Passa ai contenuti principali

L'OBIEZIONE DI COSCIENZA


Credits
L'obiezione di coscienza è un diritto previsto dalla nostra legislazione e consiste nella possibilità di derogare a degli obblighi di legge per ragioni morali, etiche e religiose. 

È nato in tutt'altro campo, quello militare, per esentare dal servizio di leva chi, per i motivi di cui sopra, ripudiava l'utilizzo delle armi in senso stretto eppure se oggi parliamo di obiezione di coscienza, pensiamo quasi esclusivamente al campo medico ed in particolare modo a quel ginecologo che, appunto per ragioni morali, etiche e religiose, si rifiuta di praticare un aborto o di prescrivere la pillola del giorno dopo ed alcuni,  ve lo assicuro, anche di praticare un parto cesareo al limite del ragionevole. L’obiezione di coscienza è inoltre molto frequente anche tra gli anestesisti e gli infermieri. 
Scandalizzarci non serve a nulla, gridare vergogna, nemmeno. Chi si dichiara obiettore di coscienza, sta esercitando legalmente un proprio diritto, previsto dalla stessa L. 194, peccato che per farlo stia calpestando il diritto di un altro e qui secondo me sta il nocciolo della questione.
Non è lo scandalo dell'essere obiettore di coscienza ma lo scandalo dell'esserlo in un campo dove non dovrebbe essere applicabile e dove, se le tue convinzioni morali te lo impediscono, in maniera sacrosanta aggiungerei, non dovresti nemmeno impelagarti.
In altre parole a quel medico obiettore chiedo: "Come ti è venuto in mente di fare il ginecologo?". La medicina ha tante branche, potevi sceglierne un'altra e se l'hai fatto perché far nascere un bambino è un inno alla vita che volevi celebrare, dovevi essere consapevole anche che non sempre e non tutto, purtroppo fila come vorremmo e in quel caso piantare il tuo "capriccio" non ci sta e potrebbe essere addirittura pericoloso. 

Sull'obiezione di coscienza in questo campo fanno scandalo le storie che finiscono sui giornali e sui tg, ma sono le più eclatanti. Ce ne sono molte altre, che rimangono più nascoste, non sono così vistose e chi le vive spesso si vergogna anche a raccontarle, sentendosi la unica e vera colpevole. Sono storie di abusi autorizzati che anche se venissero a galla, non avrebbero nessuna conseguenza e che difficilmente sfocerebbero in un altro (e possibile) reato. 

Di fronte alle tragiche notizie di questi tempi, il Ministero della Salute ha sempre sostenuto che i diritti delle donne sono garantiti ma, i dati 2016, forniti dallo stesso Ministero, ci dicono anche che ci sono regioni dove la percentuale dei medici obiettori di coscienza è molto vicina al 90%, in alcuni casi la supera e nelle regioni del sud, la situazione è critica
La mia regione, l'Umbria, ha una percentuale di medici obiettori del 65% ca. e comunque nessuna regione, ad eccezione della Valle D'Aosta, scende sotto il 50%
Inoltre se si osservano i dati anno per anno, ci si accorge che gli obiettori di coscienza sono  in costante aumento, e con numeri così elevati, il sospetto dell'esistenza di obiettori di comodo è più che legittimo. Come si debba agire nessuno lo sa. 

Nel resto d'Europa non è così, la percentuale di medici obiettori è molto bassa e l’obiezione di coscienza viene trattata già all’università, indirizzando gli studenti che sono propensi, verso altre attività specialistiche. 

Alla fine e purtroppo, mi verrebbe da dire che in Italia il diritto previsto dalla L.194 non sembra essere poi così garantito e nel futuro, di questo passo, c’è il concreto rischio di somigliare a uno di quei paesi dove l'aborto è vietato nel frattempo però si continua a praticare, per le donne alla 16 settimana di gravidanza, il travaglio abortivo indotto che è quanto di più crudele ci possa essere e non c’è nessuno che si ponga il problema se ad essere obiettore di coscienza fosse proprio la donna. 

Commenti

  1. Hai espresso benissimo il concetto!!! E non vedo nulla di male a fare un concorso per posti riservati a non obiettori in ospedali o zone in cui non ve ne sono. Altrimenti significa dare una gerarchia ai diritti e porre quello dei medici in posizione superiore a quello di donne che già vivono un dramma (perché non è difficile immaginare che anche quando sia una gravidanza che non viene da violenza sia una scelta molto sofferta è difficile). Solo non so cosa intendi con "Travaglio abortivo indotto"...o forse per fortuna non lo so!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.