Passa ai contenuti principali

SUCCEDE A OTTOBRE

Sono arrivate le piogge. Ho messo la trapuntina sul letto. Poi è tornata l'estate e l'ho tolta. Poi c'è stata una specie di uragano e l'ho rimessa, poi è uscito il sole e l'ho ritolta. Di ultimo c'è che l'ho rimessa ma qui segna 20. La stessa cosa sta succedendo con le calze, L'indecisione la gestisco male e nel frattempo vivo raffreddata.

Ultimamente litigo spesso, questo mese è toccato alla bidella per una presa di posizione sul parcheggio dell'asilo. È durata lo spazio di pochi minuti ma Cestino si è inorgogliosito della sua mamma "così tosta" e quando la incrociamo nei corridoi, lui complice mi guarda e mi fa l'occhiolino. Ho sbagliato e capisco anche dove.

Leo ultimamente si è innamorato dei pinguini e mi subissa di domande, cosa sono, che fanno, dove abitano, etc etc. Per rispondere mi sono affidata a san Google ma lui mi ha guardato di traverso e detto "No non credo sia così, meglio andare a vedere.", "Ok prima o poi andremo", "Che ne dici di domenica prossima?" Di sicuro non sono stata chiara sul dove vivono.

Ho visto Lucia per ben due volte, ci siamo scervellate mesi per capire come rubare un po’ di spazio per noi, per arrivare alla conclusione che bastava fare pausa pranzo nello stesso posto. È proprio vero che quando la soluzione è troppo vicina, non la vedi.

Sono stata eletta rappresentate di classe, con un’affluenza alle urne scandalosa e visto che non ci credo che tutto il 92% mancante fosse tutto al lavoro, posso dire di essermi immolata alla causa. Felicemente.

Il Principe mi ha invitato a un corso sulla comunicazione e sul linguaggio del corpo. Hanno spiegato tutti i segnali che rivelano una bugia, lui mi guardava preoccupato con l'aria di chi sa di aver appena fatto una gran ca@@@a! Io ho preso appunti. Non preoccupatevi, tempo di organizzarli e ve li passo.

Hanno un nuovo salvadanaio, di quelli vecchio tipo che per aprirli devi romperli. Loro sono entusiasti ed io orgogliosa per avergli trasmesso il concetto di risparmio. Si attrezzano come possono per riempirlo, nel frattempo prendere il caffè alla macchinetta, è diventata un'impresa.

Non mi piace mangiare sola e per questo, il mio pranzo è sempre mordi e fuggi ma ultimamente, e sempre più spesso, mi ritrovo seduta da chicchessia per un boccone caldo. No, non ho detto che piace, ho detto che mi sto solo abituando.

 "Mamma ti voglio sposare", "Sei molto gentile ma un bambino non può sposare la sua mamma", "Perché? È vietato dalla legge?" Forse sto esagerando nel portarmi il lavoro a casa.

Abbiamo fatto un Halloween Party, 4 i partecipanti: 2 Skeleton, una strega e un Principe vestito da zucca. No, non abbiamo fatto macello, abbiamo fatto proprio casino che nemmeno a Capodanno. A rimettere a posto, manco a dirlo, c'ero solo io!

Commenti

  1. Come sempre separate alla nascita.... Anche noi salvadanaio. Loro si ingegnano per riempirlo visto che, oltre al concetto del risparmio, stiamo cercando di far capire che per comprare occorre lavorare...e sodo. Quindi loro ritirano giochi e si fanno dare lavori dai nonni....e scuotono l'oggetto ogni sera (benedico il fatto dinon essere in condominio) per vedere se è pieno. Ora, quando chiedono un gioco, mi chiedono anche il prezzo "quanti soldi d'oro? (50 cent). Ho scoperto che sono anche tirchi... ahahahahah

    RispondiElimina
  2. Ma non c'è in questi giorni un film per bambii al cinema sui pinguini? mi pare di averlo visto: potresti portarcelo, e risolvere! In alternativa, c'è sempre il documentario con la voce di Fiorello.

    RispondiElimina
  3. Eccolo li... Il problema delle assemblee dei genitori!
    Al nido se le fai il pomeriggio non ci sono perché lavorano, se le fai la sera non ci sono perché devono stare coi figli... E allora? Quando le si fa?
    Complimenti per l'elezione! Per me sei un'ottima rappresentante!

    RispondiElimina
  4. Uh, rappresentante di classe! Ah, ti risparmio i commenti, son buona :D
    Per il resto, tanto per non parlare di analogie, anche noi lo scorso anno abbiamo regalato ai bambini un salvadanaio vecchio stile. Per un periodo sembravano accattoni, a caccia di monete ovunque. E sbirciavano anche nella borsa della nonna, per dire. Poi, come tutte le cose, l'interesse è un po' scemato, almeno per Isabel. Leo invece si è dimostrato attaccato ai soldi (per la sua età) e ha sempre a portata di mano il "suo" portafoglio.

    RispondiElimina
  5. Che belle le vostre feste!!
    Io quest'anno addobbi e cioccolatini l'anno prossimo lo vesto da fantasmino e vediamo che riusciamo ad organizzare!!
    Mi piace l'idea del salvadanaio!

    RispondiElimina
  6. L'elezione a rappresentante di classe mi è piaciuta!!!
    Anche il mio ottobre è stato ricco di litigi, a la controparte è sempre e solo il marito, col resto del mondo sono in fase peace&love. Speriamo che novembre sia meglio va!

    RispondiElimina
  7. Ottima idea la festa in quattro! Aspetto le nuove sul linguaggio del corpo, intanto comprendo la fase"Mamma ti voglio sposare" e posso assicurarti che, al mio no, il ricciolino ha risposto in modo simile ("Perché, se no ci danno l'ammenda?!?")
    Mi spiace per i litigi e mi congratulo per la nomina a rappresentante!!! Quanto alla indecisione stagionale, noi siamo con il piumino dal primo ottobre e 20 gradi non li abbiamo più toccati. ogni tanto 17 a mezzogiorno ma mattina e sera viaggiamo sui 6/8. Le calze ci sono e....il raffreddore anche!!!

    RispondiElimina
  8. questo mese siamo anche noi approdati al salvadanaio pro-vacanze!!!!!!!! ed io invece che con la bidella ho litigato con il vigile.......

    RispondiElimina
  9. Tanta roba Piky!!!!!
    Dai i pinguini... non ti dice tanto male. Pensa fossero stati ragni, o scorpioni...
    Te lo dice una il cui figlio ha avuto il "periodo cobra".......

    RispondiElimina
  10. mi fa sorridere che tuo figlio fosse orgoglioso di te che litighi, la mia se alzo la voce ci rimane male e con tutti!
    anche io avevo fatto un corso sul linguaggio del corpo....cosa mi hai fatto ricordare.

    RispondiElimina
  11. voglio news sul linguaggio del corpo. Ma perchè te l'ha regalato? Non so se per me sarebbe stato regalo gradito, se franc.avesse deciso di regalarmi questo corso :-P
    Buona giornata! oggi dove mangi? :-)

    RispondiElimina
  12. Congratulazioni per la nomina a rappresentante ;-) anche da noi vige l'assenteismo alle riunioni, l'ultima volta 16 genitori su 48! Anche il mio Tito ha la fissa del salvadanaio ma per fortuna il nostro ha il tappo sotto e ogni tanto gli sfilo le monete per fargliele poi rimette (che mamma). Attendo il post sul linguaggio del corpo con ansia!

    RispondiElimina
  13. E' sempre bello leggere il riassunto dei tuoi mesi. Diciamo che sicuramente non ti annoi! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.