Passa ai contenuti principali

I SOLITI GUAI

Ci sono cose che noi mamme dovremmo sapere benissimo che non si fanno, per lo meno non se non vuoi cacciarti nei guai da sola e uscirne molto tempo dopo, con tanto esaurimento in più e altrettanti capelli in meno. 
Sono cose semplici, piccoli accorgimenti che ci semplificherebbero la vita e non metterebbero alla prova i già compromessi nervi. Noi le conosciamo, sappiamo benissimo di cosa si tratta, le abbiamo imparate sulla nostra pelle e a caro prezzo eppure perseveriamo e ci caschiamo ogni volta, promettiamo di non farlo mai più ma poi la "sindrome d'onnipotenza" o peggio ancora il masochismo prende il sopravvento ed eccoci di nuovo alle prese con i soliti guai. 
Ho deciso di scriverle così magari mi (ci) aiuta a ricordare.
Per chi ha due o più figli, mai fargli il bagno contemporaneamente. Mai. 
Si va bene che ci piace l'idea di vederli sguazzare complici e felici, che solo a immaginare la scena proviamo tenerezza, ma serve dirlo che è solo una nostra fantasia, e che esiste solo nella nostra mente? Che dopo i primi cinque secondi di entusiasmo, inizierà una gara di wrestling acquatico e che ridurranno il bagno a un AcquaFun? Serve dirlo che noi ci ritroveremo bagnate dalla testa ai piedi e che per fare ciò che richiederebbe dieci minuti a testa, ci abbiam messo un pomeriggio intero? Serve dirlo? Siamo illuse ecco cosa siamo, forse sarebbe meglio dire idiote ma non è il caso perché noi mamme siamo anche parecchio permalose.
Quando si va a fare la spesa, mai passare davanti al reparto giocattoli. MaiI supermercati son divisi in corsie a tema, ce ne siamo accorte? E allora? È Natale? No. C'è qualche compleanno in vista? No. Ci sono ricorrenze da festeggiare? No. E allora? Che ci andiamo a fare li? Non siamo in uno parco di divertimento, dove per uscire, dobbiamo per forza passare dal negozio dei souvenir, qui il percorso è libero, quindi giriamo al largo a meno che siamo pronte ad affrontare un capriccio difficoltà dieci o, in alternativa, a tornare a casa con un'altra scatola piena di plastica.
Dovete rinnovare il guardaroba?Mai andare a fare shopping con figli al seguito. Mai. Basta con il mito di Wonder Woman: era un telefilm e non lo danno più da un pezzo! Fai questa sciocchezza e bene che ti vada torni a casa a mani vuote e con esaurimento che ha superato di molto il livello d'allerta, per averli rincorsi da un camerino all'altro e nella peggiore delle ipotesi ti ritrovi ad aver speso un patrimonio per qualcosa raccattato alla rinfusa e dei peggior colori in commercio, ovviamente fuori moda. Lo shopping è per definizione una cosa da single, se non puoi fare diversamente, non andarci!
Mai cedere allo spuntino a ridosso dell'ora di cena. Mai. Non assecondare nessuna delle loro richieste neanche fosse una briciola di pane. Neanche se piangono, si disperano e sembrano stiano svenendo per calo di zuccheri. Fingono. Se cedete, tutto il vostro impegno e l'eventuale fatica ai fornelli andrà a riempire la pattumiera dell'umido che verrà ritirata almeno due giorni dopo. Tanto valeva chiamare un take away, avreste speso e urlato di meno e loro mangiato pure di più.
Mai rispondere a una loro domanda distrattamente, senza averla ascoltata bene e soprattutto senza averne capito appieno il senso. Mai. Interrompete quello che state facendo, rimandate l'irrimandabile (che poi non lo è veramente) e ascoltateli attentamente, a meno che non siate disposte ad avere intorno uno zampettante di gioia, a cui avete appena concesso (senza esserne consapevoli) di sbafarsi un intero barattolo di Nutella o di uscire in pigiama per andare a scuola.

