Passa ai contenuti principali

LA MINACCIA


La minaccia non è un metodo educativo si sa. 
È da incoscienti voler insegnare qualcosa dietro un'intimidazione o un avvertimento, l'obbedienza così ottenuta, infatti, sarà dovuta solo ed esclusivamente al timore di subire un danno e farà passare il messaggio che siano sempre i più forti a essere i vincenti e che comunque, comandare apra tutte le porte. C'è tanto di sbagliato in questo e no, l'ho detto all'inizio, la minaccia non è educativa. Tuttavia funziona, e sfido chiunque a dire di non averla mai usata. 

Torni a casa dopo una lunga giornata passata a mille, magari al lavoro qualcosa è andato storto, hai incontrato un sacco di persone maleducate, hai detto troppi sì e tutti immeritati. Hai la casa sottosopra e niente di commestibile per cena, vuoi metterti pure a spiegare il perché e il per come, al loro ennesimo litigio e/o capriccio? No grazie, io sono umana, domani magari m’inginocchio sui ceci, ma stasera uso l'asso nella manica e pazienza se non c'è nulla di educativo, tiro fuori una minaccia nuda e cruda e la chiudo qui perché lasciatemelo dire, ci sono situazioni in cui l'obiettivo è sopravvivere e certi rimedi fanno parte della legittima difesa. 
La minaccia più usata a casa mia è la sparizione dei giocattoli che possono andar a finire nei posti più disparati e starci così a lungo che spesso vengono addirittura dimenticati. Quando per caso ricompaiono, loro fanno una festa manco fossero nuovi e per la voglia di giocarci entrambi, va a finire che ricominciano a litigare. Il rischio è di finire nel girone litigio-sparizione-apparizione-litigio e di passare il tempo a rinvenire oggetti sparsi ovunque. 
L'ultima volta Leo, ha addirittura esclamato "Mamma brava hai fatto una magia! È ricomparso Crash!". Voleva farmi un complimento? No, mi ha semplicemente preso per il ciuf (e scusate il francesismo).

Altra minaccia tipo ma di scarso risultato, consiste invece nello spedirli subito a letto. A parte il limite evidente di non poter usare l'espediente se non dopo il tramonto, questa intimidazione si rivela quasi sempre inefficace. Loro iniziano con il saltare sul letto, poi risbucano fuori di continuo ed io passo il tempo a raccattarli in giro per casa.


Quando Cestino era piccolo, un fortuito caso, che ho raccontato QUI, mi fece scoprire e abusare della figura del controllore che facevo comparire a mio piacimento, in tutte quelle situazioni giudicate estreme e che, in poco tempo, ripristinava l'ordine naturale delle cose. Inutile dire che è durato poco e comunque la sorella se ne frega lo stesso e non sapendo nemmeno chi sia questo fantomatico controllore, l'unica cosa che fa, è guardarmi con compassione. 

Grosse altre possibilità non ne abbiamo né le cerco in verità ma comunque, l'idea di privarli di una cosa che a loro piace se la combinano grossa, non mi sembra un comportamento così da censura, soprattutto se penso che al momento in cui viene messa in atto, la minaccia passa di grado e si trasforma in punizione. Non la vedo la tragedia su una punizione ogni tanto, io appartengo alla "vecchia guardia" e "l'Università del libero pensatore" non mi appartiene, (dicesi Università del libero pensatore il filone educativo di quei genitori per cui il figlio deve crescere libero spensierato, fare ciò che gli pare e rompere le scatole a chiunque incontri sul proprio cammino), tuttavia so che quando minaccio, sono autoritaria e non autorevole (come dicono le tate), non ne vado orgogliosa ma arrivata a una cert'ora serale, credetemi la differenza non la capisco nemmeno io.


Questo post è liberamente ispirato a un "fatto di cronaca" accaduto al supermercato e a cui ho assistito personalmente. Ve lo racconto.
"Se non stai ferma, il cassiere ti mette nello sgabuzzino buio e ti fa mangiare i piedi dai topi"
il cassiere per fortuna ribatte "Non preoccuparti bimba che qui lo sgabuzzino non c'è e al più ci mettiamo la mamma". 
La mamma è rimasta a bocca aperta, il cassiere era piuttosto alterato, la bimba si sganasciava dal ridere ed io, lo ammetto, ho riso con lei!

