELLA

      Elimina
  3. Auguri per i vostri compleanni e complimenti per i tre giorni sole donne/soli uomini. Non vedo l'ora che si possano fare anche qui! Anche noi siamo rientrati soft (anche se purtroppo pieni di malanni), complice il bel tempo, e non è stato male. Sono lieta di sapere che con il tempo le uscite mattutine si semplificano...mi dai speranza!!! Quanto all'autunno, ho scritto ciò che mi piace e ciò che non mi piace nel post, tralasciando i cibi ma zucca e castagne, zuppe e risotti, hanno un posto d'eccezione! Buona ruotine autunnale e escuola - lavoro, allora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono scordata i funghi!!!! Che dalle tue parti abbondano e sono speciali!

      Elimina
  4. Tanti auguri a tutte e due!
    Settembre lo adoro. Noi stiamo trovando un equilibrio in questa nuova routine fatta di scuola, attività sportive, catechismo e nuovi amichetti.

    RispondiElimina
  5. Sono contenta che settembre ti abbia dato tanto e non vedo l'ora di scoprire cosa ti avrà riservato ottobre ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.