Ecco io le ho dette e scritte, sono solo cinque ma ne esistono molte di più, queste sono solo quelle che ci sono capitate nel corso dell'ultima settimana.




Commenti

  1. Concordo su tutto! Anche sul primo punto che invece trova tante mamme ancora a favore! Concordo: MAI!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono contro e ci cado lo stesso sempre...Pensa te...

      Elimina
  2. ...mai dare punizioni che si sa in anticipo non poter mantenere (stesso vale per le promesse, eheh)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco questa mi è sfuggita ma mi capita eh...sia l'una che l'altra!

      Elimina
  3. ahahahah hai ragione. Io di figli ne ho due ma di età molto diversa quindi il bagno lo hanno fatto sempre separati. Ciò nonostante, io li lavavo in slip e reggiseno :-) si sa mai!

    RispondiElimina
  4. Oddio, mi hai fatto fare due risate, Maria Elena! Certo, hai ragione su tutto, ma tanto ci ricascherai... tu come tutte le mamme (compresa mia figlia) che fanno cinque cose insieme, ne hanno altre cinque per la testa e sanno di doverne fare altre mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema Anna sta proprio lì, abbiamo la mente in vantaggio sul corpo almeno di mezza giornata e finiamo con il dire si, non alla domanda o questione del momento, ma a quella futura che verrà ma a cui noi abbiamo già pensato...ecco il perché di molti disastri...domanda e risposta non coincidono...

      Elimina
    2. Ce la fai, ce la fai!

      Elimina
  5. Aahhaah è uscito in pigiama alla fine!?!?!?Lì per lì temevo che ti avessero chiesto un cucciolo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lotta per non farlo uscire in pigiama purtroppo è quotidiana!!!

      Elimina
  6. Mi sbaglio, o ne hai scritti 4, non 5 ? Comunque io sugli ultimi due casco sempre come una pera cotta, ahimè!!!

    RispondiElimina
  7. uuuuu è dove è finito il 5??? Se l'è mangiato blogspot...vedi a non rileggere!!! Rimedio subito!!

    RispondiElimina
  8. Ahahahah...fortissima Piky!!

    RispondiElimina
  9. uhhhhhhhh mi hai fatto morire !!!!!!!!! ho tutto ben chiaro ma poi ogni tanto soffro di amnesia!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed il bello è che non possiamo incolpare nessuno!!!!

      Elimina
  10. Concordo dal primo all'ultimo punto, anche se devo dire che io il bagno insieme glielo faccio senza troppi danni e il reparto giocattoli non è così inguardabile (io gli dico di segnarsi tutto che poi chiedono a babbo natale...che non porterà tutto quello che chiedono ovviamente, così fanno shopping virtuale)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bagno a due invece l'ho messo come primo punto non a caso...qui è assolutamente da evitare!

      Elimina
  11. Quello dei giocattoli lo adotto sempre ma ormai conosce il reparto !!! Ah sempre in guardia mamma !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel super dove vado io, è proprio dirimpetto a quello dei pannolini...bas....i eh!???!!!

      Elimina
  12. Nella quarta (quella che blogspot si era mangiata) mi riconosco più che mai...solo che io cedo 3 volte su 4 , sigh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e perchè io secondo te cosa faccio?''' ;-)))))))

      Elimina
  13. La tua lista di epic fail è esattamente la mia!
    Io però ho un punto in più, molto subdolo: non far conoscere a tuo figlio cose che poi ti si potrebbero ritorcere contro. Tipo: le giostrine al centro commerciale, le macchinette delle palline con i giocattoli dentro e simili...
    Infatti qualche settimana fa abbiamo ceduto e gli abbiamo fatto provare una giostrina... Epic fail...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, diciamo che le ho annoverate nel punto 2.

      Elimina
  14. Risposte
    1. ho risposto si a "mi mangio un barattolo di Nutella" e "Posso andare all'asilo in pigiama?"...proprio quelle che ho detto.

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.