Passa ai contenuti principali

VADEMECUM DA SPIAGGIA (le nostre vacanze serene)

Ve l'ho raccontato un paio di giorni fa: siamo stati al mare, eravamo in tanti, piuttosto rumorosi e di sicuro movimentati. Detta così può anche spaventare un po' e probabilmente i nostri vicini di ombrellone hanno tremato pensando alla loro sorte, e invece siamo stati bravi e loro si son dovuti ricredere, perché agitati sì, ma maleducati no e anche se c'è sempre spazio per migliorare, di sicuro mi ritengo soddisfatta del lavoro di questi ultimi anni, di ciò che noi abbiamo insegnato e ancor di più di quello che loro hanno recepito.
Ho avuto modo di osservare e riflettere ed ho stilato una specie di lista su ciò che secondo me, si può, si deve fare e pure pretendere sotto l'ombrellone, affinché la vacanza sia piacevole, divertente e sicura per tutti (vicini compresi).
Partiamo con l'argomento SICUREZZA perché perdersi in spiaggia, è facilissimo e, infatti, ogni due per tre partiva un annuncio al microfono. La folla di persone, le file di ombrelloni tutti uguali, il via vai sul bagno asciuga e tutto il resto, rendono difficile l'orientamento e per i più piccoli, specie se sono in acqua, è un attimo finire diversi metri più in la.
Consapevole di ciò, all'inizio ho sfiorato l'idea del braccialetto poi ho optato per un metodo più classico e ho spiegato.
Memorizzare i colori del proprio ombrellone e dello stabilimento e prendere dei punti di riferimento facili da individuare. Nel nostro caso il pattino rosso posizionato a riva, ha funto da bussola. In più "Se da dove ti trovi non riesci a vedermi vuol dire che sei troppo lontano e devi avvicinarti
,se proprio non mi trovi, avvicinati ad altre mamme e di il tuo nome".
Eh sì perché questa cosa di dover chiedere aiuto non mi lascia molto tranquilla, "E se chiedendolo becca la persona sbagliata?", così ho preferito indicargli altre mamme (donne con bambini) come persone di riferimento. Forse andrebbero bene anche poliziotti, carabinieri e persone in divisa ma insomma io ho preferito puntare sulla nostra categoria. Una mamma per me è una mamma.
Punto due sulla sicurezza sono le situazioni in cui potrebbero farsi male. Sappiamo che tenere sempre gli occhi puntati addosso non è realisticamente possibile (pena l'esaurimento) e alla fine nemmeno giusto. Credo sia più utile insegnargli cosa va bene e cosa invece nasconde il pericolo e la probabilità di farsi male. Se ad esempio, l'amico si lancia a testa in giù su mezzo metro d'acqua non è detto che devi farlo anche tu, correre con le ciabatte e in mano una fiocina, lo devi capire che non è il caso, così pure che la sabbia non si mangia. Con occhi vigili, gli ho dato fiducia e non me ne sono pentita.
Per quanto riguarda poi i COMPORTAMENTI RISPETTOSI del vivere civile, ho fatto una cernita, non si può proibire tutto è chiaro ma è giusto insegnare il rispetto degli altri soprattutto di chi figli non ne ha e che non è detto debba sorbirsi schiamazzi e invasioni di campo quindi, la sabbia non si tira, e a palla vicino a chi si sta riposando, non si gioca. Niente urla ne corse sfrenate tra gli ombrelloni, si chiede permesso e si dice "grazie". Stessa cosa in albergo, non si urla nei corridoi e al ristorante non si gira tra i tavoli. I capricci in pubblico sono vietati, e davanti all'ennesima bancarella di giocattoli non si piantano grane se la mamma dice no.

Certo a rileggere questa lista potrei sembrare esagerata agli occhi di molti ma se tutto ciò è vissuto nella normalità, loro, i bambini, non ci fanno nemmeno caso e non vivranno con la sensazione di essere privati di qualcosa ma semplicemente con l'idea che per fare ogni cosa c'è un modo e quello che insegnano mamma e papà va fatto.
Il rispetto è un concetto difficile che molte volte nemmeno un adulto sa mettere in atto, insegnarlo fin da piccoli credo sia essenziale, prima di tutto per loro che con educazione avranno strade aperte e più facili da percorrere.
Di sicuro avrò peccato in qualcosa, magari qualche naso storto ci sarà pure stato ma ho fatto del mio meglio e sono aperta a consigli e suggerimenti aggiuntivi, li userò per la prossima vacanza che si spera non sia fra molto.

Commenti

  1. ma che esagerata! Mi sembrano ottime considerazioni, sia quelle sulla sicurezza che quelle sul comportamento. Che è vero che i bambini sono bambini ma questa mica è una scusa per ogni comportamento!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo che quando di figli non ne avevo c'erano situazioni in cui temevo un po' la presenza di bambini, tipo in aereo o appunto in spiaggia o al ristorante. Oggi cerco di evitare gli stessi disagi ad altri che figli non hanno.

