Passa ai contenuti principali

IL ROTAVIRUS

Se dovessi descrivere cos'è il Rotavirus per come l'ho conosciuto io, userei solo parolacce, se dovessi lasciarmi guidare dall'istinto di madre, colpita al cuore da questo benemerito infame, mi metterei a gridare, urlare, e sbraitare offese a non finire. Non sarei politic correct anzi sarei quanto di più scorretto ci possa essere e viaggerei a braccia alzate, con un'insegna luminosa al neon, come quei cartelloni segnapunti nei ring, con scritto "Chi tocca i miei figli muore" e a te caro stronzo rotavirus, prima di tutto ti scriverei in minuscolo (così impari) e poi ti direi “Se succede qualcosa a uno di loro, sappi che la tua infelicità, sarà la mia missione nella vita, ricordatelo" e manterrei la promessa. Lo giuro qui. Nero su bianco. Non prometto qualcosa a vanvera. Io. Non faccio minacce nel vuoto. Io. 
Però è passato quasi un mese e sebbene nel frattempo, si siano succeduti virus di altro genere, di cui uno in corso proprio in queste ore, il rotavirus ce lo siamo lasciati alle spalle e con quel pizzico di raziocinio che mi è rimasto dopo la tredicesima influenza invernale, provo a fare un’analisi più costruttiva.

Ora se guardate sul dizionario, Wikipedia o qualsiasi altro manuale pediatrico, leggerete che il rotavirus è una gastroenterite. Bazzecole per una mamma che dai primi mesi dalla nascita del proprio figlio, fino a "n" (e "n" sta per indeterminati) anni di età dello stesso, con la gastroenterite ci convive, e la considera quasi un membro della famiglia. La gastroenterite a una mamma non impensierisce più di tanto, ma il rotavirus è un’altra storia.

Partiamo con il dire che io ne ignoravo l’esistenza, “rotavirus” era un termine che avevo già sentito da qualche parte ma mai era uscito dalla bocca del pediatra dei miei figli, pertanto non l’ho considerato fino al mese scorso quando ha bussato alla porta di casa: “Piacere sono il rotavirus, tu ancora non lo sai, ma sto per sconvolgerti la vita”. 
Oggi mi chiedo perché il pediatra non me ne abbia mai parlato. 
Detto ciò, si sappia che il rotavirus dura molto tempo, tanto, troppo, più o meno di una manciata di settimane, in cui si alterneranno miglioramenti blandi a catastrofiche ricadute. E ogni volta che vi sembrava ti poter tirare un sospiro di sollievo, la delusione sarà ancora più cocente. Mettete in conto una ventina di giorni per estinguerlo…no, non mi sono sbagliata ho detto proprio venti. 
Si trasmette con grande facilità, diciamo che prolifica beato negli asili, basta un “batti cinque fratello” più una leccata di mani, ed ecco bell e fatto lo scambio e ha pure un comportamento anomalo, perché a differenze delle normali malattie infettive, si può prender più e più volte, a più riprese, a distanza pure di anni, se avete sfiga a sufficienza ci potete fare pure la collezione. 
Il rotavirus causa quasi inevitabilmente disidratazione, la disidratazione scatena a sua volta l’acetone, l’acetone può poi scatenare la convulsione. Si lo so fa paura come catena, però meglio saperlo prima che poi. Cosa strana e anomale è che “rotavirus la bestia” si cura solo con dei banalissimi integratori di sali minerali (purché vostro figlio ne beva a barili) e con altrettanto banali fermenti lattici, ergo ci vuole una stagione intera per sconfiggerlo del tutto. Ma dico, abbiamo medicinali per tutto, per di più inutili e superflui, ci curiamo con le medicine pure “un pelo in bocca” e per sconfiggere un carnivoro di questo tipo usiamo i sali minerali? 
“Bhe ma c’è il vaccino” mi fa con aria innocente la pediatra “ma ormai è tardi per farlo”. 
Ma davvero? Che bello!! Grazie per non avermelo mai detto se non dopo la scadenza.
Va beh lo faccio io per lei: il vaccino c'è, a voi valutare se farlo, si somministra in tre dosi a distanza di 4 mesi l’una dall’altra e a partire dal 3 mese di età. Non ha più senso vaccinare oltre il 24 mese. Ora per me è tardi e comunque spero, che essendoci già passata, non debba ritornare sull’argomento. Voi informatevi e se siete ancora in tempo prevenite. 

