Passa ai contenuti principali

BIRRA A PRANZO

Pianeta mamma
Le mamme non sono tutte uguali e non parlo sotto il punto di vista educativo, o di quello che ci divide in allattamento al seno o biberon tutta la vita, e nemmeno parto cesareo o naturale e ancora pro o contro coo sleeping. 
Su questi argomenti, le mamme non sono tutte uguali e ne hanno anche tutto il diritto. Punto. Mi sembra sciocco pure ribadirlo. 
Quello che invece volevo intendere è che la descrizione che vede la figura materna come qualcosa di angelico, quasi intoccabile, una creatura celeste scesa dal cielo, senza macchia e senza peccato, è un po’ tanto fasulla. 
Non esiste ad esempio un "abbigliamento da mamma" e nemmeno dei "comportamenti consoni da mamma".  

Questa figura mitologica della mamma ben pettinata, vestita ordinata e color pastello, senza eccessi, senza stranezze, che beve solo acqua di sorgente e si alimenta biologico, non esiste, non c'è, e dirò di più, se ci fosse, credo mi starebbe pure antipatica. 

Partiamo con l'aspetto estetico, ripete con me
"Non esiste un abbigliamento da mamma", vedete gente in giro con merletti e trine? Con capelli acconciati bon ton? Con rossetto color pesca e fili di perle? Io conosco una mamma che ha i capelli color jeans e le stanno pure bene, un'altra che colora ciocche a seconda di come si sveglia la mattina, e un'altra ancora con una zazzere al Jo Rizzo. Sono belle, bellissime. Vestite con twin set e gonne plissettate al ginocchio, io non vedo nessuno. Vedo jeans, anfibi magliette all'ultima moda, minigonne e ahi voglia la microfibra, Intimissimi è sempre intasato di passeggini! 
Poi ci può pure capitare di uscire in pigiama e ciabatte ma questa è un'altra storia perché le notti non sono tutte uguali. 

Sul concetto di "comportamento consono" poi servirebbe un seminario
Non avete mai visto una mamma che beve un drink? A casa mia un bicchiere di rosso a tavola non manca mai. Cucino minestroni con verdura fresca ma nel mio frigorifero c'è pure maionese e ketchup e anche se di fronte ad una tagliata, cotta al punto giusto, potrei capitolare, ho un grosso feeling con il panino del MAC Faccio un sacco di smorfie davanti allo specchio, canto a squarciagola e spesso parlo pure da sola. Se ho tempo a sufficienza, m’imbratto di bigiotteria e oso sempre un pizzico in più di quel che potrei/dovrei. I miei figli neanche se ne accorgono, la differenza tra mamma vestita in tuta e la versione "tirata a lucido", neanche la vedono, se torno a casa con chiome bizzarre, tutt'al più potranno farsi una sonora risata e di sicuro una tavola apparecchiata con calici e decantar, gli piace pure. 

La verità è che la distinzione tra le cose che una mamma può e non può fare, perché non consona, è solo nelle nostre menti, non libere da preconcetti e spesso indottrinate senza buon senso

Secondo me la caratteristica principale che fa di una donna, una mamma, e che poi forse è anche l'unica caratteristica necessaria, perché racchiude tutte le altre, è saper e voler amare, indipendentemente dalla lunghezza dell'orlo e dal colore dei capelli
... quindi... 
cara signora del bar, non alzare gli occhi al cielo, e non fare commenti acidi, del tipo "e poi come devono crescere 'sti figlioli", ti ho sentito sai e di grazia che non ti ho risposto. Non scuotere la testa, non fare smorfie e borbottii perché questa mamma con il passeggino, in short, calze fucsia, smalto nero e piercing al naso, sta pranzando con panino e birra. Suo figlio dorme tranquillo, lei è mezz'ora che lo riempie di baci e con la mano libera dal panino ancora lo dondola. A te in cambio ha appena dato otto euro e cinquanta e quello che sta mangiando vale almeno la metà. Torna tranquilla e in pace a far cappuccini che si è formata la fila, fuori c'è anche il sole e si sente aria di primavera, fattelo un sorriso e beviti una birra pure tu, anzi fa una cosa, così chiudiamo il cerchio, passa una chiara media anche a me e ... buon appetito. 



Commenti

  1. Che barista odiosa!!!! Si fa in fretta a giudicare, mentre mettersi nei panni degli altri/delle altre, richiede uno sforzo che la maggior parte dell'umanità, purtroppo, non fa mai!

    RispondiElimina
  2. La prossima volta andiamo dalla barista simpaticona e ordiniamo un paio di spritz, che dici?!!!!
    Purtroppo la gente fa sempre troppo presto a giudicare gli altri, che tristezza!

