Passa ai contenuti principali

LA PREVENZIONE CHE TI SALVA LA VITA (storia di un sabato mattina diverso)


Avevo 42 anni ed  era un sabato di ottobre quando feci la mia prima mammografia. 

Non che non ci avessi già pensato prima ma fino a che sei in fase allattamento non è permesso e dopo avevo tentennato un po' per quel misto di ansia/pigrizia/paura che mi viene sempre di fronte a ciò che non conosco. 

Ero arrivata in anticipo di un'ora con la speranza di sbrigarmela subito, avevo la mattinata un po' impicciata,  e ci contavo. 

Invece no. 

L'attesa me la sono fatta tutta e ho sondato la stanza palmo a palmo tanto che alla fine di quell'ora non c'era crepa sul muro che non conoscessi. Credo mi abbia fatto bene, perché la mia visita è cominciata proprio da lì, dalla sala d'attesa di un reparto di senologia, che non è esattamente il posto in cui una donna desidera essere il sabato mattina.
Tutto era rosa, distribuivano pure una chiavetta usb a forma di fiore come gadget, era pieno di volantini che sponsorizzano la prevenzione, tante donne sorridenti appese al muro con i seni all'aria, le riviste, le nostre riviste, occupavano un intero tavolino ed erano tutte aggiornate all''ultima settimana, segno del traffico di gente che da lì passava.

Ogni dieci minuti un’infermiera gentile chiamava qualcuno, era così giovane che mammografie credo non ne avesse ancora  fatte e ricompariva, più o meno mezz'ora dopo, con un il nome successivo della lista

Ho sempre pensato a questo reparto come a uno di quei posti, dove "O LA VA O LA SPACCA", da dove si esce o con un sorriso rilassato o con un bel po’ di problemi in più, non ci sono tante vie di mezzo qui dentro: o stai bene o sei nei guai. 

Io da “inguaribile ottimista” ovviamente allora pensavo di essere nei guai.

Dell’esame in se per se me ne avevano dette di tutti i colori, a tratti doloroso, di sicuro fastidioso…”se ti fai accompagnare è meglio”….e beh sì, in effetti, la posizione non è delle più naturali, schiacciare, e strizzare le tette tra due lastre gelate nemmeno, ma insomma il dolore è un'altra cosa e il fastidio pure e comunque vale lo scopo. 

L'esame andò  bene, tutto  ok, è andata, tirai un sospiro di sollievo, ma il medico ci tenne a spiegarmi meglio ed fu piuttosto nudo e crudo, 

“Il tumore al seno è forse il più frequente che ci sia, risparmia poche donne, è aggressivo e molto recidivo, prenderlo in tempo fa la differenza in termini di sopravvivenza e l’autopalpazione è la prima forma di prevenzione che va praticata ogni mese e d’ora in poi una mammografia all’anno mi raccomando”.

 Ecco lui l'ha detto a me, io lo dico a voi, voi passate parola.


.... questo succedeva cinque anni fa, sono stata fedele e di parola ed ogni anno torno qui con la stessa paura e la voglia di scappare ma torno, perché so che non esiste cura senza prevenzione!!!



Commenti

  1. io ci sono andata lunedì
    mi hai fatto sorridere quando hai scritto che hai avuto un sacco di doloretti e sensazioni strane, prima, perchè a me è successo lo stesso, ho passato 2 settimane a farmi autopalpazioni e sentire male e agitarmi. Soprattutto agitarmi.
    Io la facevo per la seconda volta e mio esame è stato doloroso, ma meno della volta scorsa (se non altro è stato più breve il tempo di schiacciamento). L'attesa è stata lunghissima ma mentre la prima volta avevo dovuto aspettare gli esiti per 2 settimane stavolta un medico gentile mi ha chiamato dopo 20 minuti e sorridendo mi ha detto "promossa". Credo che abbia sorriso perchè mi ha letto la paura infaccia, e infatti mi ha detto per ben due volte che è tutto nella norma e non c'è da preoccuparsi. Per fortuna!
    In questo tipo di visite il fattore umano è fondamentale, secondo me. se trovi un medico ansiogeno è solo peggio.
    Grazie per la tua testimonianza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me hanno fatto in contemporanea visita e ecografia per avere un esame completo e ho avuto così modo di parlare a lungo con il medico. La consapevolezza e la prevenzione sono essenziali e le uniche armi che abbiamo per poter combattere.

