Passa ai contenuti principali

COSE BELLE "DA MASCHI"


Oggi iniziano i mondiali, la nazionale italiana è pronta e "spaparanzata" sotto il sole del Brasile e la scorsa settimana proprio qui a Perugia, ha giocato contro il Lussemburgo, l'ultima amichevole prima della partenza.
A casa mia, qualche settimana prima, sono apparsi due biglietti.
Cosa dire a due maschi che hanno deciso di andare a vedere la propria squadra del cuore allo stadio?
Niente, perché niente potrà fargli cambiare idea e d'altronde perché mai dovrebbero farlo? In realtà non ci ho neanche provato, anche se alla rivelazione, la mia anima ha gridato silenziosamente NO, mentre un'insegna al neon illuminava il concetto STADIO = PERICOLO.
Non è vero lo so, non esistono luoghi e situazioni più o meno pericolose, è come le si affronta che fa la differenza. Lo so, però e pur vero che la cronaca non lascia tanto scampo e se dovessi decidere di mandare i miei figli in qualche "dove" a cuor leggero, di sicuro non sarebbe a vedere una partita ma che caspita, andrà con il padre e il Principe è campione mondiale in prudenza per fatti del genere e così mi sono arresa all'attesa.

In casa aleggiavano grandi premesse e altrettante aspettative. Si è spiegato, se n’è parlato, si sono racimolati gadget e abbiamo ripassato l'inno. Cestino era su di giri per la novità ma il Principe addirittura "ubriaco" per questa serata di soli uomini. Io e Cicina siamo state liquidate fuori perché queste si dice "son cose da maschi".
Ho messo a tacere ansie da mamma e ho promesso a me stessa che non avrei fatto la lagna.
Poi il grande giorno è arrivato e Cestino si è svegliato con l'idea che sarebbe stata una giornata importante.
Dopo l'asilo, il pomeriggio l'ha passato in preparazione con il papà, non so cosa si son detti né cosa abbiano fatto, ma sulla strada verso lo stadio hanno deviato e mi hanno concesso un saluto al lavoro. Vederlo vestito di tutto punto, come si conviene ad un vero tifoso, mi ha fatto "vacillare" e mi sarei buttata ai loro piedi implorandoli di portare anche me. Per fortuna andavano di fretta e nemmeno sessanta secondi dopo erano già fuori, risparmiandomi così l'"umiliazione".

Del resto della serata, a parte che hanno mangiato schifezze, so poco, ma sono rimasta alla finestra ad aspettare il loro ritorno e quando al rientro correndo ha afferrato un pallone ed improvvisato una sfida nel salotto di casa, ho avuto l'esatta percezione di ciò che ha vissuto e l'ho visto più grande, tanto più grande....
Oggi è il 12 giugno, Leonardo compie quattro anni... mi sembra ieri quando per la prima volta ci siamo incontrati.

Commenti

  1. Augurissimi al piccolo Leo!!! Beh, è stato anche questo un modo di festeggiare, no? Nemmeno io amo gli stadi, ma sono "femmena" come dice Isabel e queste, appunto, son cose da maschi.

    RispondiElimina
  2. Ma auguroni Cestino!!!!!!!! Da noi il calcio è una realtà sconosciuta... Qui ci sono le moto... E quelle sì che sono pericolose.... Uff....

    RispondiElimina
  3. Auguri Leonardo!!! Che gioia vederlo crescere così, appassionato e frizzante ^_^
    e auguri anche a te, che quel primo incontro ti ha stregata per la vita <3

    RispondiElimina
  4. auguri al quattrenne!!! anche Pilucco adora il calcio e ha solo 1 anno e 1/2..non oso immaginare a 4 anni!!

    RispondiElimina
  5. Tanti auguri a Leonardo!!! Non sono mamma, ma immagino la tua preoccupazione... Ma stai tranquilla, andrà tutto bene...

    Maira

    RispondiElimina
  6. Tanti auguri all'uomo di casa!!
    Rassegnati al dio calcio...per i maschi non esiste altro!! Buoni mondiali ;-)

    RispondiElimina
  7. Augurissimi!!!
    Il Tato non vede l'ora di fare queste cose col suo ometto...Spero che gli piaccia il calcio! E so che mi coinvolgeranno...Anche se a oggi, ne farei a meno!Ma dev'essere bello vederli emozionarsi per questi appuntamenti da grandi e da maschi!