Commenti

  1. orcapaletta che bestia brutta! Non ne avevo mai sentito parlare. Ma non ho capito una cosa, non ha senso vaccinare dopo i 2 anni perché a quel punto non ti viene più???? ho capito male, vero????'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra che la vaccinazione oltre il termine non abbia più senso, perché avanti che la copertura sia completa, il bambino ha raggiunto un'età che permette di contrastare da solo il virus....così mi ha detto!!!

      Elimina
  2. Io l'ho fatto il vaccino! A tutti e2..il mio pediatra lo consiglia e ho pagato 60 e rotti a dose..ma l'ho fatto e i miei bimbi stanno 1 favola..nessuna conseguenza ne febbre ne niente..eh si..la gastroenterite è veramente brutta!

    RispondiElimina
  3. Noi non ce lo siamo beccato ancora... paura!!!!

    RispondiElimina
  4. gastroenterite...non nominarla nemmeno...abbiamo dato l'anno scorso ... con tanto di mio ricovero in ospedale lasciando a casa due bimbi con febbre a 40. Esticazzi... però avevo perso 5 kg! (puntualmente ripresi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo ci si ride su ma lì per lì, e' una tragedia!

      Elimina
  5. Non conoscevo questa malattia...Mamma mia terribile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un virus molto aggressivo si. Chiedete al medico però, per informazioni dettagliate, io ho raccontato solo la mia esperienza ( negativa) :-((

      Elimina
  6. A me lo ha suggerito il pediatra alla prima visita. Lo abbiamo fatto (due dosi via bocca a pagamento). Matteo era piccolissimo, aveva circa 2 mesi. In effetti una volta io e mio abbiamo preso la gastroenterite stando malissimo, e il pupo ballava sui nostri cadaveri. Ancora ringrazio il mio pediatra per avermene parlato subito, è un vaccino importante di cui si parla troppo poco. Nella mia città pochi anni fa è morta una bimba proprio per le complicazioni legate all'aver contratto il rotavirus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono stupita che la mia pediatra non me ne abbia parlato, lei in genere e' molto scrupolosa. Sembra che sia un vaccino che non fa quasi nessuno (secondo me è' perché non lo si conosce!)

      Elimina
  7. Mai sentito nominare men che meno dalla pediatra. Devo dire che è proprio una brutta bestia questo virus e anche la mia pediatra.
    Buona serata Piky
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che è un atteggiamento diffuso allora...chissa perché?!? Tu approfondisci.

      Elimina
  8. Anch'io confesso di non aver mai avuto informazioni specifiche su questo, né per esperienza diretta, per fortuna a questo punto, né dal pediatra, ahimè. Comunque non so se quello che abbiamo avuto io e i bambini fosse 'sto rotavirus (niente problemi intestinali qui...per ora) però abbiamo avuto l'influenza non-influenza più lunga della storia. Senza febbre ma con raffreddore e tosse che un giorno ti sembrava di schiattare, e il giorno dopo stavi meglio, salvo poi stare peggio di nuovo e via cosí...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era il rotavirus altrimenti te ne saresti accorta perché è molto anomalo come si manifesta è troppo aggressivo, avresti chiesto tu stessa al pediatra ed allora lui te ne avrebbe parlato. Da quel che leggo sopra e' il virus innominato da tutti. Mah?!?

      Elimina
  9. Che brutta storia! Io lo conoscevo ma non ho mai vaccinato i miei figli.

    RispondiElimina
  10. ilmio grande a circa due anni è stato ricoverato 20 giorniperil rotavirus....... lo aveva annientato...distrutto reso inerme difornte a qusto virus subdolo e sconosciuto finchènosi presenta..e se ne va lasciando il conto da pagare......
    ci aniamo messo sei mesi per rimetterci ...... perchè lui si rimettesse...

    però adesso èsolounbrutto ma lontanissimo ricordo.....
    veronica

    RispondiElimina
  11. Cavoli, non sapevo esistesse il vaccino! purtroppo ormai per noi e' tardi ma tremo al pensiero che questo maledetto virus venga a trovarci..per ora l'abbiamo scampata ma, si sa, prima o poi arriva tutto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.