Commenti

  1. Sono in parte d'accordo, Maria Elena. Le minacce non saranno educative, cara mia, ma che altro resta a una mamma se vuole farsi obbedire. Poi, per carità, c'è caso e caso. Essere carabinieri e pretendere l'impossibile è stupido, inutile e non fa bene a nessuno. Ma un bel "attenti ragazzi, ve lo dico per l'ultima volta, dopo di che faccio sparire i giochi" non mi pare abbia mai fatto male a nessuno, santo cielo!
    Tanto per ripeterlo per l'ennesima volta, vedo che funziona più con Leo che con la piccola: qui uguale. Isabel se ne sbatte altamente di minacce, sgridate o altro, e va avanti per la sua strada. Cosa vorresti fare, dunque, lasciarla fare quel che vuole? Tipo piccola selvaggia? Io credo che tu faccia più che bene a correggerla, altro che no!
    Quanto alla mamma del supermercato, il cassiere merita un oscar. Ma ti pare che si possano far minacce di quel genere a un bambino? Quelle sì sono minacce autoritarie... altro che quelle al pan di zucchero che hai citato sopra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mamma alla cassa più che minacciare mi è sembrato terrorizzare e comunque vedo che la "minaccia" ha efficacia se diventa "punizione", ovvero se mantieni quello che prometti altrimenti sono parole al vento, meglio poco e sicuro che spararla grossa da non sapere nemmeno cosa si è minacciato.

      Elimina
  2. ...ti fa mangiare i piedi dai topi?! Ma come le sarà venuto in mente???
    Il cassiere è stato proprio in gamba!

    RispondiElimina
  3. Anche io a volte uso la minaccia. E secondo me è educativa: se tu hai un certo comportamento, ci sono delle conseguenze. E' la vita. Ovviamente occorre essere coerenti e immediati. Tipo mio marito che estremizzando dice "se no xxx da grande non ti comprerò la macchina"....non vale.
    I miei bimbi lo sanno. Io minaccio poco. Ma se minaccio, mantengo. E MANTENGO! Quindi sono credibile e di solito funziona...di solito....ma la uso poco, in casi estremi. Sopravvivenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto causa/effetto altrimenti non ha senso, ciò non toglie che qualche volta vorrei passarci sopra perché c'è poco da fare, sono i miei figli, e punire non mi piace, vorrei che mi ascoltassero a prescindere...si lo so sto sognando!!

      Elimina
  4. Io sono talmente brava ad inventare e usare minacce che i miei figli appena le pronuncio scoppiano a ridere.... No, non sono proprio portata! Confesso che Tommaso, il grande, quando sente alcune minacce tipo "se non fai questo allora vai a dormire subito o non andiamo al compleanno della tua compagna", per pietà si mette a fare ciò che gli chiedo. Ma giusto perché mi vede in difficoltà.
    No, le minacce non fanno per me!
    Certo che quella dello sgabuzzino coi topi che rosicchiano piedi sei stata brava ad inventarla!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho mica inventata io!!! l'ha detta una signora a sua figlia che faceva un po di capricci al super, anzi io sono rabbrividita a sentirla per fortuna che il cassiere ha risposto per le rime!!!

      Elimina
  5. mamma mia.... certe minacce mi fanno rabbrividire, tanto che ho vietato anche alla suocera di proferire certe frasi!
    che poi i bambini non sono mica stupidi: ben presto si rendono conto che quelle minacce resteranno parole al vento... e continueranno imperterriti! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne sono alcune che proprio non capisco, al di la di queste stile dario argento, non capisco l'intimidazione di chiamare la polizia, i carabinieri o similari. Persone che dovrebbero generare nei nostri figli fiducia (e a cui dovrebbero aver istinto di andare nel caso si trovassero nei guai), vengono dipinti come "mostri"...boh???