    RispondiElimina
  8. Auguri al piccolo Leonardo! Oddio... al posto tuo sarei morta! Meno male che Cicina ti ha distratto! Ma auguroni anche a te MammaPiky, buon quattresimo compleanno da mamma ... ripensare al primo incontro...e vederli crescere e diventare qualcosa di UNICO e diverso da noi EMOZIONE.
    Un forte abbraccio <3

    RispondiElimina
  9. AUGURI LEONARDO!

    per fortuna noi in famiglia non amiamo il calcio, preferiamo altri sport più formativi a mio parere...quindi seguiremo l'Italia solo per piacere nazionale ma se mi chiedete la formazione non saprei cosa rispondere....

    RispondiElimina
  10. Prima di tutto tanti auguri a Leonardo!
    Ritieniti fortunata che tuo marito ha portato tuo figlio allo stadio a Perugia che immagino sia una città tranquilla. Mio marito sta già insegnando a Diego gli inni della sua squadra argentina, il Boca Junior, promettendogli che andranno a cantarli alla "bombonera", lo stadio del Boca appunto, nel quartiere Boca di Buenos Aires. Non so se ne hai mai sentito parlare o ci sei stata ma non è certo un luogo molto raccomandabile se non ci sei nato.....non so quando accadrà ma ho già l'ansia...

    RispondiElimina
  11. Auguri a Leo!!!
    Queste esperienze 'tra uomini' sono preziose e saranno sicuramente un ricordo prezioso per padre e figlio....anche le esperienze 'tra donne'.....peccato: io ho solo figli maschi!!!

    RispondiElimina
  12. Auguri piccolo Leo!!
    Io e mio marito siamo volley addicted...il che significa che i nostri figli si appassioneranno a qualsiasi cosa che non sia pallavolo! Ovviamente potranno scegliere quello che vogliono, ma il calcio spero di noi! ;-)
    Al di là dello sport in sè, resta il piacere di un momento così intenso condiviso tra padre e figlio...quello non ha davvero prezzo! ^_^

    RispondiElimina
  13. Auguri!!!

    Figlio ha solo 3 anni e per ora di queste cose 'da maschi' non ne sente la necessità. Forse perchè allo stadio non ci andiamo (((per fortuuuunaaaa))) o perchè siamo pallavolisti (come se al palazzetto non si dicesse neppure una parolaccia ...) ma comunque sia, anche solo l'uso autonomo del vasino mi fa capire che stà crescendo alla velocità della luce!

    RispondiElimina
  14. Guarda, a casa mia il calcio é... cosa da DONNE!! quindi cosa dirti... io ci andrei anche con le gambe rotte a gridare a squarciagola insulti vari! ;) non posso immaginare come era contento! e ovviamente adesso vuole essere calciatore!
    un bacione!

    RispondiElimina
  15. Wow...bello questo racconto...di questa loro esperienza da maschi!!! per un attimo ho immaginato lascena che mi presenterà tra qualche anno con M. e Pietro...e spero in una conclusione della serata uguale alla loro. Beh un grosso grosso augurio a Cestino e anche a te <3

    RispondiElimina
  16. Auguri Leonardo!! Questo racconto dell'esperienza vissuta con il padre mi ha emozionata. Chissà l'entusiasmo di lui piccolino per la prima volta allo stadio con il papà! Fantastico! Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Auguri Leonardo! Sicuramente per lui e il papà è stata una bellissima esperienza ma anch'io come te avrei un pò temuto lo stadio. Anche il mio Leonardo ha già la fissa per il calcio e papà non vede l'ora di portarlo allo stadio, affronteremo la questione fra un pò di tempo per fortuna!

    RispondiElimina
  18. Auguri a Cestino, ops, Leonardo!!!!

    RispondiElimina
  19. questi intendimenti tra padre e figlio, queste complicità…mi fanno venire i brividi (di gioia).
    Ancora auguri ritardosi, leo!

    RispondiElimina
  20. Tanti auguri a Cestino L'Ometto!!! :)))

    RispondiElimina
  21. Auguri patatino! Come crescono....

    RispondiElimina
  22. ma ho pubblicato il commento?

    RispondiElimina
  23. ahahahhaah nooooooooooooooo" a quanto pare no!! uffa, era lunghissimo! vabbè, il succo è che: al momento Pablito ha occhi solo per me ma non vedo l'ora di vederlo complice anche con il papà :) ma sarei anch'io preoccupata per lo stadio. Dovrebbe essere un posto sereno ma ci sono partite pericolose, ammettiamolo! e comunque sì, dipende anche molto dal papà o comunque da chi li accompagna. Comunque il mio compleanno è l'11 giugno, quindi ora il tuo piccolo mi sta ancora più simpatico!! :D auguri anche da parte mia!!

