Passa ai contenuti principali

SUCCEDE AD APRILE



La mini vacanza di Pasqua ha fatto bene a tutti, Cestino poi non se la toglie di mente e il sabato mattina il suo primo pensiero è "Cosa facciamo questo week end?".


Cicina non si è lasciata scappare l'occasione nemmeno stavolta, e ha racimolato virus e batteri per una "sana influenza" di primavera: da settembre a oggi, non ha saltato un mese.

Mi è capitato tra capo e collo un pomeriggio infrasettimanale di ferie: volevo fare il cambio di stagione negli armadi ma loro Lucignolo se lo mangiano a colazione, e siamo finiti al Luna Park.
In alcuni giorni gli impegni prendono il sopravvento ma paradossalmente è proprio allora che per cena riesco a sfornare pollo arrosto e pure budino alla vaniglia.

C'è stata una specie di rissa sul piazzale della scuola, una mamma e un papà litigavano per questioni sentimentali serie: circolava voce di una tresca tra due genitori trattavasi invece di una travagliata storia d'amore tra due cinquenni.

Cicina mi ha preso come musa: e la sera prima di dormire, vuole il suo libro da sfogliare, ultimamente sta "leggendo"il saggio della Lipperini e non c'è verso di toglierglielo dalle mani.

Sono capitata quasi per caso da quello che ama farsi chiamare "hair stylist", ho aspettato un'ora nonostante avessi l'appuntamento, ho chiesto un consiglio per le doppie punte ma mi è stato risposto che "è l'atteggiamento a essere sbagliato", ed ho pagato una piega il triplo di quanto faccio normalmente: la prossima volta andrò da un parrucchiere.

So quello che faranno ancor prima che lo pensano e di fronte alla mia esclamazione "Ecco lo sapevo, io conosco i miei polli", Cestino ha prontamente ribattuto "Non siamo i tuoi polli, siamo i tuoi figli". Mi è scappata una risata ma lui si è offeso e mi son dovuta scusare per mezz'ora.

Siamo stati a un primo compleanno, poi non si sa come, siamo finiti in una balera: con le scarpe nuove e un fox non previsto, ho giocato la schiena e la mattina dopo ero un cencio per pavimenti.

Abbiamo un mobile nuovo per la loro stanza dei giochi: mensole, cassetti e sportelli pensavo avrebbero portato un bel cambiamento, ma a parte il conto in banca, per ora è tutto uguale a prima.

Ho riletto questo post e quelli dei mesi scorsi, pensavo di trovarci degli sciocchi elenchi ma sono rimasta sorpresa da quanto loro siano bravi a rendere speciale la mia vita normale.

Commenti

  1. Ommamma... mi son fatta due risate a quel "non siamo polli, siamo i tuoi figli". Ma quant'è simpatico Cestino?
    Mi hai preceduto, lo sai vero? Ero lì lì per scrivere di aprile, stavo radunando giusto le idee e tu già ci hai aggiornati su questo tuo mese. Non c'è mai da annoiarsi, vedo, da te come da me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte se ne esce con delle battute, ma anche con delle riflessioni, che mi spiazza e riesce a farmi ridere di gusto!

      Elimina
  2. È vero: i nostri figli rendono la vita speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembro sdolcinata, ma in confronto quella di prima (la vita), mi sembra così banale!

      Elimina
  3. brava, sono loro a rendere speciale la nostra vita normale, anche con piccole briciole di simpatia che resteranno nei nostri cuori per sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di non dimenticarle ma ne dice talmente tante, che forse è meglio scriverle.

      Elimina
  4. Hai ragione, il racconto dei loro progressi e delle vostre avventure mensili non è mai banale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensiamo che non succeda mai niente e poi invece con tutto quello che capita, potremmo scriverci un libro!

      Elimina
  5. Questi elenchi "speciali" sono stupendi!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho imparato da loro.,,anzi loro me lo hanno insegnato: cercare la specialità che c'è in ogni cosa...perché c'è!!!

      Elimina
  6. Te lo dico adoro lui che si offende e tu che ti devi scusare...Già mi ci vedo!!!
    anche per me idem sistemo compro mobiletti, raccoglitori scatole con i migliori propositi ma il caos è sempre lo stesso!
    Tutto è speciale con loro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah bhe poi è permaloso mica da ridere!!! Da poco in una trasmissione tv, ho sentito che è inutile chiedere ai propri figli di scusarsi perché sono ancora immaturi da comprenderne il significato...gli farei vedere i miei figli!!!

      Elimina
  7. Ecco il mio densissimo "Succede ad Aprile!"

    http://www.mammavvocato.blogspot.it/2015/04/succede-ad-aprile.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di aver partecipato, è bello leggere le storie di tutte voi e questi riassunti fanno un po anche il punto della situazione!

      Elimina
  8. Che belli questi post, mi piacciono molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Pensa che li scrivo man a mano che succedono le varie cose...prendo appunti più o meno!

      Elimina
  9. Anche a me piacciono tanto questi post perché è un po' come entrare in punta di piedi nella vostra quotidianità.
    Cestino mi fa troppo ridere!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cestino è una volpe...o come ama dire lui ultimamente, "una fox"!!!

      Elimina
  10. Non mi è stato facile ricordare, mammamia e ho solo 30 anni :( ma eccolo qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha!!! Dai Aline in confronto a me sei una pupa...comunque ti dirò la verità, io prendo appunti durante il mese!

      Elimina
  11. ah ah ah bello cestino mi hai hatto ridere di vero cuore :) splendida piky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anto!! Ma fammi capire il tuo blog che fine ha fatto???

      Elimina
  12. QUante cose questo mese! Cestino the best!!!
    Me lo dovevi dire che volevi andare da un hair stylist... ti avrei sconsigliata vivamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che ci sono capitata per caso che non so nemmeno io!! Mi son fatta prender dall'entusiasmo del momento, poi quando son tornata mi son pure ripettinata da sola!!!

      Elimina
  13. questi post sono bellissimi........ sanno di pura e semplice normalità....
    veronica

    RispondiElimina
  14. ultimamnte leggo poco i miei blog preferiti e scrivo ancora meno, ma il tuo post mi ha fatto un sunto carino di quello che è successo nella tua vita e...mi piace!
    (ma dall'hai stylist sei uscita riccia o liscia?) :-)

    RispondiElimina
  15. Sono bravissimi a rendere speciale la nostra vita di tutti i giorni!
    Ecco qui anche il mio post: http://tazze-spaiate.blogspot.it/2015/05/succede-ad-aprile.html

    RispondiElimina
  16. Che bello leggerti, mi piace davvero tanto e non ci crederai mai ma lo faccio al lavoro durante la pausa caffè meritatissima!
    Mi ci sono vista tantissimo nel pomeriggio di ferie per il cambio stagione che poi si è rivelato una gita al Luna Park, bè se ti consola anch'io non riesco mai a trovare il tempo per farlo! Speriamo in questo week end che dicono sia piovoso!

    Un bacio!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.