      Elimina
  6. Oddio povera bimba! Ma pure questa mamma cosa si inventa? Queste sono minacce davvero cattive!!!
    La minaccia "ti sei comportato male, bene questo gioco sparisce per un po'" non è una vera minaccia ma è un castigo sacrosanto , scusa eh, così capiscono in primis il valore delle cose ed in secondis a comportarsi bene! Io con mia figlia ci parlo sempre e le spiego le cose, anche quando sono stanca dopo 8ore di ufficio, ma i castighi e la sparizione di giochi succedono anche a casa nostra lei se ne accorge se non con un pianto isterico iniziale!
    Quindi io approvo il "ricatto"- la "minaccia" come lo chiami te.
    Baci Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per consolarti avresti dovuto vedere come rideva la bimba quando il cassiere ha risposto alla mamma...ho riso anch'io, era contagiosa!!!

      Elimina
  7. Il cassiere è stato davvero un grande a rispondere in quel modo! Ma quella mamma... che minaccia macabra, non mi verrebbe mai in mente una frase simile! Comunque credo che minacce e ricatti siano un pò di casa in tutte le famiglie, a volte purtroppo sembra essere l'unico metodo che funziona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Estremi rimedi ma anche una lezione su come a volte gira la vita: ogni comportamento ha la sua conseguenza che non sempre è positiva o no??!!

      Elimina
  8. Ciao Maria Elena,
    Ti ho nominata per il Liebster Award 4.0
    https://momfrancesca.wordpress.com/2015/05/13/liebster-awards-4-0/
    :) A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, cerco di onorare l'impegno! Un abbraccio!!!

      Elimina
  9. La minaccia che diventa castigo, che si concretizza ok (come dice GiorgiaLand). Io per non abusarne spesso dò tante (mio marito dice troppe) spiegazioni... Ma alla fine spesso mi tocca alzare la voce :-/

    Ps La signora al super non si può sentire e il cassiere è stato un grande!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte poi di dare spiegazioni non ho la forza!!

      Elimina
  10. Questo post rispecchia in pieno una delle mie tattiche di sopravvivenza preferite, il ricatto/ minaccia!
    In genere, io minaccio di saltare i giardinetti dopo la scuola o di non comprare il gelato, alla nanna ho rinunciato per i motivi che hai già detto tu.
    Certo, quella mamma al super ha un tantinello esagerato ! Il cassiere e' stato veramente bravo a ribattere così bene e in fretta.
    Comunque, io credo che un po' di minacce non sia diseducative, perché in fondo insegnano il rapporto di causa- effetto e ad assumersi la responsabilità dei propri atteggiamenti e delle proprie scelte...o almeno io mi consolo dicendomi questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e te per certi versi ci conviviamo ogni giorni con le "punizioni", fenomeno causa/effetto, se va bene nella vita, va bene anche per loro credo, l'importante è non andare fuori dalle righe (vedi sgabuzzino buio con topi annessi)

      Elimina
  11. Avevo scritto un commento ieri ma non si è pubblicato boh!!!
    Il cassiera ha fatto bene a rispondere così, non sta a noi commessi mettere paura ai figli perchè i genitori non sono in grado di farsi ubbidire e la minaccia era davvero esagerata!!!
    Io do castighi, in verità è solo uno, tolgo la visione della tv se non svolge i compiti per intero o se urla. Ultimamente urla un po' troppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto...ed anche su questo aspetto ci stiamo lavorando, perché tra litigi, capricci e urla, non ci facciamo mancare nulla!

      Elimina
  12. Io per ora poco...Quando va non deve finisce nel box dove ultimamente non vuole piu' stare, so che sbaglio perché in teoria dovrei mettercelo se ho da fare e non posso guardarlo...Per fortuna succede raramente e si dimentica...credo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rischio infatti è di usare un'abitudine normale come minaccia e far passare un messaggio sbagliato, cerco di provarci e rimanere sulle cose tangibili e fattibili, ad esempio ho sentito tante volte dire se non fai il bravo ti porto all'asilo, come se fosse una punizione e poi non riuscirci a spiegare perchè il figlio non vuole andarci!!

      Elimina
  13. funziona eccome!!! Più che minacciare io li avvertivo del fatto che sarebbe arrivato un castigo. Ha funzionato, anche se mi viene ancora da ridere se penso che Tommaso ( ora un pezzo di ragazzo di 28 anni) i castighi li contrattava!!!!!
    Emanuela

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.