    RispondiElimina
  24. Ciao, ti ho nominato nel mio Top of the post della settimana per il blog MAM

    http://mammaaiutamamma2014.blogspot.it/2014/06/top-of-post-16-giugno.html


    E Auguri al piccolo! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Con un commento mi regalerai un sorriso

POST PIÙ LETTI

GLI INVISIBILI

  Ora ve lo dico quello che penso perché dopo l’ultimo decreto, intensificare le lezioni di yoga non mi aiuta più e mi sono stancata di sentire che “eh ma che vuoi farci un’emergenza così non era mai capitata” ...a parte che la storia vi smentisce e per i mezzi dell’epoca alla fine forse se la sono cavata meglio di noi ...e non venitemi a dire che una volta non ci si spostava come oggi e che il rischio di contagio era minore...con il cacchio che lo era, considerando le condizioni igieniche e che in una casa ci vivevano anche in 20! Comunque il nuovo decreto tra le varie cose, su cui voglio sorvolare, perché alla fine sono disposta a credere nella bontà delle intenzioni, c’è la disposizione che i bambini già dalle elementari devono indossare la mascherina anche quando sono seduti al banco e per tutte le ore di lezione.

LA RIPARTENZA

Abbiamo ripreso più o meno la vita di sempre.  I ritmi lavorativi, ritornati nella norma , hanno spazzato via anche le ultime riserve di riposo che la quarantena ci aveva regalato. La didattica a distanza ha fatto il resto e sto facendo il conto alla rovescia insieme ai miei figli. Siamo tornati al ristorante già un paio di volte e mangiare la pizza appena sfornata non ha niente a che vedere con la consegna a domicilio. I pargoli di casa hanno ripreso gli sport e ora ci stiamo organizzando per il corso di nuoto estivo. Siamo tornati al super , a comprare vestiti e scarpe, al percorso verde della città, al mercato ....e desidero fortemente un breve fuga al mare nell’immediato.

COSA TENGO E COSA LASCIO

In teoria sarebbe da prendere e da buttare : tutto, anche i primi due mesi dell’anno, perché sono stato il preludio alla tempesta con in più il rammarico di aver creduto a chi, ai tempi, ci diceva “non è niente, è solo un’influenza”. Insomma questo 2020 dall’inizio alla fine non ci ha lasciato speranze e non ha avuto chance ...credo che mai come quest’anno, la gente abbia aspettato la mezzanotte per salutarlo e, mi verrebbe da aggiungere, in malo modo. Però l’altra sera, mentre tornavamo a casa in macchina, ho fatto un sondaggio casalingo  “Cosa lasciate e cosa tenete di questo 2020?”  Non hanno avuto dubbi... le vacanze : quelle sulla neve di febbraio e le altre al caldo sole di agosto. I compleanni, il calcinculo sotto casa che ci ha tenuto compagnia per tutta l’estate, l’inizio del lock down, quando non andare a scuola sembrava solo una festa, la ripresa di settembre , l’emozione di rivedersi , e poi queste feste , rinchiusi in casa ma felici e con la pancia piena. Ed io?

GIGANTI NEL GIARDINO DI CASA

Hanno visto restringersi il mondo dalla sera alla mattina, in una manciata d’ore tutto è cambiato senza che se ne rendessero conto, con una percezione di quello che c’era fuori “giustamente” filtrata dalle parole di mamma e papà. Da sempre considerati “piccoli” e quindi bisognosi di una guida, in questa situazione sono stati considerati addirittura “invisibili” , ignorati in tutto e per tutto dalla moltitudine di disposizioni, che nel frattempo però si stavano occupando di giri del palazzo, delle necessità dei cani e persino del dilemma “cancelleria sì o cancelleria no”. È vero era un’emergenza, ma lo era per tutti, anche per loro, per cui nessuna polemica, ma nemmeno nessuna scusante per il vuoto cosmico che li ha travolti.

IL 2020 CHE VERRA'

Sarà che quando una cosa nasce storta, ci credo poco che si raddrizzi, sarà che mio fido molto della prima impressione e pure che l’esperienza, nel bene o nel male, difficilmente mi porta così lontano dalla realtà…sta di fatto che questo 2019 mi è stato antipatico fin da subito e che oggi dopo 12 mesi, sono veramente contenta che finisca…ovviamente con la speranza che il 2020 non sappia fare di peggio.