Passa ai contenuti principali

I CUSTODI DELLA MIA FELICITA'

Da quando mio padre è morto, certi suoni non riesco più ad ascoltarli: il canto del gallo, il suono delle cicale e lo scoppiettio dei fuochi d'artificio mi fanno venire la pelle d'oca anche se tutti e tre sono rumori festosi e, a dirla tutta, rappresentano pure "un inno alla vita" ma il gallo, quella notte, cantò troppe volte e mentre correvo verso casa perché papà stava per lasciarci, il cielo era illuminato dal bagliore dei fuochi lanciati per la festa del paese, e le cicale accompagnarono il caldo torrido che ci fu in quei giorni e mi ricordano tutto come fosse oggi. 

Sono passati dodici anni e fuori da questa chiesetta di campagna mentre salutiamo il padre di un'amica che se n’è andato, è inevitabile tornare con la mente la. Il frate ha chiamato "sorella", la morte, ma io riesco solo a vederla come una fregatura della vita quella che ti fa soffrire con la stessa intensità di quanto hai gioito prima e la veste "cristiana" del distacco mi sfugge.
Non abbiamo alternative questo è certo e quello che cerchiamo è una motivazione che ci permetta di andare avanti, nonostante tutto.

Quando mio padre se n’è andato, mi son detta che mai sarei stata più felice, forse contenta, magari pure serena, ma felice no, quello non sarebbe stato più possibile è così è stato per molto tempo per lo meno fino a quando non sono arrivati i miei figli e mi hanno salvato, sono stata travolta dall'amore che mi si è riversato addosso, sorpresa da quello che io stessa posso provare e molto cose cono cambiate. 

Ne parlavo con il Principe mentre tornavamo verso casa e dentro di me, sentivo solo la necessità impellente di riabbracciarli perché nei momenti "no" mi capita spesso di aggrapparmi a loro e di cercare nei loro sguardi la carica che mi serve per andare avanti. Io che dovrei essere il loro supporto, in loro, cerco e trovo, appoggio e sono capaci di restituirmi il sorriso, sempre, anche quando la giornata è più buia del previsto, anche quando sento cantare il gallo o le cicale friniscono. 

Loro sono i custodi della mia felicità ma non so se questo è giusto.

Commenti

  1. A fine agosto un lutto improvviso ci ha distrutti. Mi chiedevo se sarei mai stata felice di nuovo.
    Si. Lo sono.
    Perché come dici tu i figli sono i custodi della nostra felicità.
    Non ci vedo nulla di male, se è una felicità che deriva dall'amore che proviamo per loro:guardarli, baciarti, vedere le loro conquiste.
    Se la felicità è disinteressata si, è giusto che loro ne siano custodi.
    Credo sia sbagliato solo se abbiamo troppe aspettative su di loro e li investiamo di compiti che non hanno,
    Perché la nostra felicità non è legata solo ai nostri figli ma anche al nostro essere.
    Siamo di nuovo felici perché abbiamo rielaborato il lutto e abbiamo trovato la strada per la nostra felicità.
    Se poi passa attraverso i nostri bambini, beh, ancora meglio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho una vita piena di tante cose molte belle, eppure tutto perde di inportanza di fronte a loro e le mie azioni e i miei pensieri hanno un unico motore. Questo non vuol dire che nutro aspettative o ho pianificato progetti per le loro vite ma sono al centro del mio mondo, intorno ruota tutto il resto e forse già così, e non volendo, li ho cariati di una grossa responsabilità.

      Elimina
  2. Nella nostra famiglia non siamo molto fortunati: mia moglie ha perso tutti quando era una bambina ed io ho perso troppo presto le persone che mi volevano bene, quello viscerale che solo una mamma, una nonna o un fratello sono in grado di dare. Mi si velano gli occhi se penso al passato ma penso che sia umano. Mi godo la gioia e la tranquillità che è in grado di darmi con un solo abbraccio mia figlia. E no, non mi sento colpevole. E' una ruota che gira e il sorriso è la migliore arma per uscirne. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione un loro sorriso, un abbraccio o anche il solo guardarli, spazza via un sacco di cose o per meno molte le rimette al posto giusto.

