Passa ai contenuti principali

CAOS DI NATALE

Manca una settimana ormai e, considerando che il 23 e il 24 cadono nel week end, rimane giusto una manciata di giorni. Sono nel caos, inutile dirlo, come ogni anno, come ogni Natale.

Sbaglio giorni della settimana, confondo il martedì con il giovedì, mi scordo appuntamenti, vado di là mentre dovrei essere di qua. Inciampo e sbatto dappertutto e, cosa gravissima, discuto con me stessa praticamente ogni giorno. Ho tante cose per la testa e tantissime altre per le mani, scambio le una con le altre e mi incavolo perché l'ultima cosa che mi ci vorrebbe in questo periodo è tutto questo caos. 

La questione regali è molto confusionaria. Ne ho presi alcuni ma non ho fatto una lista precisa, per cui non mi ricordo chi manca all'appello e soprattutto dove ho imboscato quelli già acquistati e che sono, per la maggior parte, ancora da incartare. Ovviamente non ho nemmeno un foglio di carta da pacchi.
E comunque me ne mancano diversi, tra cui quello del Principe. Se in tempi rapidi, non mi viene un'idea degna di una moglie, si troverà a scartare mutande e calzini. Anche la strategia di shopping natalizio è stata strana, divisa a metà tra due realtà completamente opposte: il negozio sotto casa e santo Amazon. Insomma o piccolo piccolo, o grande grande...ecco alla fine, di una cosa sono soddisfatta: aver evitato gli store di giocattoli e la follia dei centri commerciali con notevole risparmio di km. E' vero che per questo ho perso la conta dei soldi spesi e ignoro cosa sia successo alla carta di credito, ma spero siano dettagli e che ne sia valsa la pena.


Ho iniziato questo periodo che anticipa le feste con tante idee sulle cose da fare tutti insieme: mercatini, villaggi, presepi. Abbiamo programmato e sprogrammato gite per tre settimane di seguito. Ogni week end cadeva malato un guerriero della famiglia e l'ultimo mese lo abbiamo passato in balia del farmacista. I nostri programmi si sono stesi come birilli di bowling, uno dopo l'altro, inesorabilmente e senza pietà. In compenso abbiamo decorato casa già da novembre ed ora aspetto con terrore la bolletta della luce.

Tra la lista di cose che ho in programma di fare questa settimana ci sono pure dei gran pianti. Teresa da qualche mese frequenta un corso di danza e, non so se perché da piccina ho fatto lo stesso o se perché lei è femmina dalla punta dei capelli all'unghia del piede, questa cosa per me si avvicina molto "alla prima della scala". Leo invece avrà il concerto della scuola ed il maestro che li segue è così bravo da tirar fuori ogni anno dei capolavori in cui io piango, sempre, inesorabilmente ogni volta. 
In più non posso dimenticarmi, e sta qui il vero caos, l'ansia da prestazione della sera della Vigilia (ma non è escluso che possa essere anche la notte...dipende). Sto studiano il copione da giorni. Mi servirebbe, qualcosa della Disney in Tv, luci spente e latte caldo per provare ad averli addormentati almeno ai titoli di coda. Devo ricordarmi di non guardare anche quest'anno " Una poltrona per due" o ad essere addormentata ai titoli di coda sarò io,  sto studiando strategie da palo, tipo la semina di coperchi (o puntine) sul pavimento di casa, mentre il Principe farà la spola dal portabagagli dell'auto all'albero addobbato. Ogni anno, nel quarto d'ora in cui ci trasformiamo in Babbo Natale, a me viene ansia sufficiente per una decina di dermatiti....e poi c'è il giorno di Natale che sarà un'incognita sino all'ultimo. Forse avremo già una bimba in più in famiglia, forse saremo tutti in ospedale a tifare per farla uscire presto, forse mangeremo cappelletti, forse un pò di parmigiana, ah si mi manca il salmone e pure una bottiglia da stappare, ma sistemeremo tutto e ce la faremo anche quest'anno e sarà un Natale bellissimo, pieno di atmosfera, sorrisi calorosi, baci e pance piene. Sarà il Natale che aspettano da mesi anche se per ora assomiglia solo a un grosso caos. 


Commenti

  1. Non so da che parte cominciare per dirti che qui... UGUALE!!!!!!! Ma preciso preciso! In casa di mia figlia c'è la stessa atmosfera di casa tua, il caos più totale. "Mamma, ti devo dare due pacchi per la Barbara, e ricordati che mi devi dare quelli dei bambini... E anche quelli per la Roby! per favore mi incarti tu il regalo per Ale? Ah... ricordati che per Natale devi portare i ravioli (che ho fatto in casa) e la boccia già cotta (una sorta di cotechino che deve cuocere 4 ore). Ahhhh... MAMMAAAA ti ho detto che lunedì c'è la recita di Leo in inglese alle 14,30 e di seguito il saggio di danza (sì sì, uguale a Teresa!) di Isabel? Ti ricordo che Leo ha catechismo, devi portarlo tu. E mercoledì recita di classe di Leo, segnatelo". Non bastasse una recita, Leo quest'anno ne ha due, per fortuna Isa in prima non fa recite. Potrei continuare per 20 minuti, mischiando acquisti, regali, appuntamenti. E questo è uno.
    Punto due: la scorsa settimana, dopo aver passato 6 ore (dico 6) in un centro commerciale ero così stanca che ho giurato che non ci metto più piede fino a dopo Natale.
    Punto tre: anche io ho nascosto i regali e non so più dove li ho messi! Aiutoooooo!
    Insomma, non sentirti sola. Siamo tutte messe così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna uno dei regali che mi son fatta è il tuo libro...sto aspettando che arrivi!!! ...per il resto ci racconteremo come da questo caos ne siamo uscite ;-))))

      Elimina
  2. Grazie Maria Elena... mi hai fatto un gran regalo!!! Aspetto con molta calma il tuo parere, ci tengo tantissimo

    PS - Ho perso i regali di Natale di Leo e Isa... non li trovo più. E' tutto il pomeriggio che li cerco, aiutooo!

    RispondiElimina
  3. Io non ho spirito Natalizio. Mi ero ripromessa di fare tutto per tempo invece ho fatto un gran casino. Mi sa che rimarranno deluse la mattina di Natale.... quest’anno è andata così .

    RispondiElimina
  4. Assomiglia ad un gran caos anche qui per adesso!! Ma arrivato il momento giusto tutto per incanto va al suo posto, o quanto meno diventa quasi perfetto tanto da essere bello così perchè è vissuto con i nostri cari :-)
    E le emozioni per i nostri figli che fanno spettacoli o recite natalizi sono meravigliose, anche se non vorremmo puntualmente commuoverci per non sembrare sdolcinate ;)
    Un abbraccio e sereno e gioioso Natale a te e tutti in famiglia, cara Piky!

    RispondiElimina
  5. Augurissimi per il Nuovo Anno, Piky! Baci ai bimbi e... tanta felicità :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.