Passa ai contenuti principali

BACK TO SCHOOL: IL DIETRO LE QUINTE (seconda parte)

Avevo una convinzione: l'emozione dell'inizio della materna per Teresa, purtroppo, sarebbe stata sfocata dall'esserci già passata con Leo e dal fatto che quella prima elementare era l'evento tanto atteso di cui avevamo parlato per l'intera estate, ma al mondo c'è sempre una giustizia e quel lunedì 12 settembre qualcuno mi ha dato pane per i miei denti.
Vederla con quel grembiulino a quadretti rosa, varcare quella soglia, entrare in quella stessa classe che fino allo scorso anno era del fratello e rincontrare le stesse maestre che ora si prenderanno cura di lei, mi ha lasciato un segno sul cuore che non andrà mai via. Ben mi sta ma meno male! 

Anche qui l’inserimento è stato caratterizzato da un dietro le quinte piuttosto nutrito e curioso, soprattutto se si pensa che stiamo parlando di frugoletti pari ad anni tre.
L’EFFETTO COLLATERALE DELL’INSERIMENTO E’ IL LICENZIAMENTO DELLA MAMMA
Due settimane di orario ridottissimo. La porto alle otto e alle undici devo correre a riprenderla. Dei due anni e passa di rate di nido che ho sul groppone e che hanno ucciso un conto corrente, abituandola però al mondo dell’asilo, non importa a nessuno ed io sono in debito di ore e ore di permessi straordinario. Le maestre hanno avanzato l’ipotesi di aspettare ancora un po’ per il pranzo una cosa del tipo "inserita la figlia, licenziata la mamma"...quindi scordatevelo! 

ABBINO IL MIO OUTFIT, COMPRESA LA MERENDA.
Non che m'immaginassi qualcosa di diverso eh!, perché da una che si cambia d'abito ad ogni pasto, la tragedia mattutina davanti all'armadio è pressoché scontata...diciamo che contavo molto sul fattore "rincoglionimento" dato dal sonno ma lei sdraiata sul letto a pancia in giù, con il viso nascosto sotto il cuscino, sbircia le mie mosse e ghigna, sa già che boicotterà le mie scelte e farà gli abbinamenti che riterrà più opportuni, e questo riguarda pure la merenda. 

OGNI MATTINA, IN ITALIA, UNA MAMMA SI SVEGLIA E SA CHE DOVRA’ CORRERE…PIU’ VELOCE DI UN’ALTRA. 
Ci sono stati dei tagli all' Istruzione, come ogni anno una tristissima mattanza che ha come altra faccia della medaglia, il taglio dei diritti che, in teoria sì, sono uguali per tutti, ma che in pratica spettano solo a chi, correndo più veloce degli altri, arriva prima, ergo entrate anticipate e uscite posticipate sono a esclusivo appannaggio dei primi 12 e che il resto si arrangi.

ETICHETTIAMO ANCHE LE MUTANDE. Se all’elementare l’imperativo è, “etichettate anche i colori”, qui si richiede il nome in ogni dove, pure sul bavaglino, e sul cambio per le emergenze (so di chi ha messo le iniziali addirittura sulle mutande). Per non fare disparità, ho riservato lo stesso trattamento ad entrambi i miei figli e non ho etichettato un bel niente. Alle maestre ho detto “La nostra roba è quella senza nome”, ora sono sul libro nero e Buon anno scolastico a tutti! 




Commenti

  1. Ma no che non sei sul libro nero!! Anche qui niente etichette, santo cielo, ma c'è proprio bisogno? Per il resto, cara Maria Elena, è routine... ogni figlio NON è uguale all'altro, ogni inserimento è un gran problema, anche per le mamme. Sai quante settimane di inserimento per l'asilo si fanno qui? Quattro. Una povera mamma che lavora che fa, chiede un mese di ferie? Infatti gli inserimenti (nido e asilo) li ho fatti entrambi io. E anche qui, uno in prima elementare l'altra il primo anno di asilo. Mi stanco solo a parlarne, guarda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita Anna, quattro son tante. Capisco il rispetto dei tempi del bambino ma chi non ha l'aiuto extra, che fa? Prende le ferie? E poi credo ci sia caso e caso non puoi fare un'inserimento di sana pianta anche a chi è già due anni che si fa l'asilo!!! L'ambiente sarà pure nuovo ma nel nostro caso relativamente, il padiglione è di fianco le maestre le conosce da un bel pò di tempo e pure quasi tutti i compagni, più che un inserimento è un proseguo e un passaggio di grado.