      Elimina
  3. Io non ce l'ho, la risposta alla tua domanda: non lo so se sia giusto o meno che i nostri figli siano custodi della nostra felicità. Ma credo che questo accada a tutte o quasi tutte le madri, e che sia predisposto dalla natura: loro sono il nutrimento del nostro animo e danno un senso ultimo alla nostra esistenza. Senza il pensiero dei nostri figli forse certi lutti, certe disgrazie, ci schiaccerebbero irrimediabilmente. Invece no, ci sono loro, che sono un richiamo fortissimo alla vita e alla gioia, e noi andiamo avanti. E torniamo anche a sorridere, che lo vogliamo o no. Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quante volte a bassa voce, mentre dormono e non mi sentono, gli sussurro grazie? Mi sento così sciocca a farlo!!!!

      Elimina
  4. Hai ragione, i nostri figli sono i custodi della nostra felicità!
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi è ok?!?! No perché detto da te, mi rassicura!!! Un abbraccio!!!

      Elimina
  5. Non so se sia giusto, credo dipenda da quanto glielo facciamo pesare o se, al contrario, riusciamo a non fargliene un peso. quel che so, però, e' che lo penso anche io e credo molte, se non tutte, le madri.
    Forse è un pensiero naturale, l'istinto o la ruota della vita.
    Mio spiace che il ricordo della morte di tuo padre sia legato a suoni così belli, però vedrai, con il tempo migliorerà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrei mai influenzare il loro cammino per vivere il mio, per lo meno ci provo...ma sono consapevole di essere rinata con loro.

      Elimina
  6. boh...io non lo so...so che la felicità deriva da quello che mi circonda. E se chi mi circonda è felice, per amore - quell'amore disinteressato - anche io riesco a essere felice. Ma so anche che devo imparare a essere felice per me stessa, perchè così mi voglio bene. Boh...non lo so
    Con il tempo son sicura che il ricordo di tuo padre sarà sempre legato a quei suoni, ma che ti farà nascere magari un sorriso, quando li ascolterai ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I ricordi non si sono sbiaditi in 12 anni, non so se cambieranno. La mia vita è cambiata questo si, e sono cambiata io, per loro e con loro, è esploso un mix d'amore che non contengo ed ha ridato un senso ad un cammino che era allo sbando. Di questo sono consapevole e pure preoccupata, perché non vorrei mai che l'essere al centro per me in ogni cosa, li porti a sentirsi responsabili.

      Elimina
  7. Credo che sia naturale che siano i custodi della nostra felicità (tra l'altro bellissima definizione)...qualunque cosa facciano, un sorriso, un abbraccio quegli occhi che ti guardano sorridendo...L'importante è non farglielo pesare

    RispondiElimina
  8. Mi ci ritrovo molto in quello che hai scritto, anch'io quando ho perso mio papà pensavo che non avrei mai più potuto essere completamente felice. Ma quando dopo due anni è nato il mio Tito, tutto si è rischiarato: il dolore c'è sempre ma in lui ho trovato la mia ancora di salvezza o, come giustamente definisci tu, il custode della mia felicità. Non ho potuto non scegliere il tuo post per il mio Top of the Post: http://tazze-spaiate.blogspot.it/2015/07/top-of-post-34.html
    A presto

    RispondiElimina
  9. Certo che lo sono. La settimana scorsa la mia figlia piccola era andata in colonia e a mio padre hanno diagnosticato un cancro alla prostata. Non puoi immaginare come mi è mancato il suo abbraccio. Perché quando le cose non vanno bene un abbraccio ci vuole e penso che sia un abbraccio reciproco. Loro sono i custodi della nostra felicità e noi della loro. Noi siamo il loro sostegno, e loro il nostro. E così via. Questo è l'amore autentico. Quello che da senso alla vita... e magari anche alla morte. Un fortissimo abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.