      Elimina
  2. Non è un esame simpatico, ma c'è di peggio. Io vengo chiamata dall'Asl ogni 2 anni, mi mandano l'appuntamento, vado, faccio la mammografia e dopo poco c'è il "può andare" che vuol dire solo che la mammografia è stata fatta bene, non c'è bisogno di rifarla. Nel caso invece ci sia qualcosa ti chiamano a casa.
    Come tutti gli esami (nessuno escluso) lo odio cordialmente, ma che ci vuoi fare... la prevenzione è davvero importante. In compenso sono almeno 3 anni che non faccio il pap test, ma davvero non c'ho voglia.
    Benvenuta nel mondo delle... "adulte".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahi ahi ahi...vai corri a farlo!!!!....in realtà io di carattere sarei anche "fatalista" e questo mi porterebbe a tralasciare tante cose, ma da quando sono mamma sto più attenta anche a me, perché proteggere me stessa significa proteggere anche loro. Voglio vederli crescere più di qualunque altra cosa al mondo, vorrei per loro una vita serena il più a lungo possibile e quindi devo esserci...voglio esserci. Poi sono consapevole che più di tanto nessuno di noi può fare, abbiamo degli strumenti, dei mezzi per provare a combattere, la prevenzione è il primo tra questi.

      Elimina
  3. ti capisco. io mi controllo spesso già da qualche anno, perché ho familiarità per il tumore del seno. entro rilassata, mi impanico da paura, inizio a passeggiare su e giù, e poi esco - almeno finora - rilassata.
    Gli sguardi complici che ci si scambia con le altre donne in attesa... tutto bene? si dai, per quest'anno è andata....

    RispondiElimina
  4. Hai fatto bene a scrivere questo post, perché nulla come la prevenzione merita la nostra attenzione. Abbiamo la responsabilità della nostra vita ma anche dei nostri figli e per questo dobbiamo prevenire il più possibile. Il mio ginecologo insiste sempre con l'autopalpazione ma io devo ammettere che, pur facendola, non capisco mai cosa va e cosa non va, così nel dubbio vado da lui una volta all'anno perché controlli lui e ogni due faccio il pap test. Speriamo sempre che non tocchi a noi, però le malattie esistono e non si può nascondere la testa sotto la sabbia. Brava che hai affrontato l'esame!!!!

    RispondiElimina
  5. Però protesto. Con tutto il mio ambaradan a me la chiavetta non l'hanno mai regalata. Esigo il mio gadget! ;-)
    Scherzi a parte, BRAVISSIMA. E non aggiungo altro.
    Sara

    RispondiElimina
  6. A me hanno mandato la lettere per il pap test ma vorrei aspettare la fine della gravidanza, pur non essendoci rischi nel farlo durante, così hanno detto. Mia madre ha scoperto e asportato un tumore al l'utero lo scorso anno, quindi quando si vivono da vicino queste cose poi ci si sente più toccati. Una ragazza della mia età è morta da qualche mese per un tumore al seno scoperto per caso a 25 anni. La prevenzione è importantissima, solo che spesso ce lo dimentichiamo, dando la priorità a tutto il resto...

    RispondiElimina
  7. Mia madre ha dovuto rimuovere dei noduli quando aveva 16 anni, scoperti da sola per pura casualità (Ha sentito delle irregolarità) e si è sempre curata. Purtroppo, però, sono almeno 2-3 anni che non va più, per paura. Lo trovo assurdo, ma è così. E' come se, andando avanti con gli anni (anche se è molto giovane), temesse di non riuscire a scappare ancora una volta. Mi fa stare malissimo questa cosa, ma quando gliene parlo io o il dottore si irrita e nuon vuole sentire, sembra la pazza che non è, non la riconosco. Io non ho mai fatto una mammografia, in 35 anni di vita, ma solamente ecografie con regolarità. Però grazie per le informazioni, comunque aspetto sempre le indicazioni del ginecologo al riguardo, ed è uno che sottolinea spesso queste cose. Pap test anche lo faccio spesso, però (e odio anche quello....). Grazie per averlo ricordato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ho trovato la mail oggi, non so perché era nello spam >:( poi ti rispondo :*

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.