Passa ai contenuti principali

5 COSE CHE IL PRINCIPE FA MEGLIO DI ME

Credits
Detta così pare pure brutta. 

Sembra come se a casa Piky ci fosse una gara a chi faccia meglio, o che si sia instaurata una sorta di competizione tra me e il Principe per il "genitore più bravo", ma pare così solo perché l'ho detta male, la realtà è che ognuno di noi spesso fa il genitore improvvisando, e se ci sono occasioni in cui ragioniamo il comportamento più giusto da tenere, ce ne sono altrettante, dove ci lasciamo guidare dalla corrente, con l'unico obiettivo di arrivare a sera tutti sani e salvi. Non abbiamo una divisione di compiti e, come vi dicevo, il programma di massima, è un po' arruffato ma siamo carichi di buone intenzioni.
Il Principe poi su certe questioni non lo batte nessuno e non mi scoccia nemmeno ammetterlo, perché fa meglio di me, raggiunge il risultato prima e sono certa, applica pure il minimo sforzo. In certi momenti ha la chiave di lettura più giusta che gli fa fare tutto con quella nonchalance che mi fa dire "caspita potevo pensarci prima", poi, nel tentativo di scopiazzarlo metto in atto disastri. 

SA SVEGLIARLI MEGLIO...indipendentemente dal suono della sveglia. Lui regala risvegli da fiaba, bacini, luci soffuse e parole sussurrate, con qualche promessa giusta e poco impegnativa che però li fa saltare giù dal letto sorridenti e pronti ad ubbidire. Io urlo già dalla cucina, spalanco la porta ed entro in camera come un'armata sul piede di guerra. Scardino finestre e persiane e minaccio cose irraccontabili. A mia discolpa c'è che la missione "entrata a scuola in orario", richiede una strategia incisiva e tempi per i convenevoli non ci sono. 

SA GESTIRE MEGLIO I CAPRICCI. Non so che tipo di meditazione faccia, ma lui di fronte ad un capriccio di classe 10, sa rimanere calmo, untouchable, zen. Sa pure trasformare la bizza in qualcosa di divertente, facendo battute sopra e sdrammatizzando al punto che finisce tutto in una sonora risata. Io di fronte a un capriccio al massimo so ignorare ma, se guardate bene, dalle orecchie esce fumo nero... se sono in casa poi, mi munisco di mestolo che agito sapientemente per aria, ma sono un grande bluff e loro lo sanno.

SA FARLI DIVERTIRE DI PIÙ, perché quando c'è, e' solo per loro. Perché non pensa a quella grana di lavoro, o alla bolletta del gas che aspetta dentro lo svuota tasche. Perché domani è domani, e loro stanno giocando oggi. Io invece studio come sfruttare al meglio ogni minuto, e posso improvvisare un balletto, ma nel frattempo giro il sugo che spippola sul gas, giochiamo "ALLA SPESA" e contemporaneamente guardo in cagnesco la tavola da sparecchiare. Con questa storia del multitasking ci lascerò le penne, lo so.

SA CONVINCERLI NELLA MESSA A LETTO, lavaggio di denti compreso. Io no. Io arrivo ad una certa ora e "mi spengo" diventando a mala pena autosufficiente. Loro devono cavarsela da sola, in alternativa ricorrere al Principe.

SA SORPRENDERLI SEMPRE, tirando fuori dal cilindro idee che sanno entusiasmarli. Non gli serve granché, quattro ciocchi di legno e vecchie sedie di plastica possono bastare per creare un percorso ad ostacoli, capace di impegnarli per un bel po’. Io del ciocco di legno so vedere al massimo l’ostacolo e già è tanto se non ci inciampo sopra e comunque per entusiasmarli ingaggerei un gruppo di professionisti o punterei sul giro del mondo.


Ecco queste sono 5 cose che il Principe fa meglio di me, magari non sono solo 5 ma queste credetemi sono molto evidenti. Ho provato a carpirne il segreto e a vedere se potevo scopiazzare ma credo che il fatto che sia lui a saperle fare e non io, è la vera differenza e non è colmabile. Ognuno ha le proprie eccellenze, ed è speciale a suo modo, completando l’altro, dove questo manca. 

Io non me la prendo e ne sono orgogliosa, ci mancherebbe altro…alla fine è di 5 cose che stiamo parlando!

Commenti

  1. Che bello, si vede che siete una coppia affiatata! Del tuo elenco ora posso dire che condivido il punto sul "sa farli divertire di più" Adesso provo a pensarci anche io...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul "farli divertire di più" noi mamme dovremmo sbarazzarci di quel bisogno impellente che abbiamo di dover tenere tutto sotto controllo e che ci porta a fare dieci cose contemporaneamente, va da se che bene bene, non ce ne viene nessuna!

      Elimina
  2. Ecco, hai il marito-padre che tutte sognano. E i bambini hanno un papà praticamente perfetto. Sei fortunata, perché so che se anche tu hai "almeno" 5 cose che fai meglio di lui, lui ne ha altre 5, e tu altre 5... insomma, non è una gara, stavo scherzando. Ma quel che è ovvio è che ognuno di noi ha i suoi pregi. Io non conosco il Principe, conosco un pochino te (che mi somigli molto!) e so che sei una mamma fantastica, difetti compresi.

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Se la cava ma la prossima volta scrivo le 995 cose che io faccio meglio del Principe!!! :-)))))))

      Elimina
  4. Mmh, no dai non ti credo! Ti dipingi troppo negativamente, sono sicura che il Principe racconterebbe di te le stesse cose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una visione negativa ma è realistica...devi vedere però le cose in cui non mi batte nessuno!!! ;-)))))

      Elimina
  5. Che forza, il Principe! Da ciò che scrivi, si capisce che siete una coppia di genitori molto affiatata. Complimenti!!!
    Comunque mi sa che non c'è verso, ad ognuno i suoi talenti e non c'è modo di copiare efficacemente. In fondo, pero', va bene così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti credo che su questi aspetti, io sono così e difficilmente cambierò, lascio fare a lui, cercando di migliorare e vorrà dire che io penserò al resto che ce n'è eh!!!!

      Elimina
  6. Il Principe assomiglia molto a mio marito, tranne per la gestione dei capricci che lui fatica molto a sopportare.
    Bravo il Principe e bello avere papà così! 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sui capricci la sua marcia in più e la grande pazienza e la sua capacità di ragionare tanto senza reagire d'istinto, cosa in cui io pecco alla grande....poi c'è da dire a mia discolpa che di capricci ne vedo almeno il doppio di lui per forza maggiore!

      Elimina
  7. me lo presti? io non mi lamento di me...ma a volte vorrei poter delegare per un po'

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.