      Elimina
  2. Super bravissima! Soprattutto mi è piaciuta l'idea di dire al pupo che se si perde, può chiedere aiuto ad un'altra mamma. Mi sembra un OTTIMO consiglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è per non fidarsi del mondo, ma una mamma è sempre una mamma e per lo meno dovrebbe avere più empatia in caso di aiuto

      Elimina
  3. Poche regole ma buone, così x loro è più facile rispettarle.
    miciomao urla molto, anche quando si parla normalmente. Noi abitiamo in una casa soli, isolati, quindi non gli abbiamo mai dato peso, ma quando sei in mezzo alla gente è ben diverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai se è uno a urlare alla fine ci può stare...noi ne avevamo cinque!

      Elimina
  4. No no, altro che esagerata, magari tutte le mamme spiegassero queste semplici regolette di civile convivenza in spiaggia!!! Ottima cosa, io voto SI' ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente a guardami intorno in quei giorni ho visto tanti comportamenti che non vorrei mai i miei figli tenessero. Non so se i genitori non abbiamo spiegato o semplicemente che dai bambini non sempre è facile ascoltare, diciamo che più che altro mi sembra di aver visto nei piccoli i stessi comportamenti dei grandi.

      Elimina
  5. Brava, io credo che siano regole essenziali... Il problema nasce poi nel farsi ascoltare... Io ho paura di non riuscirci quando sarò mamma, che magari in teoria sarò brava e impeccabile e poi nella pratica mi farò mettere i piedi in testa... Speriamo bene va... Intanto studio bene ;)

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farsi ascoltare non succede così, è un lavoro lungo che richiede mooooltaaa pazienza perché loro di natura si oppongono e ribellano un po' a tutto, non ci si riesce sempre ma se c'è costanza, tra le tante cose che si insegnano, molte riescono a passare e dopo non devi ripeterle nemmeno più perché faranno parte del loro naturale comportamento.

      Elimina
  6. Secondo me, non si è mai esagerati nell'insegnare l'educazione ed il rispetto per gli altri al giorno d'oggi! Brava! E poi è super importante dare ai nostri figli qualche strumento per difendersi e uscire da situazioni "particolari" anche da soli invece che renderli vulnerabili facendo finta di niente o sperando che vada tutto bene! Ad alcune cose non ho mai pensato e il fatto di chiedere aiuto ad un'altra mamma mi sembra un'idea molto sensata! Grazie del suggerimento!
    Un abbraccio
    Manuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho troppa paura che si facciano male o che incappino in situazioni di pericolo, per non stare in guardia ma più che altro per non insegnarlo a loro.

      Elimina
    2. Anche questa settimana ho inserito il tuo post nella mia classifica Top of the Post!!!
      http://festeesorrisi.blogspot.it/2014/07/top-of-post-4-28-luglio-2014.html#more
      Ciao
      Manuela

      Elimina
  7. No non sei per niente esagerata. Tutte cose sacrosante, soprattutto l'attenzione allo smarrirsi in spiaggia, cosa di cui io sono terrorizzata....ma ormai avere sempre la piccola sott'occhio è pura utopia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ascoltavo tutti quei annunci al microfono e rabbrividivo per i genitori e stavo li a chiedermi per il resto della giornata se l'avessero ritrovati. Capita molto di frequente.

      Elimina
  8. invece mi sembra che tu abbia elencato tutte cose più che ragionevoli! anche per quanto riguarda la sicurezza! Ora Pablito cammina poco e male e seguirlo è facile ma c'è un'età in cui è difficile anche spiegargli il concetto di ombrellone, pattino ecc...comunque se tutti ragionassero come te sarebbe un'estate migliore per tutti! io sono stata un pomeriggio intero con dei 13enni lasciati soli nell'ombrellone accanto a me con la musica a palla, a urlare nell'ora della siesta di Pablito, mia e di altre persone, poi eravamo in piscina, neanche a dire al mare...molto più tranquilla come situazione. Quanto avrei voluto che la madre avesse spiegato loro, come ha fatto la mia con me, il rispetto per gli altri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella fascia d'età ho visto che è difficile da "domare", perché il controllo è limitato, certo se l'insegnamento arrivasse da prima....poi magari i miei figli a 13 anni faranno lo stesso e capirò che il lavoro fatto è andato al vento, però ci provo.

      Elimina
  9. A me sembra un vademecum moooolto ragionevole!!!
    Il rispetto e l'educazione si devono insegnare, su questo non c'è dubbio e mi sembrano regole condivisibili e semplici.Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo sia giusto metterne troppe di regole, in fondo è vacanza e il clima di libertà renderebbe difficile farle rispettare tutte, però il fatto che son bambini, come dice Lucia non può essere una scusa per fare sempre ciò che si vuole.

      Elimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.