Passa ai contenuti principali

IL PANE SOTTO LA NEVE

Ho letto questo libro durante una vacanza in montagna, tra la neve, e circondata da uno di quei paesaggi che puoi vedere nelle cartoline ma che esistono eccome.
Era in lista da attesa da un pò ma in questo periodo ho letto tanto, tutte belle cose, e l'attesa alla fine è stata di gran lunga ripagata.

La prima cosa che voglio dire su questo romanzo è che tutti dovrebbero leggerlo ed  in effetti lo sto consigliando a destra e a manca, al limite della molestia. Per Umbria for mummy, ho addirittura intervistato l'autrice, Vanessa Navicelli e ne sono molto orgogliosa.
Il perché dovreste leggerlo in realtà è più di uno, ma prima, con il benestare di Vanessa, vi do un assaggio di trama.

IL PANE SOTTO LA NEVE. TRAMA
Il romanzo è il primo di una saga familiare, la Saga della Serenella, che poi sarebbe il conosciutissimo lillà, un fiore che già per il colore e per il profumo, emana belle emozioni e sentimenti puri e freschi, cosa a cui forse e purtroppo non siamo più abituati. Si inizia con il conoscere Tino e Cesira e poi il romanzo li segue nel corso di tutta la loro vita, quando diventano genitori e poi nonni. Li segue nel duro lavoro dei campi e nella gioia della recita di Natale, nella fatica per mettere insieme il pranzo e nella soddisfazione per esserci riusciti. La storia di Tino e Cesira e poi lo sfondo per la nostra storia, quella dell'Italia, con le due guerre mondiali, i fatti di cronaca e gli eventi sportivi come il Giro d'Italia. La storia "grande" e la storia "piccola" si incastrano così bene l'una con l'altra da diventare un'unica storia, quella di una famiglia italiana che come gran parte del popolo italiano spera di trovare il pane sotto la neve. 

Dopo averlo finito il mio più grande pensiero è andato a Vanessa e a quando ci omaggerà del secondo romanzo perché dopo aver conosciuto tutti i personaggi, è un gran dispiacere lasciarli andare e pensare a qualcosa di finito, per fortuna c'è un seguito o meglio non un seguito vero e proprio come siamo abituati ad intenderlo perché Il pane sotto la neve, si conclude da se, ma la visione della stessa storia da un altro punto di vista. 
I romanzi della saga sono fatti per essere letti tranquillamente l'uno disgiunto dall'altro, senza che questo influenzi la comprensione. Per cui non ci sono "obblighi indiretti" (perché poi si sa se sei nel mezzo di una storia a metà alla fine vai fino in fondo) solo la voglia di leggerli e scoprire chi c'è dietro ognuno. 

Voi ora correte a prenderlo, a me non resta che aspettare il secondo. 


Il Pane sotto la neve
di 
Vanessa Navicelli

su








Commenti

  1. Me lo segno. È il mio genere.

    RispondiElimina
  2. Dopo aver conosciuto Vanessa Navicelli come scrittrice di libri per bambini, che ci hanno incantati per lo stile impeccabile e le storie dolcissime, non vedo l'ora di conoscerla come autrice di romanzi! E poi adoro le saghe familiari!!!

    RispondiElimina
  3. Ho una gran lista di libri da leggere... ma aggiungo anche questo, grazie!

    RispondiElimina
  4. Piky, mi stai facendo conoscere dei libri davvero interessanti! Anche questo me lo segno, mi piace quando attraverso la storia "piccola" si conosce anche quella "grande", sia nei libri che nei film.
    Un bacione!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.