Passa ai contenuti principali

LA FATA E IL POMPIERE

In principio era il cowboy e la fata, poi siamo passati attraverso il poliziotto della Paw Patrol, e Spiderman. Dopo ancora è spuntato un mago, un cavaliere e ha tentennato molto davanti al pirata (amore incondizionato di tutti i suoi carnevali). Alla fine ha deciso per un normalissimo pompiere, però ha voluto tre cappelli diversi. 

Cicina invece sarebbe stata fata, in realtà non perché, lo avesse deciso, ma perché sorella n.2 ci aveva gentilmente omaggiato di un vestito mai usato e che su di lei era addirittura perfetto. Si mirava e rimirava davanti allo specchio, faceva la ruota, e studiava pure, come le "buttava addosso". Orgogliosa del cappello turchino e pure della bacchetta color oro, che teneva a mezz'aria dandosi un'importanza che hanno, appunto, solo le fate. L'abbinamento era quanto mai bizzarro ma loro, fregandosene degli stereotipi, nel salone della festa ci sono entrati mano nella mano.Una festa di carnevale per soli bambini è un'esperienza da affrontare con il giusto spirito e con tanto coraggio. Fuori c'è la vita normale, ma varcata la porta ti trovi dentro un girone che nemmeno Dante saprebbe classificare. Strani personaggi colorati, sfrecciano a ogni lato, li schivi come puoi e cerchi di farti spazio in una bolgia di coriandoli. Ovviamente non puoi comunicare, alle feste di carnevale chiacchierare è reato, i decibel violano qualsiasi legge e al massimo puoi fare quel giochino per cui si devono indovinare le parole dal movimento delle labbra, ma è chiaro che ti sentiresti un po' cretina a dover imbastire una conversazione. La prima cosa che ho fatto, in realtà, è stata cercare un punto strategico di osservazione: loro avrebbero avuto un ampio margine di manovra ma io non li avrei comunque persi di vista. Poi mi son messa a fare un censimento: Spiderman, non c'è dubbio, piace e Batman non se la cava male. I pirati, manco a dirlo, ce n'erano a galeoni, e a un certo punto ho smesso di contare le Minnie le Biancaneve. Ho rivisto le Pink Lady, incontrato il sosia di Don Matteo in bicicletta e pure una bambina che impersonava Amy Winehouse, come faceva a sapere chi fosse, di grazia, ancora me lo chiedo. C'erano i punk che credevo estinti, un Emo, e la Banda della notte con catene e fazzoletti che coprivano mezzo viso... ah si c'era pure un bambino vestito da diavolo e, a dire il vero, un po' mi ha inquietato. 
Mi sono tornati in mente i miei di carnevali, quando mia madre si organizzava con quel che c'era in casa e nessuno, compresa me, capiva da cosa mi ero vestita.Oggi da quel che c'è qui, le cose vanno molto diversamente.
Di pompiere comunque c'era solo lui e ne è stato orgoglioso ma senza dubbio la più originale della festa è stata Miss Asia, figlia n.1 di sorella n.2 che si è rifiutata categoricamente di indossare qualsiasi inutile orpello (ed era la sola) e che ha rimandato al mittente quelle strane antenne gialle che sua madre voleva rifilarle abbinandole a una maglietta rosa! Posso capirla!

Commenti

  1. Eh sì che puoi capirla, la tua nipotina! :D
    Comunque, io come te vestivo, a Carnevale, con quel che c'era. Di solito ero una zingarella (credo). Oggi i bambini vogliono di più, e noi li accontentiamo. Ma - sia chiaro - io ancora oggi odio il Carnevale.

    RispondiElimina
  2. noi pure abbiamo avuto una festa in maschera ed eravamo uno dei 5 spider man presenti! Ma da te non era pieno di Elsa! Noi ne avevamo 10!|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono rimasta stupita perché non ce n'erano, forse un paio ma non ne sono nemmeno tanto sicura.