      Elimina
  2. Il primo i inserimento del primo, io, gli altri il padre. Nome scritto a penna/pennarello sull'interno abito. Su bavagli e asciugamano scritto da schifo le prime volte, tanto che mi vergogno come una ladra vedendoli di fianco a quelli tutti ricamati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa storia del nome con Leo non c'era mica, si portava un pò di materiale all'inizio dell'anno e ci pensavano le maestre a smistarlo. Ora (a tre anni di distanza) c'è chi scrive il nome sulle mutande e pure sulla suola delle scarpe, per me è follia

      Elimina
  3. Pensa che qui e' il contrario: elemosiniamo consensi da altre mamme per attivare doposcuola e prescolare perché in tutta la scuola le richieste sono state meno di 12!!!!
    Quanto ad etichettare, sulle mutande no, ma per il resto, il pennarello sulle etichette dei vestiti e' un must, solo che il ricciolino su metà ha il suo nome, sul l'altra metà di indumenti ha quello del cuginetto, che ce li ha passati! Fortuna che nessun altro si chiama come il cuginetto, alla materna! Quanto all'inserimento, qui alla materna e' libero: chi vuole lo fa andandoli a prendere prima di pranzo, dopo pranzo o nel l'orario normale, altrimenti fin dal primo giorno possono fare fino alle cinque e mezza (e le maestre consigliano questo inserimento string senza mezze misure). Se vuoi trasferirti qui...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oramai è andata, comunque penso anch'io che nonostante la priorità sia rispettare i bambini, ognuno possa regolarsi secondo i ritmi del proprio.

      Elimina
  4. Per la mattina. ..sono felice di avere due maschi che uscirebbero anche in pigiama. Nomi non scritti, mi fanno orrore quelle mutande con il nome dietro! Io dico sempre che dovrebbe essere l'asilo in aiuto alle mamme e non il contrario, aumenterebbero le ore e di conseguenza anche il personale è i genitori non dovrebbero impazzire per tappare i buchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà le maestre qui sono piuttosto in affanno su tante cose e per l'intero anno ma non per causa loro, hanno tutta una serie di procedure da rispettare, tanta di quella burocrazia e di scadenze che fare le maestre purtroppo, e loro malgrado, passa in secondo piano ecco perchè serve una presenza così massiccia della famiglia che in alcuni casi, diventa pure invadenza, e non mi pare nemmeno produttiva.

      Elimina
  5. Mi ritrovo tantissimo da mamma e da maestra alle prese con l'inserimento di tanti piccoli cuccioli :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarei felice se mi raccontassi il tuo punto di vista sull'inserimento, in alcuni casi credimi a me sembra follia, come se avessimo tra le mani bambini d'oro.

      Elimina
  6. anche noi etichette a gogo ma nel cambio proprio NO..
    anche noi con insegnanti dimezzati.. alla materna è arrivata solo venerdì ma voci che corrono è una sostituta di quella che... forse starà tutto l'anno.. alle elementari mio figlio ha 5 insegnanti ma lucis in fundo manca quella di sostegno!!
    il nostro inserimento è iniziato effettivamente oggi, perchè settimana scorsa causa una sola maestra mio figlio faceva dalle 10.30 alle 12!! vedremo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto è che l'etichettatura è obbligatoria, non ci si potrebbe sottrarre, io a parte i libri e i quaderni di Leo che va alle elementari e che mi pareva pure carino farlo, per il resto non ho etichettato nulla...mi ci manca solo di mettere il nome alle mutande ora!!!

      Elimina
  7. Anche io avendo ereditato qualcosa ogni tanto mi scordo di correggere il nome!!
    Sei un genio l'anno prossimo ci penso pure io "il mio è quello senza nome scritto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha dato lo spunto un post che lessi qualche giorno prima e ho buttato via le etichette...senza contare che c'è pure chi il nome lo ricama e io le stimo, le stimo tantissimo ma non fa per me

      Elimina
  8. Trovo l'inserimento una pratica inutile e decisamente fastidiosa per i genitori (o meglio, mamme). Ai nostri tempi non esisteva eppure siamo sopravvissute. I miei figli non hanno mai fatto inserimenti perché in Kuwait non esisteva. Confesso che non ho mai avuto problemi, un piccolo pianto le prime settimane e poi ciao. Drusilla

    RispondiElimina
  9. L'inserimento andrebbe calibrato. Per dire, al nido ci sta perché i pargoli sono piccini piccini, la gradualità è d'obbligo. Poi il mio grande a maggior ragione, era uno che andava controcorrente e se tutti applicavano la teoria del "un taglio netto e via" io con lui dovevo essere molto graduale. Ma alla materna, insomma. Entrambi i miei figli dopo 3 giorni erano perfettamente ambientati, che bisogno c'era di 15 giorni di lungaggine? Le mie colleghe prendono le ferie per l'inserirmento, rinunciando a quelle estive. Per carità per i figli si fa, però insomma..............

    In bocca al lupo Piky a te e alla tua piccina rosa-quadrettata :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.