    RispondiElimina
  3. Mamma mia... a me basterebbe molto meno per cambiare bar, guarda! L'età mi ha reso antipatica, dispotica ma anche libera da preconcetti. Una mamma, dicevi? No, dico... parliamo di una DONNA, prima di tutto. Che ha il sacrosanto dovere di vestirsi e abbigliarsi come più le piace.
    Sorrido solo in un caso... ma non giudico. All'asilo di Isabel c'è una maestra alta un metro e quaranta, larga altrettanto (e pazienza, io dovrei stare zitta). Ha delle cosce di un metro e venti e mette collant trasparenti e maglia giropassera. Peraltro non credo nemmeno sia mamma. Ecco, lì sorrido perché un'occhiata allo specchio non guasterebbe. Ma pazienza, fatti suoi.

    RispondiElimina
  4. vi prego, urliamoglielo in faccia alla barista! urliamolo in faccia a tutte quelle mamme che pensano le stesse cose della barista, e son tante....

    RispondiElimina
  5. La gente spesso dimentica l'adagio: l'abito non fa il monaco.
    Non importa l'aspetto esteriore, importa come è una persona.
    L'essere...
    Spesso ci si basa sulle apparenze.
    Quella barista dai facili giudizi dovrebbe imparare a conoscere prima di giudicare.

    Potremmo andare tutte la vestite comete mamme da rivista patinata e sbattendo un pugno sil bancone esclamare: Oste! 'Na bira! Come si suol dire da noi...
    Sarebbe divertente vedere la sua faccia....

    RispondiElimina
  6. proprio l'altro giorno mi sono sentita come questa ragazza..... coni ragazzi tutti e 5 ho deicso di andare a fare l'aperitivo con un'amica... e sono andata: ladymary dormiva , glialtri giocavano seduti al tavolo e alcuni leggevano..io spettinata e con il mio rossetto rosso insieme alla mia amica abbiamo chiesto un mojito.......!!!!! apriti cielo..
    il barista (uomo) a mezza bocca ha detto :" guarda queste tolgono i figli da casa per venire a farel'apritivo..... e poi come si pretende che i figli crescano bene!!!" io ho taciuto..... la miamaica no...... ha risposto a tono ....e il barista non contento miha detto "signora con questo mojito suo marito fa il sesto!!!!"
    imbecille ....... imbecille....
    la mamma ama e se siprende un spitz o un mojito e fa due risate sicuramente è meno frustrata della mma con il filo di perle e la gonna al ginocchio..
    io con i miei capelli spettinati e il rossetto rosso e lelnie pesti sorridenti sono apposto con me stessa......
    scusa lo sfogo ma ci stava.......
    veronica

    RispondiElimina
  7. Ecco, io da quando sono mamma non bevo più neanche una birretta. Ma solo perché non la reggo, non reggo proprio niente. Però agli aperitivi con i miei amici vado, e mi sento più a disagio a bere un succo che uno spriz. Ma prima o poi mi riprendo eh. Ricordo con troppa tristezza mia madre che non ha MAI bevuto niente e guardava storta mia zia che si faceva la birra.

    RispondiElimina
  8. Dobbiamo insegnare ai nostri figli una cosa fondamentale: la LIBERTA'. Di essere prima di tutto noi stessi in ogni occasione.
    Un bacio Piky e... falla girare quella bionda, naturalmente bevuta dalla bottiglia! :-)

    RispondiElimina
  9. I martedì e i giovedì sono sola a pranzo. Mangio cose surgelate seduta sul divano con la televisione accesa, il cellulare vicino e scrivendo al computer...proprio come ora!!!!! ;P
    Però i miei figli quando mi tiro a lucido per uscire se ne accorgono eccome e mi dicono sempre: ma che bella che sei mamma!! <3

    RispondiElimina
  10. l'unico "comportamento da mamma" è fare la mamma: coccole, affetto, amore, cura.
    Il resto è un contorno e ognuno ci mette cosa vuole!

    RispondiElimina
  11. Ma come si prende sul serio la gente!!!
    Io non bevo perché non mi piace...Ma mi drogo di cioccolata...

    RispondiElimina
  12. Sai come si dice no? 'Il mondo è bello perché è vario' ma a mio parere di persone come la barista il mondo ne farebbe volentieri a meno.
    Felice serata.
    Marinaa

    RispondiElimina
  13. Bravissima, concordo!!!!! Anche se...... A me piacerebbe taaaaanto essere una mamma consona.... Di quelle che non si incazzano mai, sempre con la risposta giusta al momento giusto, una carezza e un bacio. Magari coi capelli rosso fiamma... Però consona. Ecco, l'ho detto :-)

    RispondiElimina
  14. Il mondo è bello perchè è vario...


    http://emiliasalentoeffettomoda.com/terranova-abbigliamento-bambini-primavera-estate-2016/
    grazie
    Baci
    Mari

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.