      Elimina
  3. qui invasi da Frozen :) noi Cappuccetto rosso, assolutamente tradizionali.

    http://bit.ly/191JBUL
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vestito da cappuccetto rosso l'ho cercato per Cicina ma non l'ho trovato!

      Elimina
  4. Il Carnevale a me non è che piacesse gran che, nel senso che solo da piccolissima mi sono mascherata, poi appena ho avuto modo di decidere da sola mi sono rifiutata di mascherarmi. Ma ora che ho i bimbi che si mascherano mi sta piacendo molto di più ;-) e quest'anno avremo un pesciolino dalle striature azzurro-blu e una Minnie.
    Il pesciolino parteciperà lunedì 16 alla festa dell'asilo che si terrà come l'anno scorso nella palestra del complesso scolastico di un paese a pochi chilometri dal nostro (quindi con tanto di emozionante viaggio di ben 10 minuti e anche più nel pulmino giallo della scuola!!!), Minnie invece martedì 17 andrà con buona parte dei suoi compagnetti di scuola ad una festa organizzata in paese in un locale, con animazione e buffet.

    Immagino che dolci i tuoi bimbetti, Piky! Cicina-fata che si ammira nello specchio mi sembra di vederla :-) e il pompiere sarà stato orgogliosissimo di essere l'unico "esemplare" del genere a quella festa :D

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il carnevale non è nemmeno tra i miei ricordi preferiti forse perché non sapevo nemmeno io da cosa mi sarei mascherata, per questo a loro non negherei mai una scelta, vestitino da fata a parte ma d'altronde lei è ancora piccola!

      Elimina
  5. e nessuna Elsa???
    qui speriamo di farcela almeno una di festa, visto che siamo di nuovo a casa malaticce. Parla con tanto orgoglio del suo abito.
    Ai tempi nostri ricordo che c'erano le tanto anonime ma carine dame (io son stata una dama due volte, poi per fortuna ho deciso per Lady Oscar, Una lucciola insetto -eheh - e un clown). Buon carnevale :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto un paio e non ne sono sicura! Facci sapere se siete andate, io incrocio le dita con voi che anche qui son tornati bacilli e tosse!

      Elimina
  6. Miciomao si vestirebbe sempre da Scream, sia da halloween che a carnevale, lo fa da anni. Quest'anno vorrei che cambiasse, può scegliere tra tre completi, vedremo se cambia idea

    RispondiElimina
  7. Che bella l'immagine dei tuoi piccoli entrare mano nella mano :')
    Avrei voluto esserci!

    Maira

    RispondiElimina
  8. la tua nipotina ha ragione, giallo e rosa non c'azzeccano!! Che bello questo reportage carnevalesco, i tuoi nanetti sono sempre adorabili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una festa di carnevale è una gran prova...per i genitori intendo!

      Elimina
  9. quanto è complicato questo carnevale... noi siamo in bilico tra sam il pompiere e principessa... la piccola invece non ne vuole sapere! ˆ_ˆ

    RispondiElimina
  10. La bambolotta sarà cappuccetto rosso e le piace molto il suo vestito...meno la mantellina che le dà noia!

    RispondiElimina
  11. ma di elsa niente? qui è tutto frozen in giro!

    RispondiElimina
  12. Le Pink Lady cosa sono?! conosco solo le mele, ma dubito che qualcuno si sia travestito da mela :)

    RispondiElimina
  13. noi abbiamo optato per il cattivo di Star Wars perchè Batman non lo abbiamo trovato :)

    RispondiElimina
  14. Anche noi costume riciclato per il piccolo: un dinosauro un po' equivoco (dovrebbe essere un T Rex ma sembra più una salamandra!) che a lui piace da morire.
    Il grande non sapeva da cosa vestirsi e così metterà il vecchio Kimono.
    La sfilata per noi milanesi sarà sabato... vedremo un po'!

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.